Di tanti pulpiti.

Episodiche esternazioni sulla musica lirica e amenità varie. Sempre tra il serio e il faceto, naturalmente. #verybullo

Mamma, quel vano è generoso.

Qualcuno dei miei lettori più affezionati (non ridete, giuro che ce ne sono!) si è lamentato che in questo blog si parli quasi sempre di musica lirica.

Bene, ora mi hanno affittato una camera in un posto che non a caso si chiama "Stanze all’aria", perché c’è un po’ di sana confusione.
Però, appunto, c’è aria, che io interpreto come possibilità di circolazione di idee.
Dalla mia cameretta parlerò anche di musica, come ho fatto oggi per esempio, ma in futuro ci sarà spazio anche per altro, come potete vedere qui.
Auguro a tutti una buona settimana.

Annunci

11 risposte a “Mamma, quel vano è generoso.

  1. calaminta 4 novembre 2008 alle 11:35 am

    Passo a curiosare, basta che non ci sia troppa corrente, sono cagionevole! 😛

    Mi piace

  2. Moher66 4 novembre 2008 alle 11:46 am

    Vengo a leggerti, è un bel posto stanze all’aria!
    Ciao! 🙂

    Mi piace

  3. giuba47 4 novembre 2008 alle 2:31 pm

    Bene, tu in che stanza stai? Ti leggo sempre, qui e là. Giulia

    Mi piace

  4. gabrilu 4 novembre 2008 alle 3:49 pm

    Ma si potrà continuare a leggerti e commentar (anche) qui oppure no?

    Mi piace

  5. amfortas 4 novembre 2008 alle 5:02 pm

    Flo, a chi lo dici…
    Elena, è accogliente, sì 🙂
    Giuba, la mia stanza è quella più disoedinata, ovviamente.
    Grazie della stima.
    Gabrilu, non è un trasloco, ma una casa al mare, diciamo, quindi qui rimane aperto agli insulti 🙂

    Mi piace

  6. utente anonimo 4 novembre 2008 alle 5:49 pm

    da Giuliano:
    a proposito, caro Amfortas, come va “die Wunde”? si direbbe meglio, son contento.

    Mi piace

  7. amfortas 4 novembre 2008 alle 5:51 pm

    Giuliano, mi hai beccato al pc: va meglio, ma mica tanto, ti dirò.
    Ciao 🙂

    Mi piace

  8. gabrilu 5 novembre 2008 alle 3:57 pm

    Ah, ecco.
    Qua dalle mie parti quando non si trova un amico in casa si dice “sarà al villino”.
    E lì nel suo villino nessuno ha il coraggio di (dis)turbarlo.
    Bene. Che bella cosa, che stai facendo!

    Mi piace

  9. amfortas 5 novembre 2008 alle 8:44 pm

    Gabrilu, grazie, peccato che abbia così poco tempo.

    Mi piace

  10. utente anonimo 15 novembre 2008 alle 11:38 pm

    …anch’io potrei lamentarmi… visto e considerato che posso commentare circa l’1% dei tuoi articoli, alias quelli NON MUSICALI!!!

    Mi piace

  11. amfortas 16 novembre 2008 alle 4:53 pm

    Giara, e adesso potrai sfogarti un po’, visto che ricomincerò a scrivere anche su Rotocalco.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: