Di tanti pulpiti.

Episodiche esternazioni sulla musica lirica e amenità varie. Sempre tra il serio e il faceto, naturalmente. #verybullo

Istantanee sfocate in ambienti vari.

Appoggiato allo stipite della porta, fermo l’immagine di una ragazza riflessa nello specchio.
Non mi va di disturbare, ma mi chiedo se anche lei vede ciò che vedo io.
Non lo posso sapere, né lo saprò mai, probabilmente lo specchio m’inganna.
Le foto mosse sono le migliori, perché imperfette.
Quella non è una parrucca, ma sono capelli veri, ricci e lunghi.
I tirabaci sono indisciplinati, come i pensieri, basta un colpo di pettine e si spostano là dove non danno fastidio.
Quel sorriso franco che si stempera in una nuvola, passeggera, di malinconia lontana anni luce dalla tristezza.
L’espressione un po’ imbronciata ed impaurita, quasi da bambina, per qualche attimo mi parla di adrenalinica sicurezza.
Pensa, questa ragazza, ad un sabato in cui non sarà sola. Perché verrà, certo che verrà.
Ora l’espressione degli occhi rivela una liquida malizia, inaspettata e quasi sorprendente.
“Così sto meglio.”
Ne sono sicuro.
E mentre mi muovo ripercorrendo corridoi bianchi impregnati di storie note che non conosco mi sento leggero, come trasportato da note che fioriscono da un presente sempre in divenire che è quasi la prova che il passato esiste ancora.
Il futuro sta arrivando, pensarci prima è un’inutile precauzione.
Confuso tra la folla di un bar vuoto riempio di gratitudine le zuccheriere permettendo all’aroma di un caffè intonatissimo di profumare nuovi ricordi.
I giudizi si sospendono.
Presto si va in scena, a recitare una vita vera.
Silenzio.
Concentrazione.
Sarà un trionfo, sarà gioia.
Ci sono modi molto semplici per sfuggire alle cento trappole della vita senza farsi del male.
Dopotutto, basta una sciarpa per ripararsi dal vento.
Mi faccio da parte ed accendo una sorridente sigaretta.
 
 
 
Annunci

24 risposte a “Istantanee sfocate in ambienti vari.

  1. pentolino 17 aprile 2008 alle 1:10 pm

    Ooooohhhh…..
    Lacrime.
    Sospiro.
    Mi lavo la faccia e faccio un sorriso.
    Non verrà. Magari non è lui che deve venire…
    Verrà invece un’amica, forse in questo momento la cosa più importante.

    Mi piace

  2. pentolino 17 aprile 2008 alle 1:10 pm

    Ooooohhhh…..
    Lacrime.
    Sospiro.
    Mi lavo la faccia e faccio un sorriso.
    Non verrà. Magari non è lui che deve venire…
    Verrà invece un’amica, forse in questo momento la cosa più importante.

    Mi piace

  3. Moher66 17 aprile 2008 alle 1:11 pm

    avverto particolari vibrazioni, quasi il fremito di una vertigine..
    ..chissà se mi sbaglio
    :))
    Elena

    Mi piace

  4. Moher66 17 aprile 2008 alle 1:11 pm

    avverto particolari vibrazioni, quasi il fremito di una vertigine..
    ..chissà se mi sbaglio
    :))
    Elena

    Mi piace

  5. amfortas 17 aprile 2008 alle 3:50 pm

    Pentolino, ecchecavolo!
    Elena, con pentolino ho passato una bellissima giornata.
    Mi ha fatto visitare i camerini (un delirio), luogo che mi è sconosciuto perché non ci vado mai…
    Vedere un artista che si prepara per la recita è molto interessante.
    Apprezzi cose che da “fuori” non conosci, come la cura dei particolari che probabilmente il grande pubblico non percepirà.
    Per un cantante essere a proprio agio sul palcoscenico dipende, invece, anche da come cade un ricciolo sulla fronte.
    Ciao!

    Mi piace

  6. amfortas 17 aprile 2008 alle 3:50 pm

    Pentolino, ecchecavolo!
    Elena, con pentolino ho passato una bellissima giornata.
    Mi ha fatto visitare i camerini (un delirio), luogo che mi è sconosciuto perché non ci vado mai…
    Vedere un artista che si prepara per la recita è molto interessante.
    Apprezzi cose che da “fuori” non conosci, come la cura dei particolari che probabilmente il grande pubblico non percepirà.
    Per un cantante essere a proprio agio sul palcoscenico dipende, invece, anche da come cade un ricciolo sulla fronte.
    Ciao!

    Mi piace

  7. utente anonimo 17 aprile 2008 alle 4:56 pm

    Ohibò, conosco persone che pagherebbero per un post così.
    Almeno sappiamo che si possono passare belle giornate anche nell’orrida Venezia.

    La timbratessere Margot :p

    Mi piace

  8. utente anonimo 17 aprile 2008 alle 4:56 pm

    Ohibò, conosco persone che pagherebbero per un post così.
    Almeno sappiamo che si possono passare belle giornate anche nell’orrida Venezia.

    La timbratessere Margot :p

    Mi piace

  9. amfortas 17 aprile 2008 alle 5:41 pm

    margie, l’orrida Venezia resta tale, vedi post successivo.
    E poi tu sai bene che a Venezia si passano, volendo, belle giornate, chiedi a qualsiasi persona che organizza eventi 🙂

    Mi piace

  10. amfortas 17 aprile 2008 alle 5:41 pm

    margie, l’orrida Venezia resta tale, vedi post successivo.
    E poi tu sai bene che a Venezia si passano, volendo, belle giornate, chiedi a qualsiasi persona che organizza eventi 🙂

    Mi piace

  11. utente anonimo 17 aprile 2008 alle 5:45 pm

    Fantaf . . . . . i

    Margot :p

    Mi piace

  12. utente anonimo 17 aprile 2008 alle 5:45 pm

    Fantaf . . . . . i

    Margot :p

    Mi piace

  13. Moher66 17 aprile 2008 alle 8:02 pm

    Bello, veramente bello, può essere forse la scena di un film, forse meglio
    una strana intensità
    :-))
    Elena

    Mi piace

  14. Moher66 17 aprile 2008 alle 8:02 pm

    Bello, veramente bello, può essere forse la scena di un film, forse meglio
    una strana intensità
    :-))
    Elena

    Mi piace

  15. pentolino 17 aprile 2008 alle 11:24 pm

    Margot: e infatti il costo di questo post è stato davvero esoso!!! :-)))))
    Amfortas: come prevedevi non sono d’accordo. A me Venezia piace, con o senza miasmi, anzi, fanno parte del paesaggio!
    Il ricciolo tirabaci stasera era perfetto! 🙂

    Mi piace

  16. pentolino 17 aprile 2008 alle 11:24 pm

    Margot: e infatti il costo di questo post è stato davvero esoso!!! :-)))))
    Amfortas: come prevedevi non sono d’accordo. A me Venezia piace, con o senza miasmi, anzi, fanno parte del paesaggio!
    Il ricciolo tirabaci stasera era perfetto! 🙂

    Mi piace

  17. utente anonimo 18 aprile 2008 alle 7:05 am

    Pentolino, credo di capire. Ma sei sopravvissuta, puoi considerarlo un altro dei tuoi successi. ;o)

    Ok ok, Amfortas, lo so, me ne vado.

    Margot bacia tutti

    Mi piace

  18. utente anonimo 18 aprile 2008 alle 7:05 am

    Pentolino, credo di capire. Ma sei sopravvissuta, puoi considerarlo un altro dei tuoi successi. ;o)

    Ok ok, Amfortas, lo so, me ne vado.

    Margot bacia tutti

    Mi piace

  19. amfortas 18 aprile 2008 alle 9:00 am

    Elena, vedi post successivo, appunto 🙂
    pentolino, mi ricordo l’espressione di sgomento che hai fatto quando hai rivisto, dopo un paio di settimane, gli autobus di Piazzale Roma…
    Sono contento per il ricciolino amoroso dùdùdù e pure dàdàdà 🙂
    margie, sai che sei sempre più indisciplinata? Devo parlare con tua madre di nuovo, prima o poi.

    Mi piace

  20. amfortas 18 aprile 2008 alle 9:00 am

    Elena, vedi post successivo, appunto 🙂
    pentolino, mi ricordo l’espressione di sgomento che hai fatto quando hai rivisto, dopo un paio di settimane, gli autobus di Piazzale Roma…
    Sono contento per il ricciolino amoroso dùdùdù e pure dàdàdà 🙂
    margie, sai che sei sempre più indisciplinata? Devo parlare con tua madre di nuovo, prima o poi.

    Mi piace

  21. pentolino 18 aprile 2008 alle 11:49 am

    Margot: che hai capito?!?!?
    Non c’è la faccina con gli occhi sbarrati?
    Volevo dire che ho pagato fior di quattrini per questo post: amfortas è davvero esoso! 🙂
    Elena: come titolo per il film “Riflessi allo specchio”? Oppure?

    Mi piace

  22. pentolino 18 aprile 2008 alle 11:49 am

    Margot: che hai capito?!?!?
    Non c’è la faccina con gli occhi sbarrati?
    Volevo dire che ho pagato fior di quattrini per questo post: amfortas è davvero esoso! 🙂
    Elena: come titolo per il film “Riflessi allo specchio”? Oppure?

    Mi piace

  23. Moher66 18 aprile 2008 alle 8:30 pm

    “Pensieri indisciplinati”?
    :-))
    Ciao!
    Elena

    Mi piace

  24. Moher66 18 aprile 2008 alle 8:30 pm

    “Pensieri indisciplinati”?
    :-))
    Ciao!
    Elena

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: