Di tanti pulpiti.

Episodiche esternazioni sulla musica lirica e amenità varie. Sempre tra il serio e il faceto, naturalmente. #verybullo

Consuntivo semiserio della stagione operistica 2009/2010: premi, bocciature e altro.

Prima di assegnare i consueti award, ecco qui una bella iniziativa culturale, alla quale vale la pena di dare un po' di visibilità.

Dal 28 giugno a Capriva il laboratorio pucciniano che metterà in scena “Suor Angelica”.
Uno dei più pittoreschi angoli paesaggistici del Collio goriziano (forse più cari alle frequentazioni di Casanova e Da Ponte che non a ritiri conventuali) sarà inedito scenario di Suor Angelica dal 28 giugno al 4 luglio.  L’opera pucciniana è obiettivo di un laboratorio d’interpretazione promosso dalla associazione culturale InCanto di Capriva del Friuli affidato al M.o Tiziano Severini per la parte musicale e al regista Ivan Stefanutti per la messinscena; con la consulenza del critico Gianni Gori.
Il laboratorio pucciniano, diretto dal M.o Severini (al pianoforte, Corrado Gulin) ed al quale prendono parte una quarantina di cantanti,  avrà inizio il 28 giugno, mentre il 3 luglio, con replica il 4, avrà luogo la suggestiva mise-en-espace dell’opera pucciniana nella piccola arena del centro civico di Capriva, là dove un tempo vi era l’antico convento delle Orsoline. Manuela Marussi, presidente dell’associazione InCanto, curerà la preparazione del coro femminile.
Una decina le cantanti selezionate per le parti solistiche più importanti e provenienti da Italia, Islanda, Albania, Ukraina, Stati Uniti.

Bene, dopo le cose serie passiamo a quelle semiserie.

 
Arrivati a metà giugno, anche quest’anno è momento di bilanci per quanto riguarda la stagione operistica 2009/2010 al Teatro Verdi di Trieste. Il che significa, nel caso di questo blog, che si conferiscono i premi per le migliori e peggiori prestazioni dell’anno. Un appuntamento imperdibile per chiunque segua la musica lirica, diciamolo (sì come no…).
Nel complesso non è stata un’annata che resterà nella memoria, però qualcosa di valido si trova sempre con un po’ di buona volontà, mentre per le cose bruttine o pessime c’è solo l’imbarazzo della scelta.
Intanto propongo qui di seguito le recensioni semiserie delle serate, ché magari qualcuno ha il (dis)piacere di rileggerne qualcuna: noterete che di alcune opere ho visto entrambi i cast, mentre per altre mi sono astenuto per mancanza di tempo.
Trovatore 1

Trovatore 2

Maria Stuarda 1

Maria Stuarda 2

Roméo et Juliette 1

Roméo et Juliette 2

Elisir d’amore

Tannhäuser

Madama Butterfly

Otello 
 
Bene, passiamo alle ambitissime premiazioni.
 
Migliore spettacolo: Il Trovatore che ha aperto la stagione, perché c’era un buon equilibrio tra musica del compositore e la regia di Stefano Vizioli, circostanza questa spesso trascurata, ma di fondamentale importanza per la riuscita di un allestimento operistico.
 
Peggiore spettacolo: Maria Stuarda, affossato dalla tremenda visione della vicenda del regista Denis Krief. Lo spettacolo era talmente brutto (aiutame a di' quant'era brutto!) che il San Carlo di Napoli, nonostante l’avesse coprodotto, ha rinunciato a proporlo qualche mese dopo al suo pubblico.
 
Migliore regia: vince anche quest’anno Davide Livermore per il suo lavoro nell’Elisir d’amore, battendo sul filo di lana i colleghi Stefano Vizioli e Giulio Ciabatti (per Butterfly).
Livermore è originale, spiritoso, colto e mai volgare, il suo Elisir è stato davvero piacevole. Inoltre si vede un’attenzione ai cantanti che troppo spesso latita nei teatri.
 
Peggiore regia: trionfo incontrastato di Denis Krief per la Maria Stuarda. L’immagine dei cantanti che si muovono nel suo labirinto come criceti in gabbia resteranno per sempre nella mia memoria, e non gliene sono particolarmente grato. Ancora oggi, di notte, mi sveglio urlando per gli incubi.
 
Migliore scenografia: ex aequo per Paolo Fantin (Roméo et Juliette), perché il mega giradischi a me è piaciuto tantissimo e Pier Paolo Bisleri per l’elegantissima Madama Butterfly, uno spettacolo che si potrebbe esportare ovunque.
Finale
 
Peggiore scenografia: Denis Krief, insuperabile anche come realizzatore dei suoi, di incubi.
 
Migliori costumi: Chiara Barrichello per Madama Butterfly.
 
Peggiori costumi: indovinate un po’? Denis Krief. Costumi tetri, sciatti eppure ridicoli.
 
Migliore coreografia: non pervenuta.
 
Peggiore coreografia: Tuccio Rigano, per Tannhäuser. A balletti così posso partecipare anch'io, che sono agile come un capitello corinzio, seppure più vecchio.
 
Miglior tenore: Antonino Siragusa, per la sua caratterizzazione di Nemorino nell'Elisir d'amore.
Sira Mei
 
Peggior tenore: Viktor Afanasenko, il Manrico del secondo cast del Trovatore, davvero ampiamente sotto il minimo sindacale: cantanti così dovrebbero essere protestati e basta, e poi mettono ansia agli ascoltatori: più volte avrei voluto chiamare il 118 affinché gli somministrasse l'ossigeno.
 
Miglior baritono: Claudio Sgura, Conte di Luna, secondo cast del Trovatore. Bravissimo, un artista giovane da seguire con attenzione. Segnalo anche l'inossidabile Jago di Juan Pons e il Belcore di Luca Salsi.
 
Peggior baritono: non assegnato.

Miglior basso: Carlo Cigni quale Ferrando nel Trovatore.
 
Peggior basso: Gianluca Buratto, il Talbot della Maria Stuarda. Un orco cattivo, roba da spaventare i bambini che per fortuna non vanno all'opera ma giocano a sparatutto al computer o su altre diavolerie, spronati da genitori lungimiranti che poi un giorno si meraviglieranno quando il piccolo di casa prenderà il gatto come bersaglio. Ma anche il nonno, mica è detto eh?
 
Migliore soprano: Tatiana Serjan, Leonora nel Trovatore. Quest'artista a me garba parecchio, e ogni volta che l'ho vista (spesso) mi ha dato la sensazione di essere una seria professionista.
 
Peggiore soprano: Hasmik Papian, non tanto per demeriti intrinsechi, ma per la totale mancanza di affinità con lo stile donizettiano. Infatti la prossima stagione la vedremo nella Francesca da Rimini, nella quale probabilmente figurerà meglio.
 
Migliore Direttore d’orchestra: Paolo Longo per L'elisir d'amore. Questo musicista è l'esempio di come spesso si hanno in casa (è triestino) risorse artistiche rilevanti: non ha senso spendere tanti soldi per battisolfa o peggio che vengono magari dall'estero e che millantano curricula fantasiosi.
 
Peggiore Direttore d’orchestra: Nello Santi. Mi spiace assegnare a un monumento già così carico d'onorificenze anche questo premio, ma ero così eccitato all'idea del suo Otello che non riesco a nascondere la delusione.
 
Sorpresa positiva: la mancanza di contestazioni alla regia di Damiano Michieletto per il Roméo et Juliette, io temevo che avremmo perso un centinaio d'abbonati di platea, quelli che arrivano in teatro con il dinosauro di famiglia, acquistato a una svendita prima della scomparsa di questi animali dal pianeta.
 
Sorpresa negativa: sicuramente le tante e troppe sostituzioni dell'ultimo minuto nei cast. In questo senso ho raccolto anche qualche protesta da amici che vengono da altre città d'Italia.
 
Varie ed eventuali: beh, di rilevante c'è il grande problema dei finanziamenti alle fondazioni, che ha messo a soqquadro tutti i teatri italiani.

Inaccettabile, lo scrivo per l'ennesima volta, il tentativo di far scontare la crisi finanziaria solo alle maestranze dei teatri.
Poi, ma questa è una mia idea, trovo più assurdo ancora pensare che la Cultura, in generale, si possa gestire con logiche mercantili.
Però sembra che io sia in minoranza, da questo punto di vista.

 
 

Striscioni 2

E con quest'ultima nota di speranza, auguro una buona giornata a tutti.

Advertisements

21 risposte a “Consuntivo semiserio della stagione operistica 2009/2010: premi, bocciature e altro.

  1. amfortas 18 giugno 2010 alle 9:36 pm

    Non capisco perché, ma avevo disabilitato i commenti…chiedo scusa.

    Mi piace

  2. utente anonimo 19 giugno 2010 alle 2:57 pm

    Sono quasi del tutto d'accordo anche se forse sei stato troppo severo con il M° Nello Santi.

    Mi piace

  3. amfortas 19 giugno 2010 alle 3:34 pm

    2, forse sì, ma è una questione di aspettative. Questo Otello era per me l'appuntamento più ghiotto della stagione e vista la bellissima lettura dell'Aida che Santi diede l'anno scorso, ero convinto di poter assistere a una recita migliore.Ciao e grazie.

    Mi piace

  4. utente anonimo 19 giugno 2010 alle 5:08 pm

    Il polpo è un masochista, Me lo sono letto tutto. Ma non basta, ora vado a frustarmi.ciaocodice sicurezza: taxx..mi fa venire in mente Tremonti. Masochista sì, ma non sino a questo punto

    Mi piace

  5. amfortas 20 giugno 2010 alle 8:08 am

    Octopus,  che punizione che ti sei inflitto…ciao!

    Mi piace

  6. utente anonimo 20 giugno 2010 alle 4:16 pm

    Ed é subito OT: ma.. ti interessa una documentazione del Nabucco a Masada? Se sì, te la mando in mail.. Sono foto: una bella serie.Per il resto, evito di commentare ( abituale "mancanza di titolo" ), ma ti faccio i complimenti e ti ringrazio, come sempre.  Adriana

    Mi piace

  7. mamikazen 20 giugno 2010 alle 7:42 pm

    ANTONINOOOOOOOOOOO!!!!!!!!!!!!!!!!NEMORINOOOOOOOOOOOOO!!!!!!!!!!!!Viva L'Elisir!!!!!!!!!!(con tromba da stadio come quelle che usano in questi giorni ai mondiali)

    Mi piace

  8. amfortas 21 giugno 2010 alle 7:18 am

    Adriana, m'interessa tutto quello che riguarda la lirica…poi il tempo per guardare con calma lo trovo, quindi manda, grazie!Ciao.Mami, mi ricordo sì che hai una passione per il bravo Siragusa. Le vuvuzela s no però, eh?Ciao!

    Mi piace

  9. utente anonimo 21 giugno 2010 alle 9:41 am

    OT 2: mail in arrivo, ciao!  ( Posso anche essere breve…!!! ) Adriana

    Mi piace

  10. amfortas 22 giugno 2010 alle 7:12 am

    Adriana, grazie, in una simile location credo proprio che le emozioni non siano macate, davvero molto suggestivo!Ciao.

    Mi piace

  11. utente anonimo 23 giugno 2010 alle 4:05 pm

    Lo credo anch'io.. magari l'avessi visto di persona!Felice che ti sia piaciuto! Se mi capita qualcos'altro.. Ciao. Adriana

    Mi piace

  12. ivyphoenix 25 giugno 2010 alle 9:28 am

    boh sei tu l'intenditore…in effetti più che un palcoscenico pare un labirinto da cavie in laboratorio quello del premio alla peggiore regia..mio papà dimesso.. non ho parole, neanche quelli del posto dove è ora che dopo un giorno già prevedono avrà bisogno di ospedale nuovamente..tuo meglio?

    Mi piace

  13. amfortas 25 giugno 2010 alle 10:48 am

    Adriana, ti ringrazio ancora.Ivy, sì quell'allestimento era davvero orribile.Per il resto sorvoliamo…

    Mi piace

  14. filorosso 26 giugno 2010 alle 9:40 am

    Ciao, sono contenta che tu e Ivy vi ricordiate di me!Tempi duri, ma sta passando.Un bacione grossoFilo

    Mi piace

  15. amfortas 27 giugno 2010 alle 7:58 am

    Filo, ciao a te, ogni tanto vado a trovare i vecchi amici di Tiscali. I tempi, ahimé, sono piuttosto duri per tutti.Ciao.

    Mi piace

  16. Chatonproviseur 28 giugno 2010 alle 1:49 am

    Mi auguravo che Krief avesse fatto scempio solo della Dama di Picche a Torino, l'anno scorso, ma vedo che prosegue… Sob.

    Mi piace

  17. amfortas 28 giugno 2010 alle 7:47 am

    Chaton, forse Krief sta passando un brutto momento dal punto di vista creativo…Ciao!

    Mi piace

  18. utente anonimo 30 giugno 2010 alle 10:45 am

    Personalmente ho apprezzato moltissimo il soprano Anna Maria dell'Oste nell'Elisir d'amore. Briosa, credibilissima, spumeggiante e intonatissima. Semplicemente perfetta.

    Mi piace

  19. amfortas 30 giugno 2010 alle 3:16 pm

    18,  conosco bene la Dell'Oste e concordo con il tuo parere, quest'anno però non ho avuto tempo di vedere la sua recita.Ciao e grazie.

    Mi piace

  20. ivyphoenix 30 giugno 2010 alle 4:24 pm

    non posso scriverlo sul blog perchè sono letta anche da persone che ne approfitterebbero…però.. il mio ha smesso di soffrire. 4 giorni dopo che l'hanno fatto uscire.. dimmi che con che criterio!!!!il tuo come sta, paolo? 

    Mi piace

  21. amfortas 30 giugno 2010 alle 4:31 pm

    Ivy, mi spiace davvero molto…il mio è in RSA da qualche giorno: prospettive ridotte, diciamo così.Ciao…

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: