Di tanti pulpiti.

Episodiche esternazioni sulla musica lirica e amenità varie. Sempre tra il serio e il faceto, naturalmente. #verybullo

Prossimi appuntamenti a Trieste: dittico The Medium/Gianni Schicchi e presentazione del Festival dell’Operetta.

La prossima settimana pubblicherò la seconda parte dell’approfondimento sull’Ernani di Giuseppe Verdi, nel frattempo torno all’attualità, triestina, in questo caso.
Martedì prossimo ci sarà la prima di uno strano dittico per la stagione operistica ormai agli sgoccioli. Le due opere scelte sono The Medium di Gian Carlo Menotti e Gianni Schicchi di Giacomo Puccini.
Ieri sera Carla Moreni (ciao!), nella prolusione, ha individuato il fil rouge tra le due opere nella voce e nelle sue trasformazioni, nell’uso anche simpaticamente (o tragicamente) truffaldino che se ne può fare. Una chiave di lettura interessante e anche condivisibile, seppure io resto sempre dell’idea che le opere dovrebbero essere eseguite come previsto dall’autore.

Gian Carlo Menotti.

Se nel caso di The Medium è abbastanza veniale non presentarla insieme all’altro lavoro con il quale esordì nel 1947 a New York (The Telephone), un po’ più grave è estrapolare il Gianni Schicchi dall’originale Trittico pucciniano. Capisco però che le attuali esigenze economiche dettino le scelte dei cartelloni operistici e quindi si può abbozzare, tutto sommato.
Perciò, martedì prossimo si comincia con Menotti e poi si cercherà di uscire dal labirinto dell’angoscia – il lavoro del fondatore del Festival dei Due Mondi è veramente teso, terribile – con la celeberrima burla pucciniana.
Entrambe le parti in cui è diviso lo spettacolo si avvalgono di un nuovo allestimento realizzato dai laboratori della Fondazione triestina e affidato alla regia di Giulio Ciabatti con le scene di Pier Paolo Bisleri, i costumi di Giuseppe Palella e le luci di Nino Napoletano.
Per curiosità ricordo anche che della sua fatica Menotti girò, nel 1951, una versione cinematografica che, con un po’ di fortuna, si può ancora reperire in Rete.
Sul Gianni Schicchi, per il momento, basterà ricordare che il libretto è di Giovacchino Forzano e che la vicenda è quella nota tratta dall’Inferno della Divina Commedia.
Spero che il pubblico questa volta sia più numeroso e partecipe che nelle ultime occasioni!

Tiziana Fabbricini.

Gli interpreti, per The Medium, sono: Tiziana Fabbricini (Madame Flora), Diletta Rizzo Marin in alternanza con Manuela Kriscak (Monica), Ilaria Zanetti (Mrs. Gobineau), Giuliano Pelizon (Mr. Gobineau) Annika Kaschenz (Mrs Nolan e Giulio Cancelli (Toby).
Per lo Schicchi la locandina (interpreti principali) è la seguente: Nicola Alaimo e Gezim Myshketa nel ruolo del protagonista (Gianni Schicchi),  Diletta Rizzo Marin e Manuela Kriscak in quello di Lauretta, Giovanna Lanza (Zita), Atalla Ayan  e Carlos Natale (Rinuccio), Ilaria Zanetti (Nella).
La direzione del dittico è affidata al M° Matteo Beltrami per la prima volta sul podio dell’Orchestra del Teatro Verdi. Lo spettacolo si replica il 18,19,29,21,22,24 maggio al “Verdi” di Trieste e il 4 giugno al “Verdi” di Pordenone.
Sono curioso, in particolare di ascoltare dal vivo Diletta Rizzo Marin, figlia d’arte – suo padre è il famoso basso Roberto Scandiuzzi – di cui mi si dice un gran bene. Grande interesse anche per Tiziana Fabbricini, in un lavoro che dovrebbe esaltarne anche le non comuni capacità attoriali.
Le aspettative per il Festival dell’Operetta – le mie almeno- erano piuttosto modeste. Invece, con piacere, dopo la conferenza stampa di presentazione mi sono ritrovato favorevolmente sorpreso.
La manifestazione si svolgerà, ovviamente a Trieste, dal 12 al 31 luglio e si articolerà in 15 serate, con quattro titoli.
Una notte a Venezia di Johann Strauss Jr. rielaborata nel libretto da Gianni Gori, La metamorfosi di una gatta di Jacques Offenbach (un vero genio), L’opera da tre soldi di Brecht e Weill. Inoltre negli ultimi tre giorni del mese è previsto un concerto celebrativo dal titolo un po’ stucchevole (Viva l’Italia, sigh) in cui si ripercorreranno 150 anni di musica attraverso melodie famosissime, dal Risorgimento ai giorni nostri.

Brecht-Weill

Tra i numerosi artisti che partecipano al Festival segnalo Daniela Mazzucato (io la vorrei Sindaco, mannaggia…), Massimo Ranieri, Lina Sastri e tanti altri di cui parlerò con dovizia (è una minaccia, strasmile) di particolari in sede di recensione.
La notizia più bella è che in occasione del Festival sarà recuperato uno spazio cittadino storico e cioè il Castello di San Giusto.
Insomma, considerando che l’anno scorso, sostanzialmente, il Festival consisteva in un titolo, credo che si possa essere contenti. Certo, non siamo ancora tornati ai fasti di una volta né come programmazione né in generale, però bisogna fare i conti con i tempi attuali.
Qui potete trovare tutti i particolari.

Riferirò di tutti gli spettacoli al momento opportuno, per ora buon fine settimana a tutti!

Annunci

2 risposte a “Prossimi appuntamenti a Trieste: dittico The Medium/Gianni Schicchi e presentazione del Festival dell’Operetta.

  1. Enrico 18 maggio 2011 alle 11:39 am

    Medium interessante brava la Fabbricini.
    Schicchi abbastanza scialbo male la trasposizione temporale e la grossolana caricaturalità dei personaggi.
    Anche per Lucia cast tutti rivoluzionati per la prima compagnia. E’ indegno! Spero con la prossima strana gestione visto i titoli del Festival dell’ Operetta- povero Brecht e la sua Opera da 3 soldi che proprio un’ operetta non è, sia più leale in fatto di cast. Sai qualche titolo sicuro?
    Mala tempora currunt cum Calenda

    Mi piace

  2. amfortas 18 maggio 2011 alle 1:36 pm

    Enrico, non sono d’accordo sulla valutazione dello Schicchi, che a me è sembrato ben realizzato. Ne scriverò in giornata, probabilmente.
    Per quanto riguarda i cast, ho visto ora che abbiamo acquisito Giorgio Caoduro e Aquiles Machado: mi pare che si possa stare contenti, tutto sommato.
    Dei programmi futuri so qualcosa ma non mi va di dare anticipazioni, aspettiamo ancora qualche giorno!
    Ciao e grazie 🙂

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: