Di tanti pulpiti.

Episodiche esternazioni sulla musica lirica e amenità varie. Sempre tra il serio e il faceto, naturalmente. #verybullo

Requiem di Giuseppe Verdi a Trieste.

Anche il Teatro Verdi di Trieste, al pari degli altri teatri italiani, è in grosse difficoltà economiche. Praticamente ci sono soldi, e quindi una programmazione certa, sino a giugno.

Certa si fa per dire, perché io m’attendo qualche sorpresa sgradita nella stagione in corso, anche se spero di sbagliarmi.
Di sicuro ci sono ancora problemi con i cast, come dimostra l’inopinata sostituzione di Luciana D’Intino con Elena Bocharova nel prossimo Samson et Dalila che debutterà il 18 febbraio.
Nel frattempo venerdì prossimo 4 febbraio, presso la Sala de Banfield Tripcovich, potrò assistere al Requiem di Giuseppe Verdi.
Sul podio dell’Orchestra del Verdi il M° Corrado Rovaris e i solisti Latonia Moore (soprano), Elena Bocharova (mezzosoprano), Dongwon Shin (tenore) e Simon Lim (basso). Oltre ovviamente al Coro del Verdi.
Mi consento un piccolo inciso personale.
Mio padre, recentemente scomparso, considerava questa Messa di Requiem come una delle composizioni più emozionanti e il capolavoro in assoluto di Giuseppe Verdi.
Certo, papà aveva nelle orecchie altri interpreti, però credo che non sarà facile per me trattenere la commozione.
 
 
 

Advertisements

17 risposte a “Requiem di Giuseppe Verdi a Trieste.

  1. utente anonimo 2 febbraio 2011 alle 4:34 pm

    sono d'accordo col tuo papà!

    Mi piace

  2. utente anonimo 2 febbraio 2011 alle 4:34 pm

    sono d'accordo col tuo papà!

    Mi piace

  3. amfortas 2 febbraio 2011 alle 5:48 pm

    Marina, ne sarebbe stato contento!
    Ciao 🙂

    Mi piace

  4. amfortas 2 febbraio 2011 alle 5:48 pm

    Marina, ne sarebbe stato contento!
    Ciao 🙂

    Mi piace

  5. biondasirocchia 2 febbraio 2011 alle 9:03 pm

    Il tuo papà ha ragione. Cantare quel requiem è il sogno, credo, di tutti i soprani, almeno il mio, magari con Milady, il mio "mezzo" preferito…
    Biondasirocchia

    Mi piace

  6. biondasirocchia 2 febbraio 2011 alle 9:03 pm

    Il tuo papà ha ragione. Cantare quel requiem è il sogno, credo, di tutti i soprani, almeno il mio, magari con Milady, il mio "mezzo" preferito…
    Biondasirocchia

    Mi piace

  7. biondasirocchia 2 febbraio 2011 alle 9:20 pm

    Grazie per il secondo megaregalo!  Non so come ricambiare.
    Biondasirocchia

    Mi piace

  8. biondasirocchia 2 febbraio 2011 alle 9:20 pm

    Grazie per il secondo megaregalo!  Non so come ricambiare.
    Biondasirocchia

    Mi piace

  9. amfortas 3 febbraio 2011 alle 8:36 am

    Bionda, il Requiem è bellissimo e la parte del soprano fantastica, speriamo bene!
    Per il resto, figurati!
    Ciao 🙂

    Mi piace

  10. amfortas 3 febbraio 2011 alle 8:36 am

    Bionda, il Requiem è bellissimo e la parte del soprano fantastica, speriamo bene!
    Per il resto, figurati!
    Ciao 🙂

    Mi piace

  11. utente anonimo 3 febbraio 2011 alle 9:25 am

    concordo in pieno con il tuo papà.. un saluto a te e soprattutto a lui..
    ciao megbr

    Mi piace

  12. utente anonimo 3 febbraio 2011 alle 9:25 am

    concordo in pieno con il tuo papà.. un saluto a te e soprattutto a lui..
    ciao megbr

    Mi piace

  13. amfortas 3 febbraio 2011 alle 1:36 pm

    megbr, grazie e ciao 🙂

    Mi piace

  14. utente anonimo 4 febbraio 2011 alle 11:48 pm

    Una cosa di cui mi vergogno e un'altra di cui vado orgogliosa: il Requiem di Verdi è l'unica composizione di Verdi di cui possiedo cd; ed è anche l'unica composizione in assoluto di cui possiedo tre versioni.
    E' assolutamente strepitoso e mi ha preso il cuore.

    Spero che sia stato bello e commovente, Amfortas, un caro saluto!
    Laura

    Mi piace

  15. utente anonimo 4 febbraio 2011 alle 11:48 pm

    Una cosa di cui mi vergogno e un'altra di cui vado orgogliosa: il Requiem di Verdi è l'unica composizione di Verdi di cui possiedo cd; ed è anche l'unica composizione in assoluto di cui possiedo tre versioni.
    E' assolutamente strepitoso e mi ha preso il cuore.

    Spero che sia stato bello e commovente, Amfortas, un caro saluto!
    Laura

    Mi piace

  16. amfortas 5 febbraio 2011 alle 8:19 am

    Laura, ciao, perché mai vergognarsi? 🙂
    La serata è stata complessivamente interessante, seguirà recensione in giornata, credo.

    Mi piace

  17. amfortas 5 febbraio 2011 alle 8:19 am

    Laura, ciao, perché mai vergognarsi? 🙂
    La serata è stata complessivamente interessante, seguirà recensione in giornata, credo.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: