Di tanti pulpiti.

Episodiche esternazioni sulla musica lirica e amenità varie. Sempre tra il serio e il faceto, naturalmente. #verybullo

Il Trovatore di Giuseppe Verdi apre la stagione operistica a Trieste.

Ci siamo quasi, manca ormai solo una settimana all’apertura della stagione lirica triestina.
Al Teatro Verdi è in programma Il Trovatore di Giuseppe Verdi, una delle opere più note del Maestro.
Il cast, considerando che siamo in provincia, tale è da considerarsi oggi Trieste, è sulla carta piuttosto buono.
L’opera necessita di almeno quattro cantanti di ottimo livello, valutando, forse a torto, che la parte del basso, Ferrando, può essere considerata da coprotagonista.
Lo staff dirigenziale triestino è riuscito, nonostante la congiuntura economica sfavorevole, a presentare un buon primo cast ed un compagnia di canto alternativa di discreto livello.
Di questi particolari parlerò però in un post successivo, oggi m’interessa qualche considerazione più generale.
Il Trovatore è un’opera che rispecchia (a mio parere, non sono cose che si trovano nei sacri testi) il momento psicologico che passava Verdi, che non era brillantissimo.
Io ci sento molto furore, molta rabbia.
Al centro della vicenda ci sono da una parte due donne, Leonora, una donna d’alto lignaggio, e Azucena, una zingara. Dall’altra un altro nobile gentiluomo, il Conte di Luna e il solito tenore casinista e rivoluzionario, Manrico.
Le due donne nell’opera praticamente non vengono mai in contatto, come se Verdi volesse sottolineare la distanza dei due mondi ai quali appartengono, mentre i due monelli s’azzuffano appena ne hanno l’occasione.
Il libretto, meno incasinato di ciò che si vuol far credere di solito, è di Salvatore Cammarano,

ed è tratto dal dramma El Trovador di Antonio Garcia Gutierrez.
Con Cammarano (ma con tutti i suoi librettisti, a dirla tutta) Verdi aveva un rapporto contrastato, tanto che ad un certo punto sbottò così:
 
“Sono fieramente in collera con Cammarano. Egli non considera niente il tempo che per me è una cosa estremamente preziosa. Egli non m’ha scritto una parola su questo Trovatore: gli piace o non gli piace?”
 
Verdi, dicevo prima, stava attraversando un momentaccio ed era furioso, ansioso.
Tutta la genesi di quest’opera è segnata da litigi e incomprensioni: con Cammarano, con il mezzosoprano Rita Gabussi De Bassini, che avrebbe dovuto interpretare Azucena, con gli impresari, con l’editore Ricordi e ovviamente con la censura.
Il fatto è che Verdi era preso da vicende personali, in pessimi rapporti con il padre e, soprattutto, doveva affrontare un’aperta ostilità dei suoi concittadini moralisti bussetani, che non vedevano di buon occhio il suo convivere more uxorio con Giuseppina Strepponi [che era una tosta linguaccia. Di Marianna Barbieri-Nini,

artista non bellissima, disse: S’ella ha trovato marito non può disperar più nessuna di trovarlo (strasmile)].
Come se non bastasse, il povero Cammarano morì nel 1852, qualche mese prima del debutto al Teatro Apollo di Roma, il 19 gennaio 1953.
Tutto questo clima conflittuale si sente nella musica, che ogni tanto (sublimemente, sia chiaro) procede a strappi violenti.
C’è una grande distonia tra la straordinaria apertura melodica delle arie, quella del baritono ad esempio, “Il balen del suo sorriso” di difficoltà enorme (auguri ad Alberto Gazale, il Conte di Luna del primo cast!) e le cabalette, segnatamente l’incendiaria “Di quella pira” croce e delizia dei tenori e soprattutto, degli spettatori (smile).
L’opera ebbe subito un successo immenso, nonostante che nel cast del debutto ci fossero solo due autentici fuoriclasse e cioè il soprano Rosina Penco

e il tenore Carlo Baucardé.

 
Per gli appassionati, a conferma della popolarità di questo lavoro verdiano, una recita del Trovatore è sempre un evento.
I cantanti sono sotto pressione e intimoriti, visti i precedenti storici, tutti i grandi artisti del passato si sono cimentati in quest’opera, e lo stesso vale per i direttori d’orchestra e i registi (ho scambiato due parole due con Stefano Vizioli, mi è sembrato sereno e tranquillo).
Ci tornerò, intanto lascio questo ascolto dell’aria del baritono, approfittando della circostanza che in questi giorni si parla tanto, a Trieste, ma non solo, del grandissimo Piero Cappuccilli.
Si sente poco, alzate il volume, ne vale la pena! (con i tempi di Karajan quest’aria deve essere davvero un supplizio…)

 

 
Advertisements

7 risposte a “Il Trovatore di Giuseppe Verdi apre la stagione operistica a Trieste.

  1. daland 11 novembre 2009 alle 3:28 pm

    Ancora il famoso “Ah, l’amor, l’amor è un dardo”!
     
    Scusami, non posso farci nulla, ma il verso originale per me è proprio indigeribile!  

    Mi piace

  2. amfortas 11 novembre 2009 alle 5:59 pm

    Daland, quel verso è una delle poche cose per cui quando ricordo Baricco non dico qualche parolaccia :-), quindi sei ampiamente scusato.
    Ciao!

    Mi piace

  3. utente anonimo 12 novembre 2009 alle 1:37 pm

    da Giuliano:
    confesso invece (scusa Daland!) che a me "l’amore ond’ardo" piace moltissimo, forse per via delle mie frequentazioni monteverdiane, l’italiano antico…
    Dal punto di vista metrico, e ritmico, queste cose permettono molte libertà, soprattutto quella di uscire felicemente dal semplice "contare le sillabe": ovviamente se lo fanno Dante e Petrarca sono molto più belle da leggere  riguardo a Piave e a Cammarano!
    Concludo con un’ovvietà: il Trovatore è l’Opera Lirica Assoluta, e "L’amore ond’ardo" è l’aria d’opera più bella mai scritta.
    Non è una questione di preferenze, ma proprio di perfezione nella forma: il Trovatore si svolge tutto di notte, nel buio, siamo immersi nel sonno e pure siamo coscienti, così come immersa nel sonno è la regal signora, ma veglia la sua dama…
    PS: Cappuccilli, immenso.

    Mi piace

  4. daland 12 novembre 2009 alle 3:47 pm

    @Giuliano
     
    Oh, anch’io non ho dubbi sulla superiore valenza estetico-artistica del verso di Cammarano (oltretutto il dardo fa a pugni pure con la sintassi della frase!) Ma Verdi  non scriveva musica per il popolo? E infatti il popolo non afferrò mai quell’aulico apostrofo!

    Mi piace

  5. amfortas 12 novembre 2009 alle 6:33 pm

    Intanto domani vado a sentire la prolusione di Foletto, che è sempre interessante da ascoltare.
    Ciao a tutti 🙂

    Mi piace

  6. sgnapisvirgola 13 novembre 2009 alle 11:55 pm

    Domani sera io  invece andrò alla prima di prosa del Valli: Cyrano de Bergerac. Sono contenta come una bambina, erano anni che non andavo a teatro.
    Ciao Paolo caro:)

    Mi piace

  7. amfortas 14 novembre 2009 alle 10:28 am

    Silvia, allora attendiamo una recensione, mi raccomando!
    Ciao 🙂

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: