Di tanti pulpiti.

Episodiche esternazioni sulla musica lirica e amenità varie. Sempre tra il serio e il faceto, naturalmente. #verybullo

Il mio pensiero schietto sulla vicenda del Corriere della Grisi

Io e gli autori del Corriere della Grisi non ci amiamo molto. A suo tempo, alla Fenice di Venezia, abbiamo anche avuto un incontro ravvicinato piuttosto imbarazzante, dopo che per anni ce ne siamo dette di tutti i colori sugli spazi di nicchia dedicati alla musica lirica.

Da qualche settimana il loro sito non è più raggiungibile ed è ragionevole pensare che siano stati hackerati, per quanto possa sembrare incredibile.

Se fosse confermata l’ipotesi di cui sopra, a me pare una bestialità inaccettabile che qualcuno voglia impedire ai “grisini” di esprimere la loro opinione e questo ovviamente a prescindere dal fatto che la pensi quasi sempre in maniera diametralmente opposta a loro su cantanti, registi, direttori. E, oltretutto, che consideri incivile, violento e inappropriato il linguaggio in cui scrivono i loro articoli.

Se ci si ritiene diffamati si fa una denuncia a chi di dovere, non si impedisce a nessuno di scrivere o parlare.

O almeno questo è ciò che penso io.

Annunci

19 risposte a “Il mio pensiero schietto sulla vicenda del Corriere della Grisi

  1. don jose 9 agosto 2015 alle 2:12 pm

    La penso esattamente come te (mi verrebbe da dire “ovviamente”, anche se nel nostro mondo nulla è piu’ “ovvio”…): Non sapevo dell’ultima disavventura della Grisi, anche perchè la leggo assai poco; se non fosse così offensiva la troverei piuttosto divertente. Ho scritto loro soltanto una volta, quando, in occasione della Carmen alla Scala del 2009, già mesi prima avevano cominciato a sparare a zero su Kaufmann, salvo poi ammettere di non averlo mai sentito prima dal vivo!!!!! Poi venne il 7 dicembre, e Jonas mise tutti a tacere…..:-):-) Comunque: è aperto a tutti quanti,viva la libertà!!!!

    Mi piace

    • Amfortas 9 agosto 2015 alle 7:17 pm

      Don José, ciao, ti leggo già in Don Giovanni state of mind 🙂
      Io seguo costantemente il CdG – ultimamente un po’ di meno – perché mi piace leggere le opinioni di chiunque. Altro non dico, la mia opinione è tutta nel post.
      Ciao e grazie!

      Mi piace

  2. grisinodellaprimaora 11 agosto 2015 alle 7:00 pm

    Non me l’aspettavo, chapeau!

    Mi piace

  3. Pasquale 14 agosto 2015 alle 8:58 pm

    lo stesso lo penso anch’io ,anche se magari può essere stata solo una stupidaggine di qualche giovanotto in vena di svagarsi rompendo i …siti altrui

    Mi piace

  4. Giuliano 15 agosto 2015 alle 5:16 pm

    “dì il tuo pensiero, Jago…” 🙂
    confesso di non sapere niente della questione, non seguo più le vicende del loggione dal secolo scorso (ahimè). Però ti scrivo per segnalarti cosa succede con Google: mi è venuto in mente di cercare se qualcuno in tutti questi anni ha messo on line foto di quel periodo, ho digitato pià volte cose del tipo “loggione Scala code biglietti Abbado”, ho perfino scritto la data esatta del Macbeth 1985, mi è uscito di tutto ma non quello che cercavo. Quando si dice del magnifico algoritmo di Google…
    Giusto per conoscenza, ecco una piccola selezione delle immagini che mi sono trovato davanti: cantanti di Sanremo degli anni ’60, squadre di calcio mai viste né immaginate prima, Lucio Dalla (Lucio Dalla mi usciva sempre, vai a sapere perché), Mike Bongiorno, riviste, quiz tv – mi fermo, se vuoi provare…
    😦
    l’altro giorno ho trovato un nido di vespe su una finestra, ma erano vespe piccole e poco aggressive che non conoscevo; così ho cercato su Google e mi sono trovato davanti ragni, scorpioni, moto, Bruno Vespa, incredibilmente pochissimi imenotteri e dei più comuni, perfino api (le api non sono vespe, esse sono di molto differenti)
    Giusto per conoscenza…
    🙂
    (come vedi, il mio pensiero è vago d’ubbìe, non di malizie)
    un saluto a Betta, e scusa il fuori tema

    Mi piace

    • Amfortas 16 agosto 2015 alle 4:29 pm

      Giuliano, ciao. L’avessi saputo avrei salvato una foto che trovai per caso qualche tempo fa, che ritraeva una fila per un’opera in cui cantava la Caballé 🙂
      Io con Google mi trovo abbastanza bene, anche se ricordo – anni fa – che cercando qualcosa di attinente alla lirica mi trovai come primo risultato una foto porno 🙂
      E non parlarmi di vespe che sono terrorizzato da quando, da bambino, cercando di attentare alle virtù di mia cugina (si fa per dire, eravamo meno che decenni) nel Parco di Miramare tirai giù un favo che stava tra i cespugli e passai da assalitore ad assalito 🙂
      E comunque i pernsieri laterali al post sono sempre graditi! Ciao, grazie e saluti ricambiati da Betta.

      Mi piace

      • Giuliano 16 agosto 2015 alle 7:06 pm

        citazione d’obbligo per Vespina, per Vespone, per Despina, e anche per la povera Suzuki. E anche per Serpina, già che ci siamo
        🙂
        (ma poi Vespina dov’è? mica me lo ricordo, va a finire che me la sono inventata io…)
        Conoscevo un po’ di gente in loggione, ma ne è passato di tempo. Devo dire che le discussioni, sia in male che in bene, significano che c’è ancora vita. Io ero uno che stava sempre zitto e per conto suo, non sempre approvavo (c’è della gente che dovrebbe starsene a casa, quelli che stanno in agguato e ti rovinano i finali d’opera, per esempio: aspettare un minuto gli pesa così tanto?) ma poi quello che capitava più spesso erano i venti minuti di applausi. E questo mi fa nostalgia, anche perché i venti minuti di applausi erano per gente che non c’è più… (metti tu i nomi, magari in ordine alfabetico a partire dalla A)
        PS: in quel periodo avevo i baffi, non so se Betta è disposta a crederci. (tu sì, lo so, lo so)
        🙂

        Mi piace

      • Giuliano 18 agosto 2015 alle 4:31 pm

        per tornare in tema, tempo fa si parlava dello spam nei blog; io avevo notato che da me arrivava quasi soltanto su ben determinati argomenti, e sporadicamente su altri. Una volta mi è arrivato uno spam in dosi massicce sempre sullo stesso post, io ho lasciato un commento spiegando che c’era la moderazione dei commenti, quindi prima di veder apparire il commento dovevo leggerlo io. Quindi, era inutile mandare spam; e hanno smesso subito… (tutto documentabile, ma non sto qui a raccontare i dettagli). Perciò, se è hackeraggio mirato non mi stupisce… poi penso che dipenda anche dal provider, se è grosso è meglio difeso.
        Comunque sia, una cosa preoccupante. Anche perché la lirica come argomento non è di quelli che valga la pena di hackerare…

        Mi piace

      • Amfortas 18 agosto 2015 alle 7:27 pm

        Giuliano, ciao. Io – per motivi imperscrutabili – da qualche tempo in una mail pubblica sono massacrato da spam proveniente dalla Francia: si va dalle peggiori zoccole a tutte le variazioni sul tema sesso. Ma non solo: cucina, medici e Dulcamara vari.
        Quello che dici è vero perché – mi diceva un amico informatico – gli spambot attaccano post in cui riconoscono parole chiave.
        Sul caso del Corriere della Grisi aspetto, dopo tanto clamore, che gli autori con altrettanta evidenza spieghino cosa è successo.
        Sono anche abbastanza d’accordo sul commento precedente: di solito un po’ di animosità non guasta ed è segno che l’argomento interessa. Qui però dovrei aprire una parentesi nello specifico, ma non mi pare il caso perché ho già espresso il mio parere più volte 🙂
        Vespina esiste! Un Paisiello sostanzialmente sconosciuto che – pensa un po’ – Muti presentò mi pare a Salisburgo una decina di anni fa.
        Ciao e grazie!

        Mi piace

  5. Heldentenor 16 agosto 2015 alle 11:47 am

    Sono uno strambo gruppo di melomani, che, a sentir loro, difendono “l’antica arte del canto”, ma i loro modelli ideali sono inarrivabili, e ogni tanto citano cantanti del passato di cui non esiste documentazione sonora, solo recensioni datate, mah…è come discutere di metafisica o parlare del sesso degli angeli, inutile. E in più sono offensivi e gratuitamente cattivi talvolta.

    Mi piace

    • Amfortas 16 agosto 2015 alle 4:35 pm

      Heldentenor, ciao. Si sono incattiviti di molto, negli anni, anche se la tendenza è sempre stata quella di confondere le critiche all’artista inficiandole con vicende personali. Ma su questo argomento ho già dato abbondantemente qui e altrove.
      Siccome sembra che abbiano – giustamente – denunciato il tutto alla polizia postale, magari ne sapremo di più in futuro.
      Ciao e grazie.

      Mi piace

  6. emilio/millepiani 23 agosto 2015 alle 11:14 pm

    Che fosse il nuovo indirizzo, mi par non ci fossero dubbi.
    Che si tratti di ‘contraerea’ lo afferma Pasquale.
    Che siamo alle solite ‘commedie all’italiana’ mi par non ci siano dubbi.

    Mi piace

    • Pasquale 24 agosto 2015 alle 12:16 am

      certo che l’ironia non la capti eh …:D
      volevo solo dire se hanno preso delle contromisure ,per evitare di nuovo di essere danneggiati

      Mi piace

      • Amfortas 24 agosto 2015 alle 6:05 pm

        Pasquale, ciao. Non c’è da fare troppa ironia più che altro, perché nel momento in cui scrivi che sei stato attaccato e oltretutto ricevi solidarietà sparse, avresti il dovere di informare sulla situazione. Comunque, io ho scritto quello che sentivo di scrivere, trovo però che non sia poi così fuori luogo – visto che non ci sono chiarimenti da chi di dovere – la definizione di “commedia all’italiana” che riporta Emilio, che saluto. Insomma in molti cominciano a pensare che la situazione fosse grave me non seria, tanto per citare quello.
        Et de hoc satis, ciao.

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: