Di tanti pulpiti.

Episodiche esternazioni sulla musica lirica e amenità varie. Sempre tra il serio e il faceto, naturalmente. #verybullo

Oh de’ verd’anni miei…

Antonio Ghislanzoni è noto per aver scritto il libretto dell’Aida di Giuseppe Verdi,

ma a me è molto simpatico perché scrisse un libello intitolato “Varietà umoristiche” in cui spicca il capitolo “L’arte di far libretti”, nel quale, con una buona dose d’autoironia, descriveva i personaggi e i caratteri di un’ipotetica opera lirica.

Vi allego QUI in pdf il suo lavoro e ne stralcio una piccola parte.
 

PERSONAGGI
 

Baritono: tiranno di un paese qualunque, personaggio nervoso e atrabiliare.

Primadonna: moglie di Baritono, donna di carattere indipendente e soggetta a frequenti deliqui.

Tenore: giovane di oscuri natali, di temperamento epatico, affetto di itterizia e di idropisia cronica.

Comprimaria: damigella di confidenza di Primadonna; fanciulla tra i venti e i cinquant’anni, di indole maligna e sospettosa.

Comprimario: amico intimo di Tenore; personaggio poco influente e irresoluto.

Profondo: frate di un Ordine qualunque; zio di Primadonna, amico di Baritono, mecenate di Tenore ecc ecc uomo di solida costituzione e molta autorità, con tendenza pronunziatissima alle stonazioni.
 

CORISTI MASCHI E FEMMINE
 

Che mutano nome e condizione a comodo del poeta e del maestro, conservando sempre nel viso e nel portamento il tipo cretino.

 
 

 
La scena ha luogo in un paese non ancora conosciuto, i cui abitanti, invece di parlare, cantano o solfeggiano con accompagnamento di orchestra.
 
Epoca: a piacere del vestiarista.

Bene, proprio oggi compio 55 anni e mi rendo conto che sarei stato un corista (credo maschio) perfetto per il mitico librettista dell'Aida.
Si accettano candidature per le altre parti tra i lettori di questo blog.
Buona settimana a tutti.

 

Annunci

12 risposte a “Oh de’ verd’anni miei…

  1. utente anonimo 7 giugno 2010 alle 11:14 am

    Io voglio fare la comprimaria. Mi piace la definizione di "fanciulla" e anche l'indole maligna e sospettosa.Ti canterò tantiauguriate sulla tonalità di Heidi!!!La stonata MargotBACIOCOMPLEANNO!!!

    Mi piace

  2. daland 7 giugno 2010 alle 11:50 am

    E poi ci si lamenta di Bondi che taglia!Auguri! 

    Mi piace

  3. annaritav 7 giugno 2010 alle 7:11 pm

    Tanti auguri! Posso essere, una volta tanto, una primadonna? Fingerò di avere un carattere indipendente e mi farò viziare a causa dei frequenti deliqui… Non ti vedo nei panni di corista, dài! Salutissimi e ancora tanti auguri!Annarita

    Mi piace

  4. utente anonimo 7 giugno 2010 alle 8:26 pm

     CASSANDRO Prima di tutto auguri per il tuo bel compleanno, Amfortas. 55 è un bel numero di partenza. Saprai infatti che tale numero è ora quello base essendo andato in pensione quell'altro ormai obsoleto de “La vita comincia a quarant’anni”. In base a ricerche e studi di settore infatti l’età è stata elevata a . . . 55! E se non tolgono ancora fondi alla ricerca chissà che tu, proseguendo le indagini, debba ancora raggiungere, e ti auguro in perfetta forma, l’età di inizio. Complimenti quindi e riauguri! Veniamo ora al tuo piacevole post, dal quale si deduce che ci sarebbe una specie di “griglia” per caratterizzare i personaggi delle varie opere liriche.. E il Basso, però? . . . Che dice Antonio Ghislanzoni sul Basso? . . . Sono interessato in argomento in quanto io, in quanto Cassandro mi presenterei come Basso in un’opera lirica, addirittura di Mozart. Ciò stante gradirei leggere come l’Antonio Ghisalanzoni caratterizza l’artista che possiede tale timbro di voce, anche se so che, per mia fortuna, al momento non posseggo le caratteristiche di detto personaggio de “La finta semplice”, il quale, se non erro, sarebbe un grande misogino. Tutt’altro io ritengo di essere, anche in campo musicale. Infatti — se mi permetti un poco di giocare sul questo tuo post volto ad individuare i caratteri dei personaggi in base alle capacità vocali — tendo a volte, mentre seguo a teatro i concerti sinfonici o da camera, a distrarmi e con la fantasia vago immaginando di fare interloquire e vivacizzare non le voci ma gli strumenti musicali, e quindi per metafora li attualizzo nel gioco amoroso di tutti i giorni.   CONCERTO PER PIANOFORTE E ORCHESTRA Per me noi siamo come un “Concertoper pianoforte e orchestra”: paragoneusato ed abusato, ma invertoio qui l’assai comune opinione per cui domina il primo . . . cioè, io . . .e segua “quella” . . . tu . . . ciò che lui vuole.Fra noi solo mio sembra l’avvio.chè la tua tempra dominar poi suole. O meglio, eh sì . . . com’è giusto che sia . . .di pari passo andiamo: da un latoio son quello che indica la via, tu quella che poi guida di filato.Diciamo allora quasi “Sinfonia con pianoforte”, ecco, “obbligato”  . . . sfociante in ‘dualismo concertante’,laddove il ‘solo’ e il ‘tutti’ è appagante. (Cassandro)           Ancora buon compleanno, Amfortas, e grazie sempre per la sapiente, accorta e simpatica opera di divulgazione.  Ah, quasi scordavo: come mai ieri Rai 1, in una trasmissione nazionalpopolare molto seguita, dall’Arena di Verona ha trasmesso un incisivo appello al Governo per il ritiro della decretazione d’urgenza del noto provvedimento taglia fondi al mondo della cultura musicale? Se mi immedesimo nel carattere sospettoso ed arcigno che dovrebbe avere un Basso quasi quasi direi che . . . gatta ci cova . . . o ci ha covato. Comunque tutto fa brodo.  

    Mi piace

  5. utente anonimo 7 giugno 2010 alle 8:48 pm

    Personalmente non oso scegliere altro ruolo che quello di corista, anche se preferirei quello di "corifeo/a" per guidare il coro degli auguri!E non dirmi che il corifeo guidava il coro nella tragedia greca: non solo.Buon Compleanno, quindi, e lasciami dire che 55 anni può essere un'età.. magica: per me lo é stata davvero, e la vita, in un certo senso, mi é ricominciata daccapo. Che sia lo stesso per te!!!  Adriana

    Mi piace

  6. amfortas 8 giugno 2010 alle 7:50 am

    Margie, ti prego risparmiami almeno Heidi…Daland, hai ragione, non si può che comprenderlo!Annarita, ok, la parte della primadonna è tua!Cassandro, certo che a te l'ispirazione non manca mai eh? Complimenti per le consuete e graditissime rime baciate! Non so nulla della trasmissione alla quale ti riferisci, o meglio, non l'ho vista ma m'informerò.Adriana, vada per il corifeo, anche se il buon Ghislanzoni non lo prevedeva.E poi io sono ggggiovane dentro!Grazie a tutti.

    Mi piace

  7. megbr 8 giugno 2010 alle 2:18 pm

    Augurissimi per un felicissimo genetliaco con inchino ed ossequio e forte battimani da parte di … umh…  ehm,, ..oddio che ruolo..  diciamo ' en travestì…. ;-))))) 

    Mi piace

  8. amfortas 8 giugno 2010 alle 3:05 pm

    megbr, i tuoi commenti sono sempre all'insegna dell'autoironia e del buon umore: io ti offrirei la parte del protagonista.Ciao 🙂

    Mi piace

  9. ivyphoenix 8 giugno 2010 alle 3:10 pm

    buon compleanno!!!!in ritardo ma vabbè…

    Mi piace

  10. utente anonimo 12 giugno 2010 alle 2:58 pm

    E' uscita la prossima stagione del Verdi !!!!!!!!!Traviata con la Devia (sono già in estasi), Lucia, Salomè, Francesca da Rimini, I due foscari, Samson e Dalila, Gianni Schicci e the Medium (come dittico) e due balletti.Andrea

    Mi piace

  11. amfortas 12 giugno 2010 alle 3:55 pm

    Andrea,  lo so, ero alla conferenza stampa. Credo che in giornata scriverò un post in merito, ciao!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: