Di tanti pulpiti.

Episodiche esternazioni sulla musica lirica e amenità varie. Sempre tra il serio e il faceto, naturalmente. #verybullo

Nuovi mostri, take one.

Trieste, corridoio del Pronto Soccorso.
Una mamma dell’apparente età di 33-34 anni è in attesa di una visita specialistica per il figlio adolescente, diciamo sui 15.
Passo e sono a costretto a sentire, anche se non vorrei, perché siamo accalcati in un vero e proprio girone dantesco.
La signora conversa con un’altra sventurata, conosciuta in quell’occasione.
 
La Mamma: “Sa, non è che io non voglia andare alle feste, e neanche che mio marito me lo impedisca, è mio figlio che non vuole!”
Il Figlio: “Mamma, ma tu ti vesti da troia quando vai alle feste…”
 
Io sento questa conversazione e rimango agghiacciato.
Penso che ora il ragazzino si beccherà uno schiaffo o un calcio nelle palle.
Ma non è così.
 
 
La Mamma: “Macchè da troia, mi metto solo i tacchi alti!”
 
Testuale e non aggiungo altro.
 
Annunci

15 risposte a “Nuovi mostri, take one.

  1. utente anonimo 13 ottobre 2007 alle 5:16 pm

    gli schiaffi non sono più di moda,ma siccome io sono all’antica se mio figlio mi chiamasse così,uno ben dato non glielo toglierebbe nessuno!!!
    ciao,buon fine settimana:)

    Mi piace

  2. utente anonimo 13 ottobre 2007 alle 8:57 pm

    Quello che mi colpisce di questa breve “conversazione” è la perfetta sintonia madre-figlio: condividono lo stesso universo di valori e adottano lo stesso linguaggio per esprimerlo. Non avrebbe avuto senso un ceffone da parte della madre: sarebbe stato come darlo a se stessa.
    Ciao!
    Ghismunda

    Mi piace

  3. utente anonimo 13 ottobre 2007 alle 9:58 pm

    Forse la chiave di tutto è in quel “solo”. E se lei indossasse davvero SOLTANTO i tacchi alti? Chi oserebbe allora dare torto al figlio?

    O_____o

    Margot

    Mi piace

  4. utente anonimo 14 ottobre 2007 alle 11:34 am

    SERGIO SESTOLLA

    Scusa, ma che tipo di visita specialistica stavano prenotando?

    Mi piace

  5. ElfaProfonda 14 ottobre 2007 alle 9:29 pm

    Sublime e tristissima al contempo!

    Complimenti per le intercettazioni ambientali!!!

    Mi piace

  6. megbr 15 ottobre 2007 alle 8:10 am

    ma non hai capito.. una vera Signora non si lascia mai sorprendere .. :-)))
    sic transit …

    Mi piace

  7. Princy60 15 ottobre 2007 alle 11:22 am

    Troia, mormora il pargoletto/ mentre pieni di pianto ha gli occhi/ per il tuo piccolino non porti mai baiocchi…. ;-)***

    Mi piace

  8. giuba47 15 ottobre 2007 alle 3:11 pm

    Relazioni molto tristi in cui il rispetto non esiste più…Giulia

    Mi piace

  9. utente anonimo 15 ottobre 2007 alle 3:37 pm

    Scusa, ma non lo sapevi? Sei rimasto un tantino indietro. Ai giorni d’oggi sono i figli che dettano le regole del vivere civile nella famiglia… con i divieti, i ricatti e perchè no, anche con parole poco ortodosse! L’avessi avuto tra le mani il ragazzo, altro che calcio nella palle!!!
    Ciao Amfortas
    Mary

    Mi piace

  10. mu 15 ottobre 2007 alle 4:37 pm

    gli schiaffi non vanno più di moda.

    purtroppo però non va più di moda nemmeno dare una buona educazione ai figli: a me o a mia sorella non sarebbe mai venuto in mente di fare un commento simile, e non per paura di prendere un paliatòne, ma perché sarebbe sembrato una cosa brutta da dire a noi stesse per prime (a parte che mia mamma è di un’altra generazione… ma non avremmo fatto un commento simile nemmeno, chessò, alla zia giovine, la quale metteva i tacchi alti e andava alle feste…).

    Mi piace

  11. amfortas 16 ottobre 2007 alle 2:51 pm

    Che dire, avete detto tutto voi.
    Forse la cosa migliore è buttarla sul ridere, come ha fatto la puntuta Margie 🙂

    Mi piace

  12. utente anonimo 17 ottobre 2007 alle 12:01 pm

    Questa stavo per perdermela, è semplicemente esilarante… però resteremo sempre con la curiosità sull’abbigliamento della giovane signora, possiamo giusto dare libero sfogo all’immaginazione 😉

    Flo

    Mi piace

  13. utente anonimo 18 ottobre 2007 alle 9:52 am

    Non è da schiaffeggiare un figlio che ha capito tutto.
    E’ da schiaffeggiare la madre, ma essendo il figlio altamente educato non l’ha fatto.

    Ribalto la situazione ragazzi. Qui c’è un figlio di 15 anni che ha una madre di 13. Come la mettiamo?

    yours

    MAURO

    PS: grazie per i saluti carissimo! Se venissi a Lignano con un mio amico per un giro in barca ci si potrebbe incontrare? Cavoli, l’ultima volta che ci sono stato vedevo Trieste tanto vicina… ^__^

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: