Di tanti pulpiti.

Episodiche esternazioni sulla musica lirica e amenità varie. Sempre tra il serio e il faceto, naturalmente. #verybullo

Un motivo in più per amare Giuseppe Verdi.

Sto uscendo (almeno, spero) da un periodo difficile, lo sapete tutti.

Nelle settimane scorse ho cercato conforto nella musica e nei libri.

Le notizie, anche gravi, provenienti dai media, mi sono scivolate addosso.

L’unica circostanza in cui mi sono davvero scosso, anche se può sembrare strano, è quando ho sentito il pastore tedesco abbaiare.

Io non sono un mangiapreti, anzi, ritengo che gli anni passati in oratorio siano stati fondamentali per la mia vita: ho ricevuto solo insegnamenti positivi.

Però ora mi pare che il pastore tedesco stia passando il segno.

La posizione di Giuseppe Verdi nei confronti della Chiesa era questa:

"Non posso conciliare Parlamento e Collegio dei cardinali, libertà di stampa e Inquisizione, Codice Civile e Sillabo. Che domani venga un Papa destro, astuto, un vero furbo, come Roma ne ha avuti tanti, e ci ruinerà. Papa e Re d’Italia non posso vederli assieme nemmeno in questa lettera."

Ora, a distanza di circa 150 anni da questa lettera di Verdi, io la penso allo stesso modo.

Amen.

Nel frattempo, mentre io non scrivevo neanche su questo modesto blog, il mio amico Bob pubblicava questa sua opera prima, non so se mi spiego.

Se passa da queste parti, andremo a passeggiare insieme sul Sentiero Rilke, lui mi leggerà le sue poesie, io m’innamorerò e diventeremo una coppia di fatto. (strasmile)

Alla faccia del pastore tedesco.

Annunci

26 risposte a “Un motivo in più per amare Giuseppe Verdi.

  1. bobregular 22 marzo 2007 alle 11:16 am

    l’ho scritto con questa segreta speranza!!! :-DD

    posso dirlo al tuo pubblico? accattatev’illo!!

    Mi piace

  2. megbr 22 marzo 2007 alle 11:20 am

    e Don Peppino era anche una coppia di fatto… avrà mandato anche lui la raccomandata alla Strepponi?? :-)))

    Mi piace

  3. utente anonimo 22 marzo 2007 alle 12:04 pm

    Il pastore tedesco mi fa venire voglia di diventare luterana.
    Il mio appoggio incondizionato al povero Bob, nel caso diventiate una coppia di fatto. Ah, sìsìsìsìsì.

    La meditabonda Margot :o)

    Mi piace

  4. bobregular 22 marzo 2007 alle 3:08 pm

    vedo più probabile che diventiamo una coppia di fatti. 😉

    Mi piace

  5. utente anonimo 22 marzo 2007 alle 3:42 pm

    Carina quella della coppia di fatti! 🙂

    Mi piace

  6. amfortas 22 marzo 2007 alle 3:43 pm

    Lo sapevo che Bob m’avrebbe rubato la battuta, margie 🙂

    Mi piace

  7. utente anonimo 22 marzo 2007 alle 5:43 pm

    qui è tornato il sorriso e meglio che taccia su quel che penso del grignoso tedesco, mi affido al Verdi anche io! Strano che non ci sia il commento del Med….

    appro…..te sei fatto rubbbbà la scena!!!! clap clap al poeta!

    grisù

    Mi piace

  8. massimo_oximor 22 marzo 2007 alle 6:26 pm

    ha proprio scritto un papa destro che ci ruinerà?
    Profetico direi!

    Mi piace

  9. utente anonimo 22 marzo 2007 alle 10:43 pm

    Coppia di fatto (o fatti)?
    Ego non absolvo
    (ritorna il latinorum).
    ciao dalla piovra

    Mi piace

  10. utente anonimo 22 marzo 2007 alle 10:53 pm

    se ti dicessi che preferisco Puccini ?
    🙂
    luana

    Mi piace

  11. sgnapisvirgola 22 marzo 2007 alle 10:57 pm

    “Non posso conciliare Parlamento e Collegio dei cardinali, libertà di stampa e Inquisizione, Codice Civile e Sillabo. Che domani venga un Papa destro, astuto, un vero furbo, come Roma ne ha avuti tanti, e ci ruinerà…

    E i Ruini fanno ohhhhhhh
    che meraviglia che meraviglia…

    Ma Verdi era un veggente?:)

    Mi piace

  12. utente anonimo 22 marzo 2007 alle 11:42 pm

    Confesso che ho avuto difficoltà enormi a capire chi fosse il “pastore tedesco” di cui parlavi. Sapendo del tuo atteggiamento verso i cani ho pensato a un infausto incontro con un collega del commissario Rex. Ciao amf

    Mi piace

  13. lucamadeus 22 marzo 2007 alle 11:53 pm

    grazie di ogni tuo passaggio Paolo, che ne vale dieci tutti insieme
    un forte abbraccio
    L.

    PS: un piccolo presente, sicuramente lo conosci già:

    Mi piace

  14. amfortas 23 marzo 2007 alle 10:07 am

    Draghetto, il commento di Med arriverà, vedrai 🙂
    Massimo, sì sì , ha scritto proprio così 🙂
    Octopus, magari tornasse il latinorum!
    Luana anche a me piace Puccini, ma è un po’ troppo sdolcinato, qualche volta…e poi sembra aver vinto l’appalto per i suicidi delle donne 🙂
    sgnapisvirgola, Verdi è stato profetico per tante cose 🙂
    Capitano, forse perchè sei arrivato cantando ed eri distratto? 🙂
    Luca, grazie.
    Il filmato lo conoscevo già, ma devo dire che non è stato un gran sacrificio rivederlo 🙂

    Mi piace

  15. minstrel 23 marzo 2007 alle 10:32 am

    Spulciando sul mio blog troveresti di certo parecchie indignazioni del sottoscritto che cerca di essere cristiano, ma viene spesso a contatto con l’infimità degli uomini che la sua chiesa costituiscono.

    Sono con te.

    yours

    MAURO

    Mi piace

  16. ivyphoenix 23 marzo 2007 alle 11:28 am

    felice di constatare che ti riprendi e mediti passeggiate su sentieri così panoramici (e detto fra noi… se vuoi ammazzare qualcuno con una spintarella giù dal dirupo non c’è posto migliore)
    è proprio troppo bella trieste
    :-)))

    Mi piace

  17. bobregular 23 marzo 2007 alle 11:36 am

    se vuoi ammazzare qualcuno con una spintarella giù dal dirupo non c’è posto migliore)

    adesso capisco il perché amfortas mi subissa di email con oggetto: vieni a Trieste, ho trovato un modo per valorizzare il tuo libro… :/

    Mi piace

  18. utente anonimo 23 marzo 2007 alle 6:50 pm

    menomale che il pastore abruzzese risolleva l’onore dei cani.
    Ah, grandezza del cane!
    Felicissima di ritrovarti!
    a presto!

    Mi piace

  19. ivyphoenix 24 marzo 2007 alle 8:24 am

    ehm come dire…
    ho preso a prestito una foto del tuo album e l’ho modificata un po’ ma ho inserito il link di riferimento.

    nema problema.. vero?
    ciauuuuu

    Mi piace

  20. amfortas 24 marzo 2007 alle 10:49 am

    Mauro sì ho letto a suo tempo che hai espresso il tuo disagio…
    Ivy, non spaventarmi Bob suvvia :-).
    Per le foto nessun problema, figurati 🙂
    Fiore, hai proprio ragione, purtroppo…

    Mi piace

  21. utente anonimo 24 marzo 2007 alle 8:18 pm

    depravato

    Dodasghignazzante

    Mi piace

  22. filorosso 25 marzo 2007 alle 3:44 pm

    Ho sempre pensato che la fede è un regalo, e i regali non si possono imporre, casomai proporre.
    In questo desiderio di voler convertire a tutti i costi, con le buone o con le cattive, imponendo una verità univoca, ostracizzando ogni pensiero divergente, invocando nessun’altra legge che quella di Dio, vedo un fondamentalismo che mi fa paura.
    In Lombardia si seppelliranno i feti abortiti, e a Milano verranno persino sepolti in un’area specifica, separata dalle altre. Mi chiedo se un semplice regolamento cimiteriale possa entrare così subdolamente e violentemente nel vissuto delle donne, e se una donna che abortisce non abbia il diritto, invece, di essere aiutata a superare il trauma.
    Voler forzare le leggi di un paese significa essere violenti, e peggio ancora è fare violenza attraverso i sensi di colpa, perchè si va a pescare nella parte più vulnerabile dell’uomo.
    L’educazione costruita sui sensi di colpa, attraverso gli editti, e attorno al mito dell’autocontrollo totale non è educazione, ma condizionamento. E’ una cattiva pedagogia, nera e – oltretutto – ipocrita, che mira a rimuovere dalla coscienza le ombre e le contraddizioni dell’essere umano.
    L’educazione significa, innanzitutto, capacità di ascolto, e forse i Pastori – tedeschi e non – dovrebbero esercitare di più questa capacità, prima di minacciare.
    Baci, Filo

    Mi piace

  23. utente anonimo 25 marzo 2007 alle 6:31 pm

    io passo
    tu passi
    egli passa
    noi passiamo
    voi passate
    essi passano
    a salutare a
    l’amico amfy

    malmostosa tenebrosa

    Mi piace

  24. utente anonimo 26 marzo 2007 alle 7:56 am

    Il can tedesco abbaia e tenta di mordere a più non posso, ma non ha denti per farlo, per fortuna nostra non tutti i cattolici si uniformano e soprattutto molti sono i cattolici che pensano, con la loro testa e col Vangelo aperto davanti.
    La mia personale benedizione alle coppie di FATTO, ATTO e DIRITTO!
    Profetico Verdi e sagace tu a ricordarlo in tale contesto!
    Bravo e grande il tuo amico Bob.Un caro saluto;-)Nè

    Mi piace

  25. amfortas 26 marzo 2007 alle 9:44 am

    Doda, vorrei avere un cent per ogni volta che me l’hanno detto 🙂
    Filo, il tuo ragionamento non fa una piega ed esprime perfettamente il mio pensiero.
    Sul seppellimento dei feti sorvolo, perchè dovrei dire cose inaudite.
    Sally, anche noi passeremo da te, quando avremo un po’ di tempo 🙂
    Nenè, grazie dei complimenti, spero vivamente che ci sia un nucleo di cattolici con la testa sulle spalle, anzi, non ho dubbi che ci sia…ma il potere decisionale è un’altra cosa…ciao!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: