Di tanti pulpiti.

Episodiche esternazioni sulla musica lirica e amenità varie. Sempre tra il serio e il faceto, naturalmente. #verybullo

Le 10 cose da sapere su Andrea Chénier di Umberto Giordano, opera che aprirà la stagione del Teatro alla Scala di Milano.

Il melomane medio in questi giorni è in agitazione. È iniziata la brutta fase pre-prima della Scala. Anna Netrebko, cantante formidabile, è ingrassata. Un problemone. Al tempo della Callas le cantanti dimagrivano, porca miseria. La Maria lo fece, la Anna no. Sia condannata, giustiziata in modo possibilmente cruento e in diretta televisiva: proprio come il personaggio che interpreta, Maddalena di Coigny.
Scherzi a parte il 7 dicembre parte la stagione scaligera con un titolo destinato a dividere gli appassionati già prima dell’inizio. Andrea Chénier di Umberto Giordano per molti non ha la dignità artistica per aprire il cartellone milanese, non si capisce perché ma è così.
In realtà noi triestini, per esempio, venderemmo un rene per ascoltarlo al Teatro Verdi, magari al posto della Traviata degli specchi che ormai conosciamo a memoria. Ma, si sa, noi triestini siamo provincialotti, un po’ come quegli incompetenti che si sorbiranno il lavoro di Giordano nei prossimi mesi: a Vienna, Budapest, Praga, Barcellona, Buenos Aires. Brutti posti, provincialissimi pure quelli.
Allora, vista la tragica situazione e considerato che anche la trama di quest’opera rientra nel novero della classica battuta il tenore vorrebbe scoparsi il soprano ma il baritono non vuole, vediamo almeno le 10 cose da sapere su Andrea Chénier (strasmile).
In diretta su Rai 1 giovedì 7 dicembre dalle 17.45.
L’elenco che segue presenta alcuni problemi, nel senso che i numeri sono a caso. L’editor di WordPress oggi non vuole saperne di collaborare con me. Francamente non so dargli torto.

        1. Giordano compose la musica dell’opera in una location inquietante: lo sgabuzzino di un’agenzia di pompe funebri
        2. Il libretto è a cura di Luigi Illica, che con Giuseppe Giacosa scrisse La Bohème, Tosca, Madama Butterfly. Illica, da solo, firmò anche il libretto di Iris di Mascagni
        3. L’opera esordì proprio al Teatro alla Scala, il 28 marzo 1896, e si compone di quattro quadri
        4. La prima fu un trionfo. Il tenore, Giuseppe Borgatti, era considerato un ripiego ma poi passò alla Storia per essere il primo italiano a cantare a Bayreuth.
        5. Nell’opera sono citati – e hanno importanza drammaturgica – Incredibili e Meravigliose.
          Come ha già fatto Daland , bisogna fare un paio di precisazioni sulla realtà storica di queste figure, perché nell’immaginario collettivo ci sono delle forzature.
          Ecco qui cosa dice Wikipedia
        6. La mamma morta, aria di Maddalena del terzo atto, è uscita dall’angusto spazio dell’opera e nel 1993 è diventata, diciamo così, universale, quando fu inserita nel bellissimo film Philadelphia di Jonathan Demme.
          Qui proprio non c’è storia, è una delle poche arie in cui davvero Maria Callas non teme confronti, neanche da lontano
        1. Il baritono (Gérard) è titolare di un’altra aria molto famosa, Nemico della patria.
          Grandioso, tra gli altri (ma non poi tantissimi a questo livello), Piero Cappuccilli

    1. 7    Il tenore (Andrea Chénier) ha addirittura tre arie solistiche oltre ai duetti: nell’ordine Un dì all’azzurro spazio, Sì, fui soldato e Come un bel dì di maggio.La più famosa e frequentata è la prima, un improvviso – termine derivante da composizioni musicali per uno strumento solista – che tutti i grandi tenori lirici e drammatici cantano nei recital.Per slancio e veemenza io prediligo, tra gli interpreti, Franco CorelIl soprano (Maddalena di Coigny) ha la formidabile aria del punto 6 oltre ai duetti
      1. Varie&eventuali
        Andrea Chénier è un’opera che si colloca tra il verismo e il dramma storico ed è l’unico lavoro di Giordano che ha goduto di una popolarità assoluta sin dall’esordio.
        Sono necessarie alla buona riuscita di una produzione voci importanti perché spesso l’orchestra è densa e per superare il muro di suono è indispensabile un peso vocale considerevole. Questo non significa che bastino voci allo stato brado, perché il canto lirico ha le sue esigenze di compostezza anche nelle opere meno raffinate. Urlare non è mai una buona idea.
        Andrea Chénier ha un passo teatrale e drammaturgico serrato, i personaggi sono ben definiti seppure senza troppe sfumature psicologiche, le melodie sono frequenti e accattivanti.
        Il direttore d’orchestra ha un compito difficile, perché ci sono alcuni momenti in cui il canto di conversazione, i dialoghi tra personaggi minori, le pause, sono importanti. Le agogiche devono essere stringenti ma non frettolose e le dinamiche controllate. Una concertazione superficiale può essere più disastrosa del solito.
        Mai come in quest’opera i personaggi minori devono essere di buon livello, perché sono fondamentali per gli esiti artistici dello spettacolo.

 

Ci rileggiamo per l’ormai consueta recensione espressa, un saluto a tutti!

Annunci

10 risposte a “Le 10 cose da sapere su Andrea Chénier di Umberto Giordano, opera che aprirà la stagione del Teatro alla Scala di Milano.

  1. petrossi 4 dicembre 2017 alle 6:31 pm

    Per l’analisi musicale trovo dei testi dello storico della musica Michele Girardi: http://www-5.unipv.it/girardi/2014_DM3/Andrea%20Ch%C3%A9nier.pdf e http://www-5.unipv.it/girardi/AC_F.pdf (realivo alla messa in scena del 2003 alla Fenice) … mi metterò a studiare…

    Mi piace

    • Amfortas 5 dicembre 2017 alle 9:47 am

      Furio, ciao. Come sempre grazie per i suggerimenti che completano le 4 righe per neofiti che scrivo io. Michele Girardi è un musicologo di prima grandezza ed è sempre istruttivo leggerlo. Per fortuna l’archivio della Fenice esiste…gli attuali libretti sono poverissimi, come ben sai.
      Ciao e grazie.

      Mi piace

  2. don jose 4 dicembre 2017 alle 6:36 pm

    Grazie da un Corelliano doc!!! A proposito del provincialismo,ricordo ancora il buon Gianni Gori che sul Piccolo si meravigliava del grande successo che arrideva in quei giorni allo Chenier (il primo cantato al Verdi da Martinucci),un’opera che lui invece non considerava di rango sufficiente.

    Mi piace

    • Amfortas 5 dicembre 2017 alle 9:45 am

      Don, ciao. Beh nessuno è perfetto, neanche il buon Gianni Gori – che ci legge assiduamente – ma che ha tali meriti per cui gli perdono senza problemi qualsiasi cosa. Resta il fatto che di là dei gusti, mutevoli, del pubblico, non si può negare che il gusto della musica di Giordano non sia proprio raffinatissimo. Ci sono compositori coevi che esprimono gli stessi sentimenti in modo meno superficiale.
      Ciao, a presto

      Mi piace

  3. principessasulpisello 5 dicembre 2017 alle 11:22 am

    Che opera affascinante . Mio padre amava molto cantarla.

    Mi piace

  4. Antonio de Rossi 8 dicembre 2017 alle 8:47 pm

    Quando si dice l’età!!!! Ma la sostanza non cambia, giro quello che ho scritto alla figlia di Ottavio Garaventa. Però devo dire che il cognome che porta (Bullo) non le sta mica male!!! Ovviamente è una battuta :-)…sempre ad majora.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: