Di tanti pulpiti.

Episodiche esternazioni sulla musica lirica e amenità varie. Sempre tra il serio e il faceto, naturalmente. #verybullo

Giacomo Puccini: tutti gli uomini del deficiente, o anche i nuovi vecchi mostri.

Sollecitato più volte da gabrilu ad esprimere qualcosa di semiserio sulla visione pucciniana del maschio, dopo che ho scritto già delle donne, eccomi qui, pronto a dedicarvi le mie stupidaggini.
Mi limito ai personaggi principali, ovviamente, altrimenti non la finiamo più.
Allora Edgar, nell’opera omonima, è un rintronato che s’innamora di una che è evidentemente zoccola, però ha la scusante di stare con la più pallosa delle donne: la promessa sposa sdolcinata in servizio permanente effettivo, che già all’inizio dell’opera gli rompe le palle mentre dorme parlandogli di alberi e fiori.
Ora, la prospettiva di una vita dedicata al giardinaggio assieme a una tipa così dolce che ti si caria un dente ogni volta che apre bocca, può essere devastante per chiunque, quindi io lo giustifico in qualche modo.
Des Grieux, uno studente che ha un nome che sembra uno starnuto onomatopeico (Degriè! Salute!), non ha proprio attenuanti.
Studente, senza un soldo ok, ma gli studenti sono così di solito altrimenti sono dalle Orsoline, dalle Dimesse o al CEPU.
Si può immaginare che nell’ambiente potesse folleggiare senza troppi problemi no? Ci sono brune e bionde ovunque, intorno.
Eppure no, arriva ‘sta Manon slavata e ne resta folgorato perché gli dice che è destinata al convento dal papà cattivo.
Ma, dico, il papà avrà avuto i suoi motivi no? Forse pensava che era meglio rinchiuderla per sempre, ché non faccia danni in giro! E lasciala andare visto che tra l’altro neanche il fratello sembra proprio uno stinco di santo e ha il vizio del gioco.
La famiglia ha una tara genetica, stanne lontano, deficiente. Nulla, pure il mozzo gli tocca fare, per accompagnarla oltreoceano e alla fine baciarla fredda. (margie, sei la mia più grande fonte d’ispirazione)
Bella soddisfazione.
Geronte è il solito vecchio idiota che ormai spara un colpo all’anno e pretende di tenersi una ragazzina mezza ninfomane, quindi non ci perdo neanche tempo.
Rodolfo è un Des Grieux che almeno mostra rari bagliori di lucidità mentale: fa finta di non trovare la chiave che Mimì ha perso apposta, e poi le racconta la solita storia: che scrive, che è poeta, che è un idealista bla bla bla… insomma riesce a portarsela a letto per sua fortuna, è il fascino dello scrittore, dicono.
Poi però sbrocca e s’innamora sul serio e non ne fa più una giusta: litiga con l’amico Marcello che se la spassa con Musetta, sa che Mimì non sta benissimo ed invece di approfittarne si affeziona ancora di più.
Insomma merita di soffrire, altro che storie!
Inoltre non si rassegna e la chiama urlando quando lei è evidentemente morta, dopo che aveva già dato segni di squilibrio confondendo l’alba col tramonto. Magari era pure necrofilo, che ne so.
Ma si può?
Mario Cavaradossi è un bullo (strasmile), un voglio ma non posso che vuole fare la rivoluzione dipingendo biondone altolocate nelle chiese.
Arriva Angelotti e invece di denunciarlo subito s’inventa di essere patriota; sta con una diva capricciosa e rompiballe come poche e invece di lasciarla a Scarpia, altro idiota che potrebbe scopare tutto quello che si muove e si perde dietro una subrettina da quattro soldi, si fa torturare dai suoi sgherri, uno dei quali si chiama Spoletta.
Come se non bastasse si presenta davanti al plotone esecuzione e rifiuta la benda, convinto che gli sparino per finta, quindi avrà pure visto le pallottole che gli arrivano addosso: sarà morto di paura più che altro, forse pure perdendo il controllo dello sfintere anale. In testa dovevi mettertela la spoletta, caro Mario, e poi tirarla.
Pinkerton è il primo esempio di turista sessuale e quindi è indifendibile. Se ne va dagli USA in Giappone per fare il porco con le minorenni e quindi è lui che dovrebbe morire, non la povera Cio Cio San.
Pure il console Sharpless, un potentato satiro ubriacone, che si mette a disquisire di ornitologia (ma per favore…) meritava di lasciarci la pelle.
Invece l’unica pena per Pinkerton, per quanto terribile, è che si sposa e sarà infelice per sempre, perché per me Kate è una di quelle donne che fanno finire male i matrimoni, restando fedeli tutta la vita.
Dick Johnson viveva tranquillo con l’eredità del padre, che gli aveva lasciato una gang di tagliagole pronta a tutto per lui, quindi aveva davanti a sé una vita serena e agiata. Poteva passare di villaggio in villaggio e scoparsi le varie Nina Migueltorena del luogo, ogni porto una miniera e una donna, ogni donna una cava, direi se fossi volgare.
Invece che fa, lo scellerato? (che tra l’altro doveva essere ancora confuso in merito alla sua identità sessuale, perché entra in scena dicendo Chi c’è, per farmi i ricci?)
Ruba un bel po’ d’oro e poi si pente, perché una finta semplice una volta si era rifiutata di andare con lui a raccogliere le more e gli aveva chiesto la mano intendendo il braccio. (e qui, come dire, è meglio che taccia, perché è il tipico caso di pulsione sessuale inibita alla meta)
Poi, come già ho detto nel post precedente, ma come ti passa per la testa di andare a vivere con una che bara alle carte e gira armata?
Sembra che la famosa battuta di Mae West (hai in tasca una pistola o sei solo contento di vedermi?) l’abbia pronunciata Minnie, per prima.
Nella Rondine gli uomini sono davvero deficienti, uno peggio dell’altro.
A partire da Ruggero, ovviamente, che non trova di meglio, pure lui, d’innamorarsi di una mantenuta in crisi esistenziale.
Ma anche Rambaldo che la mantiene non è furbissimo, con quello che spende potrebbe cambiarne una al giorno e invece s’incaponisce con Magda, che almeno ha l’onestà di esordire dicendo che in casa sua l’anormale è la regola, e ci sono buone possibilità che visto il nome, appunto, l’anormale sia Rambaldo.
Non parliamo poi di Prunier un artista che porta un nome che potrebbe andare bene per un lassativo, e in effetti come poeta fa proprio cagare. (infatti Magda lo piglia per il culo e lo presenta così: Il poeta Prunier, gloria della Nazione,degna le nostre orecchie di una nuova canzone, neanche fosse Apicella)
Inoltre questo Prunier millanta amori aristocratici e perde la testa per una cameriera con mal riposte ambizioni artistiche, Lisette, la porta all’esordio sul palcoscenico e li riempiono di fischi e gatti morti, ché le gatte morte in quest’opera sono tutte occupate.
Nel Tabarro ci sono Michele, marito di Giorgetta, e Luigi il suo amante.
Il primo sfrutta sul lavoro il secondo che ovviamente gli scopa la moglie con furore rivoluzionario, teorizza cioè la scopata al posto della molotov per abbattere il sistema.
Il sistema, nella persona di Michele, gli taglia la gola nella migliore tradizione dei dittatori ed espone il cadavere avvolto in un cappotto, in modo che Giorgetta lo veda bello caldo come piaceva a lei.
Tutto nella norma, solo che Michele si dimentica di buttare nel fiume pure Giorgetta, che l’avrebbe meritato ampiamente.
Poi c’è Calaf della Turandot.
Madonna che idiota!
Avrebbe la brava e onesta Liù che sbava per lui e cambia pure il pannolone al papà incontinente del Principe Ignoto, ma niente, si mette in testa di farsi una frigida acclarata che fa sedute spiritiche, tanto che tutti la chiamano Prinicipessa di gelo e lei invoca di essere posseduta dallo spirito dell’antenata Lou-Ling.
Cioè, renditi conto di come si prospetta la prima notte di nozze no? E se questa comincia a girare la testa di 360 gradi e vomitare roba verde che fai? Chiami l’esorcista o un terapista di coppia?
Si può essere più scemi?
Dopo che ha risposto a domande assurde tipo Su straniero, il gelo che dà foco cos’è? (una figura retorica avrei risposto io, domanda non facile, così buttavo là una litote, tanto per far vedere che non sono proprio sprovveduto in materia) vince il frigorifero ed è tutto contento.
Meno male che c’è Gianni Schicchi, accidenti, che si prende gioco di tutti e alza un po’ il livello intellettuale dell’universo maschile pucciniano, gli concedo volentieri l’attenuante!
Buona settimana a tutti (strasmile)
 
 
Annunci

45 risposte a “Giacomo Puccini: tutti gli uomini del deficiente, o anche i nuovi vecchi mostri.

  1. giuba47 12 gennaio 2009 alle 12:08 pm

    Imparo… e ti ringrazio, Giulia

    Mi piace

  2. utente anonimo 12 gennaio 2009 alle 2:31 pm

    E Rodolfo, l’infedele delle Villi, dove lo metti?
    E Ping, Pong, Pang???

    Badoéro

    Mi piace

  3. utente anonimo 12 gennaio 2009 alle 2:31 pm

    E Rodolfo, l’infedele delle Villi, dove lo metti?
    E Ping, Pong, Pang???

    Badoéro

    Mi piace

  4. Kanchou 12 gennaio 2009 alle 3:16 pm

    Ahahahah! Una liberazione! Tutto quello che abbiamo sempre pensato e non abbiamo avuto il coraggio di dire. E diciamocela tutta: alla fine persino le psicopatiche pucciniane sono migliori dei corrispondenti maschi.
    Comunque, in effetti il peggiore di tutti è Mario della Tosca.
    Mario Cavaradossi è un bullo (strasmile), un voglio ma non posso che vuole fare la rivoluzione dipingendo biondone altolocate nelle chiese.
    Ecco, è questo che è veramente patetico. Un sessantottino fighetto, in pratica.

    Mi piace

  5. Kanchou 12 gennaio 2009 alle 3:16 pm

    Ahahahah! Una liberazione! Tutto quello che abbiamo sempre pensato e non abbiamo avuto il coraggio di dire. E diciamocela tutta: alla fine persino le psicopatiche pucciniane sono migliori dei corrispondenti maschi.
    Comunque, in effetti il peggiore di tutti è Mario della Tosca.
    Mario Cavaradossi è un bullo (strasmile), un voglio ma non posso che vuole fare la rivoluzione dipingendo biondone altolocate nelle chiese.
    Ecco, è questo che è veramente patetico. Un sessantottino fighetto, in pratica.

    Mi piace

  6. amfortas 12 gennaio 2009 alle 3:35 pm

    Giulia, qui non c’è tanto d’imparare…anzi rabbrividisco all’idea che qualcuno dei critici togati possa leggere questo post 🙂
    Badoero, ne mancano anche altri, l’ho premesso in apertura di post.
    Comunque Ping Pong Pang si commentano da soli 🙂
    Kanchou, sono felice di averto strappato una risata 🙂
    Mario è davvero penoso e nella frase che evidenzi c’è pure un po’ di sana autorironia, ma forse tu non puoi coglierla 🙂

    Mi piace

  7. amfortas 12 gennaio 2009 alle 3:35 pm

    Giulia, qui non c’è tanto d’imparare…anzi rabbrividisco all’idea che qualcuno dei critici togati possa leggere questo post 🙂
    Badoero, ne mancano anche altri, l’ho premesso in apertura di post.
    Comunque Ping Pong Pang si commentano da soli 🙂
    Kanchou, sono felice di averto strappato una risata 🙂
    Mario è davvero penoso e nella frase che evidenzi c’è pure un po’ di sana autorironia, ma forse tu non puoi coglierla 🙂

    Mi piace

  8. Moher66 12 gennaio 2009 alle 4:01 pm

    Può darsi che i critici non apprezzino, ma sbagliano, un post del genere è capace di mandare in fissa per Puccini e per il melodramma in genere anche chi non ha mai ascoltato altro che la Tatangelo in vita sua (chissà perchè mi è venuta in mente proprio lei, bah..:)))))
    Elena

    Mi piace

  9. Moher66 12 gennaio 2009 alle 4:01 pm

    Può darsi che i critici non apprezzino, ma sbagliano, un post del genere è capace di mandare in fissa per Puccini e per il melodramma in genere anche chi non ha mai ascoltato altro che la Tatangelo in vita sua (chissà perchè mi è venuta in mente proprio lei, bah..:)))))
    Elena

    Mi piace

  10. amfortas 12 gennaio 2009 alle 8:30 pm

    Elena, anche la Tatangelo ha la sua ragione d’essere, non si sa quale, ma ce l’ha di certo 🙂
    Grazie per il resto.
    Ciao!

    Mi piace

  11. amfortas 12 gennaio 2009 alle 8:30 pm

    Elena, anche la Tatangelo ha la sua ragione d’essere, non si sa quale, ma ce l’ha di certo 🙂
    Grazie per il resto.
    Ciao!

    Mi piace

  12. RobyBa 12 gennaio 2009 alle 9:35 pm

    E io che -prima di incontrare in rete Amfortas- pensavo che l’opera lirica fosse (perdono perdono perdono!) una barba pazzesca… mai convinzione fu più clamorosamente smentita!!!

    Grazie all’ennesima potenza!!!

    Roby

    Mi piace

  13. RobyBa 12 gennaio 2009 alle 9:35 pm

    E io che -prima di incontrare in rete Amfortas- pensavo che l’opera lirica fosse (perdono perdono perdono!) una barba pazzesca… mai convinzione fu più clamorosamente smentita!!!

    Grazie all’ennesima potenza!!!

    Roby

    Mi piace

  14. Riddly 13 gennaio 2009 alle 8:27 am

    Davvero intrigante quest post. Tornerò con calma aleggerti, ne vale proprio la pena.

    Marco

    Mi piace

  15. Riddly 13 gennaio 2009 alle 8:27 am

    Davvero intrigante quest post. Tornerò con calma aleggerti, ne vale proprio la pena.

    Marco

    Mi piace

  16. calaminta 13 gennaio 2009 alle 10:17 am

    LOL, tremendo Geronte ma come personaggio non lo trovi molto attuale? 😛

    Mi piace

  17. amfortas 13 gennaio 2009 alle 11:32 am

    Roby, vedi?
    Ogni tanto basta così poco per interessare qualcuno ad un argomento 🙂
    Ciao!
    Marco, grazie e a presto allora!
    Flo, sì, Geronte è attuale ma guarda che neanche di tipi alla Manon c’è penuria eh? 🙂

    Mi piace

  18. amfortas 13 gennaio 2009 alle 11:32 am

    Roby, vedi?
    Ogni tanto basta così poco per interessare qualcuno ad un argomento 🙂
    Ciao!
    Marco, grazie e a presto allora!
    Flo, sì, Geronte è attuale ma guarda che neanche di tipi alla Manon c’è penuria eh? 🙂

    Mi piace

  19. utente anonimo 13 gennaio 2009 alle 1:49 pm

    Muahahahah, post da favola! Me la può raccontare quanto vuole Metastasio sul primato testuale, ma se nell’opera non ci fosse la musica altro che zelig!!!

    yours

    MAURO

    Mi piace

  20. utente anonimo 13 gennaio 2009 alle 1:49 pm

    Muahahahah, post da favola! Me la può raccontare quanto vuole Metastasio sul primato testuale, ma se nell’opera non ci fosse la musica altro che zelig!!!

    yours

    MAURO

    Mi piace

  21. utente anonimo 13 gennaio 2009 alle 2:42 pm

    da Giuliano:
    penso che la “colpa” vada condivisa con i francesi, ben presenti: Sardou per la Tosca, Murger per la Boheme, Prevost per Manon. Del resto, se penso al Rigoletto che è di Victor Hugo…
    Va però detto che nell’originale (americano) la Madama Butterfly è un testo di denuncia. Non so come sia l’originale della Fanciulla del West (sempre di David Belasco, che Puccini conobbe nel suo viaggio in USA, dove ascoltò anche i primi jazzisti e ne fu entusiasta), certo che se non ci fosse la musica…
    E che musica! Io ho ascoltato la Fanciulla diretta da Sinopoli, del testo cantato non sapevo cosa farmene, ma la musica di Puccini è come quella di Mahler.

    Mi piace

  22. utente anonimo 13 gennaio 2009 alle 2:42 pm

    da Giuliano:
    penso che la “colpa” vada condivisa con i francesi, ben presenti: Sardou per la Tosca, Murger per la Boheme, Prevost per Manon. Del resto, se penso al Rigoletto che è di Victor Hugo…
    Va però detto che nell’originale (americano) la Madama Butterfly è un testo di denuncia. Non so come sia l’originale della Fanciulla del West (sempre di David Belasco, che Puccini conobbe nel suo viaggio in USA, dove ascoltò anche i primi jazzisti e ne fu entusiasta), certo che se non ci fosse la musica…
    E che musica! Io ho ascoltato la Fanciulla diretta da Sinopoli, del testo cantato non sapevo cosa farmene, ma la musica di Puccini è come quella di Mahler.

    Mi piace

  23. amfortas 13 gennaio 2009 alle 3:16 pm

    mauro, primato testuale nell’opera?
    È come teorizzare la prevalenza della copertina sul libro, no? 🙂
    Giuliano, concordo sui francesi, in linea generale.
    In tutto Puccini è molto importante il canto di conversazione, ma poi sono le melodie che affascinano.
    La Fanciulla, in particolare, necessita di interpreti di alto livello, altrimenti è noiosetta, così come la Manon Lescaut, però i grandi interpreti bisogna dirlo, renderebbero appetibile qualsiasi cosa.:-)
    Ciao!

    Mi piace

  24. amfortas 13 gennaio 2009 alle 3:16 pm

    mauro, primato testuale nell’opera?
    È come teorizzare la prevalenza della copertina sul libro, no? 🙂
    Giuliano, concordo sui francesi, in linea generale.
    In tutto Puccini è molto importante il canto di conversazione, ma poi sono le melodie che affascinano.
    La Fanciulla, in particolare, necessita di interpreti di alto livello, altrimenti è noiosetta, così come la Manon Lescaut, però i grandi interpreti bisogna dirlo, renderebbero appetibile qualsiasi cosa.:-)
    Ciao!

    Mi piace

  25. utente anonimo 13 gennaio 2009 alle 4:16 pm

    peccato…

    Ma quel fedifrago di Rodolfo ha quello che si merita!:-)!!!!!

    Badoéro

    Mi piace

  26. utente anonimo 13 gennaio 2009 alle 4:16 pm

    peccato…

    Ma quel fedifrago di Rodolfo ha quello che si merita!:-)!!!!!

    Badoéro

    Mi piace

  27. amfortas 14 gennaio 2009 alle 9:06 am

    Badoero, hai ragione!
    Ciao.

    Mi piace

  28. amfortas 14 gennaio 2009 alle 9:06 am

    Badoero, hai ragione!
    Ciao.

    Mi piace

  29. utente anonimo 14 gennaio 2009 alle 2:24 pm

    In sintesi… tutti gli uomini sono idioti e tutte le zone un po’… pantegane?
    Detto questo, forse non dovrei essere contenta di essere fonte di grande ispirazione…

    La pallosa di Edgar mi ricorda una donna vestita di bianco che appare come luce all’orizzonte…

    Margot :p

    Mi piace

  30. utente anonimo 14 gennaio 2009 alle 2:24 pm

    In sintesi… tutti gli uomini sono idioti e tutte le zone un po’… pantegane?
    Detto questo, forse non dovrei essere contenta di essere fonte di grande ispirazione…

    La pallosa di Edgar mi ricorda una donna vestita di bianco che appare come luce all’orizzonte…

    Margot :p

    Mi piace

  31. utente anonimo 14 gennaio 2009 alle 9:36 pm

    Che il buon Giacomo sia un gay sfigato (contraddizione in terminis), nel senso che beccava solo omoni non all’altezza?

    ciao dal polpo

    Mi piace

  32. utente anonimo 14 gennaio 2009 alle 9:36 pm

    Che il buon Giacomo sia un gay sfigato (contraddizione in terminis), nel senso che beccava solo omoni non all’altezza?

    ciao dal polpo

    Mi piace

  33. amfortas 15 gennaio 2009 alle 9:57 am

    margie, dovresti essere contenta invece, e sai che potrebbe pure andarti peggio…:-)
    In quanto alla pallosa di Edgar ci avevo pensato anch’io!
    Ciao 🙂
    Octopus, e chi lo sa, il mondo è pieno di uomini che hanno fatto legittimamente il salto della quaglia, magari il Maestro non ha fatto in tempo, povero…
    Ciao!

    Mi piace

  34. amfortas 15 gennaio 2009 alle 9:57 am

    margie, dovresti essere contenta invece, e sai che potrebbe pure andarti peggio…:-)
    In quanto alla pallosa di Edgar ci avevo pensato anch’io!
    Ciao 🙂
    Octopus, e chi lo sa, il mondo è pieno di uomini che hanno fatto legittimamente il salto della quaglia, magari il Maestro non ha fatto in tempo, povero…
    Ciao!

    Mi piace

  35. gabrilu 16 gennaio 2009 alle 12:27 am

    Ha raggggione Badoero: ti sei dimenticato di Ping Pong e Pang! Imperdonabbbile.
    Mi hai segato i tre cinesini 😦
    Non ci son scuse che tengano.

    Cmq: fra i tuoi uomini voto per Pinkerton il turista sessuale (great!) e per Calaf (per la serie: “tutto quello che ho sempre pensato di lui ma non ho mai osato dire” — arcismile sono ancora qui che m rotolo dalle risate).

    …. A quando una esibizione sul tema “maschietti e femminucce nell’opera omnia del Cigno di Busseto”?

    (Hai voluto la bicicletta, dear Amfortas? E mo’ pedala — arci-stra-smile e bacione

    Mi piace

  36. gabrilu 16 gennaio 2009 alle 12:27 am

    Ha raggggione Badoero: ti sei dimenticato di Ping Pong e Pang! Imperdonabbbile.
    Mi hai segato i tre cinesini 😦
    Non ci son scuse che tengano.

    Cmq: fra i tuoi uomini voto per Pinkerton il turista sessuale (great!) e per Calaf (per la serie: “tutto quello che ho sempre pensato di lui ma non ho mai osato dire” — arcismile sono ancora qui che m rotolo dalle risate).

    …. A quando una esibizione sul tema “maschietti e femminucce nell’opera omnia del Cigno di Busseto”?

    (Hai voluto la bicicletta, dear Amfortas? E mo’ pedala — arci-stra-smile e bacione

    Mi piace

  37. amfortas 16 gennaio 2009 alle 9:31 am

    gabrilu, dai, i tre suoni onomatopeici proprio non potevo trattarli.
    Sono contento di averti fatto ridere.
    Vorrei un cent per ogni volta che ho fatto ridere una donna 🙂

    Mi piace

  38. amfortas 16 gennaio 2009 alle 9:31 am

    gabrilu, dai, i tre suoni onomatopeici proprio non potevo trattarli.
    Sono contento di averti fatto ridere.
    Vorrei un cent per ogni volta che ho fatto ridere una donna 🙂

    Mi piace

  39. colfavoredellenebbie 19 gennaio 2009 alle 2:00 pm

    Mi son divertita troppo.
    …. e condivido assaaaai (quel Pinkerton sistemato a dovere, poi:))

    Mi piace

  40. colfavoredellenebbie 19 gennaio 2009 alle 2:00 pm

    Mi son divertita troppo.
    …. e condivido assaaaai (quel Pinkerton sistemato a dovere, poi:))

    Mi piace

  41. amfortas 19 gennaio 2009 alle 9:59 pm

    Zena, mi fa molto piacere e ribadisco il concetto espresso qui sopra a gabrilu 🙂
    Ciao!

    Mi piace

  42. amfortas 19 gennaio 2009 alle 9:59 pm

    Zena, mi fa molto piacere e ribadisco il concetto espresso qui sopra a gabrilu 🙂
    Ciao!

    Mi piace

  43. vissidarte 22 gennaio 2009 alle 12:25 pm

    postilla su Rodolfo: “Che gelida manina, se la lasci riscaldar. Cercar che giova? Al buio non si trova…” se non è un genio lui…!!!

    Mi piace

  44. amfortas 22 gennaio 2009 alle 3:12 pm

    vissidarte, hai ragione, un vero genio.
    E poi mi sono accorto che devo una risposta a gabrilu.
    Gli uomini e le donne in Verdi?
    Entro la prossima vita 🙂
    Però se ho ispirazione ci provo eh?
    Ciao!

    Mi piace

  45. amfortas 22 gennaio 2009 alle 3:12 pm

    vissidarte, hai ragione, un vero genio.
    E poi mi sono accorto che devo una risposta a gabrilu.
    Gli uomini e le donne in Verdi?
    Entro la prossima vita 🙂
    Però se ho ispirazione ci provo eh?
    Ciao!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: