Di tanti pulpiti.

Episodiche esternazioni sulla musica lirica e amenità varie. Sempre tra il serio e il faceto, naturalmente. #verybullo

Profanata è la lirica da ciò che porti ai piè.

Il mio modestissimo contributo a Rotocalco, scritto tra una recensione di lirica ed un racconto breve che, al momento, sembra non avere suscitato entusiasmi nell’editore, oggi tratta d’un argomento piuttosto attuale.
Sono molto contento di partecipare, quando posso, all’iniziativa di Fabrizio e Lune, anche se spesso arrivo molto vicino alla deadline con i miei pezzi, immagino creando qualche disagio.
Però oggi ho anche un’altra domanda alla quale devo trovare una risposta, e chiedo l’aiuto dei miei lettori.
Sabato sono stato alla prima del dittico Die seben Todsünden/ Trouble in Tahiti a Trieste, e ne parlerò nei prossimi giorni.
Tra l’elegante pubblico c’era una giovane coppia, diciamo sui trent’anni, e l’abbigliamento del ragazzo mi ha molto colpito. Provo a descriverlo.
Il tipo portava un vestito piuttosto singolare, in tessuto di pitone (o altra bestia squamata e strisciante) giallo e nero con riflessi argentei ma, e chiedo lumi su questa circostanza, indossava scarpe che descriverò brevemente così: di colore scuro, erano una via di mezzo, un ibrido, tra una pinna corta, una galoscia ed una malformazione genetica severa. L’alluce era separato dalle altre dita. Il materiale di queste scarpe, ma credo sia limitativo chiamarle così, era gommoso, mentre nulla so del sapore.
Qualcuno tra di voi, che magari è più trendy di me, sa dirmi dove si possono comprare? I mean, è davvero una moda o semplicemente si trattava di uno scherzo?
Sapete, m’interessa perché mi è stato chiesto di partecipare come comparsa ad una produzione del Ballo in Maschera di Verdi in Germania, di cui volevo qui postare una foto, ma vedo che ci ha già pensato Daland.
Il fisico cadente c’è, la maschera di Topolino la posso trovare, e volevo dare il mio personale tocco di classe calzando qualcosa di originale sì, ma che sia anche alla moda.
Buona settimana a tutti (strasmile)
 
Annunci

25 risposte a “Profanata è la lirica da ciò che porti ai piè.

  1. maurizio2 14 aprile 2008 alle 8:08 am

    Beh, raccontato così sembra più che altro un abbigliamento adatto all’eroe della “Vita standard di un venditore provvisorio di collant”. Ti posso consigliare, come abbinamento trendy, un capo di vestiario indossato da un tizio di probabile etnia pashtun, visto in aeroporto a Parigi: i calzini di pelle

    Mi piace

  2. utente anonimo 14 aprile 2008 alle 8:28 am

    Sorvolo sul gusto discutibile del vestito, e anche dell’allestimento disneyano. Invece, le scarpe si chiamano jikatabi, e sono calzature tradizionali giapponesi. Parafrasando la massima della mia vita… che mondo sarebbe senza Google?

    La fescionissima Margot :p

    Mi piace

  3. utente anonimo 14 aprile 2008 alle 8:28 am

    Sorvolo sul gusto discutibile del vestito, e anche dell’allestimento disneyano. Invece, le scarpe si chiamano jikatabi, e sono calzature tradizionali giapponesi. Parafrasando la massima della mia vita… che mondo sarebbe senza Google?

    La fescionissima Margot :p

    Mi piace

  4. bobregular 14 aprile 2008 alle 8:42 am

    forse essendoci i sette peccati capitali voleva rappresentare il serpente 🙂

    oppure era il cugino di Papageno 🙂

    Mi piace

  5. bobregular 14 aprile 2008 alle 8:42 am

    forse essendoci i sette peccati capitali voleva rappresentare il serpente 🙂

    oppure era il cugino di Papageno 🙂

    Mi piace

  6. amfortas 14 aprile 2008 alle 11:47 am

    Maurizio, i calzini di pelle li ho ordinati insieme alle scarpe.
    margie, una volta di più mi prostro di fronte alla tua mondanità (…)
    Si vede che fai tesoro del ruolo, piuttosto ingrato, di accompagnatrice muta del tuo consorte agli eventi del gran mondo.
    Bob, la prima che hai detto, credo 🙂
    Comunque, ecco qui una versione sobria delle calzature in questione:

    Mi piace

  7. amfortas 14 aprile 2008 alle 11:47 am

    Maurizio, i calzini di pelle li ho ordinati insieme alle scarpe.
    margie, una volta di più mi prostro di fronte alla tua mondanità (…)
    Si vede che fai tesoro del ruolo, piuttosto ingrato, di accompagnatrice muta del tuo consorte agli eventi del gran mondo.
    Bob, la prima che hai detto, credo 🙂
    Comunque, ecco qui una versione sobria delle calzature in questione:

    Mi piace

  8. utente anonimo 14 aprile 2008 alle 12:44 pm

    non mi sorprendo molto dell’abbigliamento di tale giovane (si vede un pò di tutto!!!) ma lo trovo strano solo io che sia andato a teatro conciato così? Cioè no un teatro d’avanguardia….

    sò strana io ve?

    grisù

    Mi piace

  9. utente anonimo 14 aprile 2008 alle 12:44 pm

    non mi sorprendo molto dell’abbigliamento di tale giovane (si vede un pò di tutto!!!) ma lo trovo strano solo io che sia andato a teatro conciato così? Cioè no un teatro d’avanguardia….

    sò strana io ve?

    grisù

    Mi piace

  10. Moher66 14 aprile 2008 alle 3:57 pm

    Cavoli, stivali infradito…
    Sono quelli che hai comprato tu?
    Potevi fotografarli indossati, però, avremmo gustato meglio l’effetto.
    Vabbè, la prossima volta..
    :-))
    Ciao
    Elena

    Mi piace

  11. Moher66 14 aprile 2008 alle 3:57 pm

    Cavoli, stivali infradito…
    Sono quelli che hai comprato tu?
    Potevi fotografarli indossati, però, avremmo gustato meglio l’effetto.
    Vabbè, la prossima volta..
    :-))
    Ciao
    Elena

    Mi piace

  12. utente anonimo 14 aprile 2008 alle 5:20 pm

    Sono gli stivali che servono per suonare i taiko drums in una composizione di Dai Fujikura?!

    Mmmh… naaa, sono più propenso al Papageno di bob. 😉

    yours

    MAURO

    Mi piace

  13. utente anonimo 14 aprile 2008 alle 5:20 pm

    Sono gli stivali che servono per suonare i taiko drums in una composizione di Dai Fujikura?!

    Mmmh… naaa, sono più propenso al Papageno di bob. 😉

    yours

    MAURO

    Mi piace

  14. ivyphoenix 14 aprile 2008 alle 9:14 pm

    come descrizione sembra l’uomo di atlantide… ma per esserne sicura dovrei vederlo come nuota in acqua

    😛

    Mi piace

  15. ivyphoenix 14 aprile 2008 alle 9:14 pm

    come descrizione sembra l’uomo di atlantide… ma per esserne sicura dovrei vederlo come nuota in acqua

    😛

    Mi piace

  16. megbr 15 aprile 2008 alle 8:31 am

    in effetti discutere sulle mise nei teatri potrebbe essere un interessante evoluzione della critica musicale…. 🙂

    Mi piace

  17. utente anonimo 15 aprile 2008 alle 12:47 pm

    strasmile amfortas :)))
    ogni tanto passo e lascio un segno
    gion annozero

    Mi piace

  18. utente anonimo 15 aprile 2008 alle 12:47 pm

    strasmile amfortas :)))
    ogni tanto passo e lascio un segno
    gion annozero

    Mi piace

  19. utente anonimo 15 aprile 2008 alle 6:09 pm

    da Giuliano:
    Ricordo qualcosa di simile nel “Catalogo degli oggetti introvabili” di Carelman. (Penso che ci sia anche in rete)

    Mi piace

  20. utente anonimo 15 aprile 2008 alle 6:09 pm

    da Giuliano:
    Ricordo qualcosa di simile nel “Catalogo degli oggetti introvabili” di Carelman. (Penso che ci sia anche in rete)

    Mi piace

  21. utente anonimo 15 aprile 2008 alle 6:25 pm

    E lei? Normaloide? Ci voleva la foto.
    ciao dal polpo

    Mi piace

  22. utente anonimo 15 aprile 2008 alle 6:25 pm

    E lei? Normaloide? Ci voleva la foto.
    ciao dal polpo

    Mi piace

  23. utente anonimo 15 aprile 2008 alle 7:55 pm

    Forse profanata è la lirica da ciò che porti… nella testa. A pensarci bene, non solo la lirica. Sono un po’ pessimista in queste ore. Sai com’è…
    Ciao!
    Ghismunda

    Mi piace

  24. utente anonimo 15 aprile 2008 alle 7:55 pm

    Forse profanata è la lirica da ciò che porti… nella testa. A pensarci bene, non solo la lirica. Sono un po’ pessimista in queste ore. Sai com’è…
    Ciao!
    Ghismunda

    Mi piace

  25. utente anonimo 9 maggio 2008 alle 9:33 am

    mumble mumble. E’ per caso una specie di imitazione dell’abominevole?

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: