Di tanti pulpiti.

Episodiche esternazioni sulla musica lirica e amenità varie. Sempre tra il serio e il faceto, naturalmente. #verybullo

Recensione del terzo concerto della stagione sinfonica al Teatro Verdi di Trieste.

In una Trieste quasi pronta a farsi blindare per l’incontro bilaterale Putin – Letta e dopo la conferenza stampa di presentazione della stagione lirica e di balletto, che ha suscitato qualche malumore agli aficionados del Verdi, il teatro ha ripreso l’attività artistica con il terzo appuntamento della stagione sinfonica.

Flavio Emilio Scogna

Flavio Emilio Scogna

Un pubblico piuttosto numeroso ma non straripante – parecchi giovani e giovanissimi, la cui presenza si è ingenuamente evidenziata anche per il discutibile timing degli applausi – si è confrontato con un programma interessante ma eterogeneo, al quale forse mancava un filo conduttore che lo rendesse più fruibile soprattutto agli spettatori meno smaliziati.
A questa carenza ha cercato di sopperire – con discreti risultati – il direttore Flavio Emilio Scogna, all’esordio a Trieste, il quale anche grazie a un buon feeling con l’eccellente Orchestra del Verdi, è riuscito a caratterizzare con incisività le pagine musicali proposte.
Ho apprezzato molto l’interpretazione di Scogna del celebre Siegfried Idyll, mantenuto per accenti e sonorità nel suo alveo naturale, che è quello di una breve e intima composizione cameristica d’ispirazione persino dolce e ingenua a uso familiare (certo, parliamo di Wagner!) alla quale troppo spesso si vuole conferire una magniloquenza esagerata riferita al successivo, parzialissimo riutilizzo per il Siegfried.

Cristian Carrara

Cristian Carrara

In questo senso c’è stata continuità con il lavoro che si può bene definire autobiografico di Cristian Carrara, giovane compositore friulano, che con Ondanomala ha voluto descrivere l’intimità di un’esperienza devastante come la tragedia del Vajont. Un’esperienza non vissuta direttamente per ovvie ragioni di età – come precisa Carrara stesso nelle note di sala – ma rivissuta attraverso gli sguardi e le memorie dei familiari.
Nonostante ciò, mi è sembrato che tra il lirismo della pagina wagneriana e l’adrenalinica composizione di Carrara, screziata da qualche squarcio di spigolosa dolcezza, ci fosse una differenza troppo marcata che ha lasciato il pubblico un po’ interdetto.
Dopo l’intervallo è stata la volta dell’Ouverture Die Hebriden di Felix Mendelssohn, pagina amatissima da Brahms e Wagner, un affresco marino del quale Scogna ha saputo ricreare le mutevoli tinte attraverso un vivace fraseggio orchestrale, ma che forse avrebbe beneficiato di una scelta di tempi più rilassati.
Un’esecuzione davvero brillante della Sinfonia “Die Tragische” di Schubert ha chiuso la serata.
Scogna è sembrato teso a evidenziare più il lirismo che la parte drammatica della partitura e di conseguenza è risultato molto suggestivo, ricco di pathos ma allo stesso tempo scevro da svenevolezza, l’Andante del secondo movimento, pervaso da quell’ansiosa inquietudine che ha segnato la breve parabola terrena del compositore.
Il concerto ha ottenuto un caloroso successo dal pubblico, che ha ripetutamente chiamato al proscenio il direttore Flavio Emilio Scogna e il compositore Cristian Carrara.

Sono quasi in partenza per l’orrida Venezia, dove mi attende L’Africaine di Meyerbeer. La recensione sarà pronta mercoledì…più che una promessa è una minaccia!
Un saluto a tutti, alla prossima!

Annunci

2 risposte a “Recensione del terzo concerto della stagione sinfonica al Teatro Verdi di Trieste.

  1. Alucard 25 novembre 2013 alle 7:16 pm

    Forse ci si becca in treno! A domaniiiii 😀

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: