Di tanti pulpiti.

Episodiche esternazioni sulla musica lirica e amenità varie. Sempre tra il serio e il faceto, naturalmente. #verybullo

Ancora sul Lohengrin da Bayreuth 2011: dietro le quinte il roditore colpisce ancora.

Sul Lohengrin in oggetto ecco una bella e articolata riflessione dell’autorevole Daland, in apertura.
Passo poi direttamente la parola alla bestia ehm al nostro corrispondente da Bayreuth.
Bella comodità Internet, vero? Ricordatevene quando i governi propongono di limitarne le potenzialità!

BILANCIO DA…”RODITORE”

 

…Ed anche questa è fatta! La diretta TV del Lohengrin è archiviata. Vi fornisco alcune “curiosità” in merito:

1)      48 ore prima della diretta, i “Rattenfüße” sono stati modificati e ridipinti. Praticamente è stato fatto il pedicure a 134 paia di “zampe.Sono state, inoltre, apportate lievi modifiche agli “smoking gialli” del I atto. Roba di poco conto, ma, per la teutonica pignoleria, essenziali, data la presenza di telecamere in scena, in sala, ed una, automatica, nella buca della suggeritrice(povera! Già lo spazio è quello che è lì sotto…!!!)

2)      Durante il I atto, sono rimasti sul palcoscenico solo 3 spezzoni di coda, e qualche unghia qua e là (prontamente incollati dietro le scene prima del successivo ingresso in scena: il “fußpflege” dei topi è fondamentale!!!!).

3)      Nel II atto, per fortuna!, nessuna delle artiste del coro ha perso la coda. I magneti che le sostengono sono stati cambiati e “rafforzati”. Ci sarebbe voluta una “pestata erculea” per farle cadere!! Anche nel II atto, pochi spezzoni di coda giacenti sul palcoscenico. Qualcuno mi sa che se lo è portato via la Lang complice il suo ampio vestito. La Elsa ha concluso la scena con andamento lievemente claudicante:  di rotto, per fortuna! Le si è solo sfilata una scarpa e non è riuscita a rimettersela, lasciandola giacente sul palcoscenico (non avrete mica creduto che fosse un oscuro simbolismo della regia,vero?). In compenso, è sembrato a tutti che abbia cantato meglio, complice, si suppone, il mutamento ormonale dovuto al suo stato di gravidanza.

4)      Il III atto non ha fatto vittime “caudali” e si è svolto con regolarità. Anche la navicella di Lohengrin è arrivata senza intoppi. Grazie al cielo, il Bluetooth che ne determina il movimento, non ha creato problemi.

5)      Nella Volksfestplaz, hanno assistito alla trasmissione “live” sul maxischermo piu’ di 20.000 persone, venute da ogni dove. Gli alberghi ringraziano…Nonostante intorno alle 18 sia venuta giu’ l’ira di Dio, nessuno si è mosso. “Sturm und Gewitter“: non sono una novità qui in Oberfranken.

6)      Il Teatro ha tributato applausi da stadio e senza fine. I solisti sono stati poi prelevati e portati nella Piazza per riceverne di ulteriori.

7)      Il Ratte nr.24 ha volto a voi tutti il pensiero ed il “ciao-ciao” con la zampetta anteriore ,come promesso ad Amfortas…

Oggi si prosegue con la storia del Papà di Lohengrin. Si tireranno le somme di quanto avvenuto ieri, ve ne farò partecipi! E, soprattutto, aspetto con ansia la lettura dei vostri commenti….

Auf dem Grünen Hügel…passo e- per il momento- chiudo!!!!

Annunci

16 risposte a “Ancora sul Lohengrin da Bayreuth 2011: dietro le quinte il roditore colpisce ancora.

  1. giuliano 16 agosto 2011 alle 1:30 pm

    una mia curiosità, giusto per l’inventario: ma qualcuno dei presenti è mai riuscito a vedere il Lohengrin col cigno, eccetera? Negli ultimi 20-30 anni, intendo. Già con Strehler alla Scala, tutto bello, gli specchi, la luce radente sul coro, ma il cigno se c’era l’hanno visto solo in pochini…
    A proposito, una delle famiglie più vip del comasco è la famiglia Ratti, industria della seta. Non è che per caso facevano da sponsor? A me sembra una bella idea, la butto là e spero che mi piova qualche soldino anche a me. (Funziona così, vero? che uno dice una xxxxxxx e poi qualcuno la riprende, e poi ti arrivano i denari a casa?)
    🙂

    Mi piace

    • amfortas 16 agosto 2011 alle 5:40 pm

      Giuliano, io nel 2005 al Verdi di Trieste vidi questo, che è pur sempre meglio di niente.
      2005 Stephen Young
      Se ogni volta che sparo una stronzata m’arrivassero soldi a casa, sarei ricco come Paperon de’ Paperoni :-), altro che i Ratti comaschi!
      Ciao 🙂
      Non si vede la foto, prova qui.

      Mi piace

  2. zena 17 agosto 2011 alle 11:02 pm

    (posso ridere, qui, in un angolino? e intanto lasciare un saluto caloroso e accaldato? z.)

    Mi piace

  3. mamikazen 18 agosto 2011 alle 4:26 pm

    Il cigno! Il cigno! l’ho visto.
    ma è legge di natura: in un ecosistema in cui si moltiplicano i ratti, spariscono i cigni 🙂

    Mi piace

  4. amfortas 18 agosto 2011 alle 4:35 pm

    mami, l’estinzione dei cretini ci vorrebbe (magari scomparirei anch’io, ma sai che goduria per la discendenza con tanti spazi).
    Ciao!

    Mi piace

  5. ParsifalKna 21 agosto 2011 alle 2:13 pm

    Ciao a tutti, solo ora vengo a sapere che oggi alle 14,45 su RAI TRE viene mandato in onda Das Rheingold nell’allestimento della Scala e con la direzione di Barenboim. Spero di non essere stato troppo tardivo nella comunicazione; è un Rheingold del quale non ho un gran ricordo, ma è pur sempre Wagner!!!
    P.S. per Amfortas: vorrei contattarti in privato: posso usare la mail amfortas loge? Ciao.

    Mi piace

  6. Giorgio 22 agosto 2011 alle 10:12 pm

    Caro Amfortas, un saluto a 35° circa da Roma ! Mentre si cuoce il mio ultimo neurone, ti dirò che dopo aver visto l’agghiacciante (almeno, con questo caldo !) Lohengrin, mi sorge una domanda: abbiamo subito le provocazioni degli anni ’70, le riprovocazioni degli anni ’80 e ’90, anelli vari in immondezzai, su astronavi laser e in mezzo a meretrici varie ,.. ma non si potrebbe qualche volta provocare con un vecchio e banale scenario di cartapesta o magari usare gli effetti speciali alla star trek per vedere qualcosa di banalmente e vagamente attinente all’ambientazione dell’opera ? Mah … povero Wagner, seviziato dai suoi stessi discendenti …

    Ciao

    Mi piace

    • amfortas 23 agosto 2011 alle 9:21 am

      Giorgio, ciao. Non che qui faccia fresco eh? 🙂 Sai che non ho trovato una, dico una, persona alla quale questo allestimento sia piaciuto? Eppure lo riproporranno, forse anche in altri paesi europei. Bah! Almeno ci fosse un cast straordinario…
      Quanto alle sevizie, lo sai vero che la famiglia è spesso teatro di tragedie? 🙂 Evidentemente nella dinastia Wagner ci devono essere molte faccende irrisolte!
      Ciao e grazie per il contributo.

      Mi piace

  7. Giuseppe Sottotetti 22 agosto 2011 alle 11:26 pm

    Per quel poco che si vede dai DVD la Fura dels Baus ha usato degli effetti speciali da Star Trek e per gran parte del Ring mi sembra che sia stata alquanto fedele al testo di Wagner. Sono sufficientemente vecchio da ricordare i fischi a scena aperta che si beccarono Boulez e Chereau nel 76 quando si alzò il sipario sul terzo atto del Gotterdammerung. Oggi quell’allestimento e quella lettura musicale sono considerati un punto di riferimento… del resto rispetto al Ring di Stoccarda si riconosce ancora la vicenda della Tetralogia e bisogna ammettere che i cantanti recitano anche molto bene. La morale è che di qui ad altri 35 anni ci si potrebbe trovare a rimpiangere i bei tempi in cui Krethina Wagner allestiva i Meistersinger

    Mi piace

  8. amfortas 23 agosto 2011 alle 9:26 am

    Giuseppe, io ho visto live l’allestimento della Fura, ne ho anche parlato nell’altro blog. Con tutti i difetti confronto a questo è geniale e comunque, come dici tu, lì c’era rispetto del libretto, tanto che io trovai che la regia fosse troppo didascalica.
    Tu parli di Boulez e Chereau, lasciamoli stare in pace, non scomodiamoli :-).
    Dubito che rimpiangeremo quei Maestri, ma certo non si sa mai!
    Ciao e grazie!

    Mi piace

  9. Giorgio 23 agosto 2011 alle 3:51 pm

    In effetti l’allestimento di Chereau mi lasciò un po’ perplesso (anche se una logica c’era …), ma la concertazione di Boulez rimane un evento davvero unico, in rottura completa con la tradizione dei direttori d’orchestra wagneriani, di una analiticità e originalità meravigliosa ! In ogni caso, come dice Amfortas, lasciamoli in pace ! Sono edizioni di altissimo livello, di cui è un piacere discutere e confrontarsi … nel caso di questo Lohengrin … possiamo al massimo squittire ! Sentirò il parere del mio gatto o di qualche pantegana del Tevere.
    ciao a tutti

    Mi piace

  10. amfortas 23 agosto 2011 alle 5:00 pm

    Giorgio, sono d’accordo con te, anche se io fui entusiasta da subito della regia mentre ci misi qualche mese per digerire la direzione asciutta di Boulez.
    Ciao e grazie!

    Mi piace

  11. Giuseppe Sottotetti 27 agosto 2011 alle 11:12 pm

    Oggi avevo voglia di un Parsifal e ho cominciato con il Boulez del 2004. Quando la tromba ha attaccato il tema dell’agape fraterna ho deciso che oggi volevo una lettura del tutto diversa e ho ripiegato sul Gatti del 2008 che esagera nell’altro senso… Boulez offre degli spunti interessanti ma non è l’edizione con cui vorrei vivere.

    Mi piace

  12. amfortas 28 agosto 2011 alle 9:27 am

    Giuseppe, interessante il tuo approccio, quando dici “oggi volevo una lettura diversa”, succede anche a me.
    Il mio Parsifal da isola deserta sono due (smile), Kna e HvK. Come già ho scritto Boulez mi piace molto, ma ho dovuto pensarci sopra parecchio e a tutt’oggi (già dal Preludio) mi spiazza un po’.
    Ovvio poi che ci sono altre esecuzioni affascinanti – Barenboim mi piace molto, tra gli altri – e credo che non finirò mai di restare affascinato da questa musica.
    Ciao e grazie!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: