Di tanti pulpiti.

Episodiche esternazioni sulla musica lirica e amenità varie. Sempre tra il serio e il faceto, naturalmente. #verybullo

Autoreferenziale.

Oggi mi sono reso conto del perché il sito di OperaClick è sempre più seguito.
Il motivo è evidente: noi finti critici che collaboriamo al sito diciamo pane al pane ecc.
Vi sottopongo questo confronto, tra un critico vero ed il critico de noantri (che sarei io).
Dice l’ottimo Claudio Gherbitz sul quotidiano locale, a proposito del Maestro Gèrard Korsten:
 
"Sollecito e attento, ha ottenuto una buona corrispondenza dall’orchestra, scarnificata nell’organico, spesso sollecitata verso una dinamica alta.
Tensione e apprensione, destinate a smussarsi con le repliche, gli avranno magari impedito di volare alto come può. Conosce bene la partitura ed è stato concentratissimo nel perseguirne la puntualità, al punto da risultare fin troppo rigido, senza il lievito e la libertà che le diverse situazioni psicologiche dell’opera esigono. Una conduzione in linea con i momenti di aggressiva chiassosità del «Don Pasquale», col suo versante buffo, ricco e importante quanto la sua «tinta», il suo fondo di mestizia e pateticità."
 
Ora ecco il finto critico Paolo:
 
Sonorità che definire eccessive è dir poco, piglio da dramma verdiano, nessuna fantasia e leggerezza, una totale assenza di colori hanno caratterizzato la prestazione dell’esordiente (a Trieste) direttore sudafricano. L’esecuzione dell’ouverture ci è parsa un uragano di suono incontrollato. La stessa orchestra è sembrata irriconoscibile, tanto che sono stati numerosissimi gli attacchi sporchi.
Speriamo che nelle prossime recite Korsten riesca a ritrovare un po’di garbo artistico e adegui il volume all’acustica del Verdi.
 
Claudio Gherbitz, in merito ai cantanti:
 
"Le voci dal palcoscenico non saranno memorabili, ma sono state apprezzatissime con consensi a più riprese e a scena aperta per i protagonisti. Grazie all’impianto tecnico, Giorgio Surjan non ha bisogno di barare nel ruolo del titolo; magari, con la figura che si ritrova, è più suo agio nella vocalità pura, persino nei ribattuti, con la voce che scorre fluida, duttile nell’espressione. L’emissione di Mariola Cantarero non ha risonanze particolarmente affascinanti, ma l’agilità è precisa, vola con facilità sugli acuti, e aggiunge al personaggio effervescenza e simpatia innate. Antonino Siragusa sa usare la mezza voce meglio di quanto creda, l’abbinamento a quel tanto di acerbità nell’emissione tenorile si confà comunque al personaggio di Ernesto.
Alberto Rinaldi è un Malatesta seducente per conoscenza della tradizione belcantistica, per morbidezza nei recitativi. Gustosa l’apparizione notarile di Saverio Bambi."
 
Ancora Paolo, alter ego del più noto Amfortas:
 
Giorgio Surjan è stato un Don Pasquale piuttosto scialbo e monotono e non ha trovato, a mio parere, la chiave interpretativa giusta. Ad esempio non è mai teneramente malinconico, e nei momenti in cui il personaggio richiede una connotazione buffa, ricorre ad espedienti piuttosto banali, quando non smaccatamente volgari.
La voce è parsa spesso velata, il volume ridotto, il sillabato stentato, la dizione perfettibile. Buona la presenza scenica, ma è troppo poco.
Forse mi sbaglio, ma credo che Don Pasquale non sia un personaggio che si addice particolarmente al basso, che in altre occasioni mi era sembrato molto più incisivo.
Alberto Rinaldi, nei panni del Dottor Malatesta, è apparso in gravi ambasce vocali. Più volte è stato costretto a parlare invece che cantare; nei concertati non si sentiva e nel duetto sillabato con Don Pasquale si è espresso in una lingua sconosciuta.
Certo, l’esperienza gli garantisce una grande padronanza del palcoscenico, ma il personaggio rimane confinato in un’evanescenza impalpabile, privo di malandrina freschezza.
Antonino Siragusa, probabilmente intimidito dal volume orchestrale, dopo un inizio buono ( Sogno soave e casto) non ha trovato di meglio che cantare tutto forte, dimenticandosi completamente che Ernesto è un giovane innamorato scanzonato e un po’ pacioccone, e non Radames.
In questa maniera, senza nessuna sfumatura e colore, il personaggio esce algido, privo di calore, passione e tenerezza. Peccato, perché Siragusa ha dimostrato altre volte di avere la tecnica per piegare la voce a qualche nuances interpretativa appropriata. Tra l’altro, in quest’impeto, anche gli acuti sono apparsi schiacciati e forzati.
Mariola Cantarero mi ha deluso moltissimo e, nel suo caso, si va oltre il problema interpretativo.
L’intonazione è apparsa almeno incerta, le agilità inconsistenti, il legato difficoltoso, la voce addirittura stridula: inoltre ha abusato di portamenti e falsetti.
Aggiungiamo che, almeno ieri sera, è apparso evidente che di Norina non ha nulla: né la civetteria, né la freschezza giovanile e sfrontata. E poi, Norina è fondamentalmente una buona, un’innamorata un po’ calcolatrice sì, ma non una druda bieca e sordida.
Paradigmatica della pessima serata è stata l’esecuzione del meraviglioso duetto “Tornami a dir che m’ami”, che è scivolato via manierato e senza un’emozione, una tenerezza, un accento realmente amoroso da parte d’entrambi gli interpreti. È mancata del tutto ogni complicità e non si è percepito nessun abbandono.
Corretta la prestazione di
Saverio Bambi, in veste di Notaio.
Vi giuro, e spero di avere il conforto di qualche amico melomane, che io e Gherbitz, a parte qualche sfumatura irrilevante, abbiamo riportato le stesse impressioni sulla serata.
Ora, ditemi, quale delle due recensioni fa capire meglio quello che è successo sul palcoscenico?
Buona settimana a tutti, chiedo scusa se non sono molto presente nei vostri blog, cercherò di rimediare al più presto.
 
 
 
Annunci

15 risposte a “Autoreferenziale.

  1. VanaMind 11 giugno 2007 alle 5:26 pm

    Scusa tu per la mia Amfortas caro!

    Bacio

    Mi piace

  2. utente anonimo 11 giugno 2007 alle 5:55 pm

    Non sono una melomane e per giunta anche una piuttosto ignorante in materia, quindi la mia è solo un’analisi testuale: i testi del “finto” critico Paolo sono freschi, gradevoli, comprensibili, diretti, veri; i testi del “vero” critico Claudio sono pesanti, paludati, noiosi e… cerchiobottisti. Bisognerà raccomandare ad Amfortas di continuare ad ispirarsi a Paolo…
    Ciao!
    Ghismunda

    Mi piace

  3. utente anonimo 11 giugno 2007 alle 6:28 pm

    Gherbitz sembra parlare politichese.

    Viva Trieste
    ciao dal polpo imbandierato

    Mi piace

  4. utente anonimo 11 giugno 2007 alle 8:50 pm

    Il vero critico scrive scrive scrive, ma non si capisce quello che dice. In linea con i tempi, direi.
    Si sa, per affinità lessicale sono più vicina a qualsiasi cosa sia “de noantri”.

    Basci,
    Margot :p

    Mi piace

  5. malaparata 12 giugno 2007 alle 10:30 am

    bellissimo confronto…e bravo!
    Ciao, bianca

    Mi piace

  6. rageout 12 giugno 2007 alle 10:37 am

    Sono in linea con chi mi precede, Gherbitz parla (poco) ma non dice nulla, sembra (ha ragione Octopus) un politico, per giunta cerchiobottista (Ghismunda docet). E’ chiaro che non può inimicarsi nessuno, nella sua posizione (ne ignoravo l’esistenza prima di leggere questo post) non deve essere facile recensire. Però nessuno lo obbliga a stare lì. Paolo invece recensisce infischiandosene del “politically correct”, è chiaro e diretto anche perchè penso non percepisca una lira con queste recensioni. O sbaglio?
    alessandro

    Mi piace

  7. utente anonimo 12 giugno 2007 alle 1:22 pm

    ciao! ti leggo sempre con interesse, apprezzo il tuo acume e la tua ironia.
    Come potrei darti torto?

    Mi piace

  8. utente anonimo 12 giugno 2007 alle 2:29 pm

    A me sembra che abbiate visto due cose diverse…:)
    Nella prima l’unica cosa che capisco è che Gherbitz più che un critico mi sembra un diplomatico…politico e cerchiobottista, condivido. Ma a che serve fare il critico così, ha un senso? (domanda retorica)
    Io preferisco quello che capisco, ovvero la genuinità del “finto” critico (è a questo punto finto è un gran complimento) de noiantri… 🙂

    Mi piace

  9. Princy60 12 giugno 2007 alle 4:19 pm

    Ma io, qui, mi diverto troppo! Mi chiedo se abbiate visto lo stesso spettacolo…. non ho mai sentito gli altri ma Rinaldi è in “ambasce” da sempre. Andrò su OperaClick” a sollazzarmi un po’! ;-)***

    Mi piace

  10. ivyphoenix 12 giugno 2007 alle 8:25 pm

    ciao paolo… qua c’è mia figlia… che venerdì canta lirica… roba grossa.. coro per adulti anche a quattro voci e pure bach…. la “bimba” fa voce di soprano.. le sto mostrando il tuo blog adesso…
    io in partenza per il cadore.. ho i nervi come corde di violino…
    accampata con il pc da mia zia…
    abbraccione

    Mi piace

  11. utente anonimo 13 giugno 2007 alle 5:48 am

    e bravo amfortas,ancora una volta hai fatto centro facendoci capire qualcosa!
    Chi fa il critico di mestiere spesso dimentica che non tutti sono addetti ai lavori!
    un saluto caro…e grazie Triestina:))

    Mi piace

  12. utente anonimo 13 giugno 2007 alle 6:57 pm

    amphy, angelo mio…chi è il critico abilitato? uno che appartiene al regime, ha studiato la tecnica e s’è scordato del gusto. porta l’acqua al mulino che luccica già di suo. che t’aspetti?

    ole /.)

    Mi piace

  13. minstrel 14 giugno 2007 alle 8:15 am

    Eh no! C’è poco da giurare carissimo! Qui c’è un articolo chiaramente truffaldino e uno che spiattella la verità senza veli!
    Se il vero critico la pensa come te, beh a questo punto è chiaro che ha scritto un articolo “di comodo”.

    sa usare la mezza voce meglio di quanto creda è memorabile…

    O_O

    yours

    MAURO

    PS: innegabilmente scrive bene il giornalista, ma a volte conta quello che scrivi… ammiro chi come Bob ha afferrato quel mondo per poi lasciarlo per i ferri suoi piuttosto che cominciare a scrivere, come dire, su commissione…

    Mi piace

  14. utente anonimo 20 giugno 2007 alle 5:08 pm

    fermo restando che alcuni critici sono davvero insopportabili ed altri adorabili (pochi) mi fido di più delle opinioni dei non critici, forse perchè le sento venire dal profondo delle emozioni, quelle dei critici spesso sono frutto di legami collegati agli studi o ai rispettivi percorsi formativi, non so amfortas mi fido più di una tua recensione che della recensione di una persona che spesso indossa l’abito del primo della classe a tutti i costi….un caro saluto

    maltese

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: