Di tanti pulpiti.

Episodiche esternazioni sulla musica lirica e amenità varie. Sempre tra il serio e il faceto, naturalmente. #verybullo

La Top Ten del 2017, con vincitore scontato.

Ok anche quest’anno siamo all’uscita singola, anche se io di questo blog mi sento più comprimario che protagonista.
La buona notizia è che nonostante il perdurare di quella cloaca a monitor aperto che è Facebook, qui su Di tanti pulpiti la gente continua a venire e a lasciare commenti su di un argomento che definire di nicchia è davvero eufemistico. Trovo sia più un atto di fede se non addirittura di fanatismo.
Eppure, mi piace ricordarlo, nel 2017 siete passati per questi lidi in tanti e comunque – e ne sono felicissimo –  più dell’anno scorso in cui avevo notato una flessione.

Era prevedibile che il post più letto fosse quello che ho dedicato al Piccolo di Trieste: hanno fatto una grandiosa figura di merda e mi pare giusto così.

 

1. Piccolo di nome e di fatto

2. Il flauto magico al Teatro Verdi di Trieste: animali fantastici e dove trovarli. Superman compreso.

3. Recensione espressa e morigerata di Andrea Chènier al Teatro alla Scala

4. Considerazioni sulla stagione lirica e sinfonica 2017 del Teatro Verdi di Trieste

5. Allestimento bulgaro per Evgenij Onegin al Teatro Verdi di Trieste

6. Il nuovo libro di Elvio Giudici

7. Intervista a Gianluigi Gelmetti

8. La mostra fotografica Madeleine

9. Un ballo in maschera alla Fenice di Venezia

10. Tannhauser alla Fenice di Venezia

 

Qualcuno, lo dico perché capiate come i melomani siano matti da legare, è arrivato qui con chiavi di ricerca, diciamo così, originali:

Damiano Michieletto flauto venezia maledetto

Mi pare un esempio preclaro (starsmile).
C’è anche un Paolo Bullo lurido bastardo, ma probabilmente si tratta di un parente e non fa testo.
Insomma, si va avanti.

E auguri a tutti.

 

 

 

 

11 risposte a “La Top Ten del 2017, con vincitore scontato.

  1. Laura 31 dicembre 2017 alle 7:34 PM

    Sto diventando laconica, ma quel poco che dico è sincero: tanti auguri.

    "Mi piace"

  2. CASSANDRO 1 gennaio 2018 alle 1:34 PM

    Buon inizio anno!

    Penso, caro Amfortas, in base a ciò che leggo nei tuoi pregiati post, che il pendolo della tua vita sia in gran parte oscillato fra “leggere e approfondire musica”, per cui tirando un po’ le somme ritengo che tutto questo abbia notevolmente contribuito ad attuare per te quell’apertura mentale che ti contraddistingue te, ed a spingere noi — con la foto che campeggia all’inizio del tuo precedente post — a tendere verso un mondo più luminoso.

    Ciò stante, se permetti, mi piace contribuire — al momento della nascita di questo nuovo anno in cui vorrei molto sperare — a riprendere tali concetti in versi (dato il mio viziaccio di fermare in rima, a mio uso e consumo, le mie considerazioni), che chiudo con qualcosa da te raffigurata, che in parte è stata spina irritativa del mio dire.

    Ancora grazie per il piacere che ci dai con il leggerti, e buonissimo 2018 a te e a tutti i tuoi competentissimi commentatori di nicchia . . . e scusa se i miei interventi sono talvolta “fuori schema”-

    LEGGERE ED ASCOLTARE MUSICA

    Come puoi sperare, dimmelo . . . di’,
    di migliorare se libri non leggi?
    Non siamo lupi: solo questi, eh sì,
    muoiono come nascono . . . Non reggi

    del mondo le insidie tu se
    pensi che basti a te solo Natura,
    per rinvenire quelle strade che
    la vita dura fanno meno dura.

    E ciò non solo per poi ‘attaccare’,
    il mondo conquistare e farti primo,
    ma per potere in primis trovare

    — e nei libri ci sta –– il giusto limo,
    quello della bontà, che avanzare
    fa il mondo, e fa pensare: “Lo sublimo”.

    Crescere sempre e comunque è
    un preciso dovere, ecco perchè

    se ‘il leggere’ ti insegna a fare ciò,
    non trascurarlo mai. Sbaglio o no?

    E di ascoltare musica non parlo,
    che l’animo perfora come tarlo,

    ma non provoca danni come questo
    in quanto in modo lieve o in modo lesto

    ti apre il cuore, e lo fa pulsare
    in sintonia con essa ed elevare

    in cielo . . . e non la puoi contrastare.
    Ripeto, sol così puoi migliorare

    e l’ “open your mind” attuare.

    (Cassandro)

    "Mi piace"

    • Amfortas 1 gennaio 2018 alle 5:49 PM

      CASSANDRO, ciao. Mi verrebbe da dire che la mia vita è stata un pendolo tra leggere e approfondire musica come dici tu, ma in realtà non è così perché tra una lettura e un concerto ho trovato il tempo per fare una montagna di quelle che si dicono – con linguaggio aulico – stronzate. Stronzate che, ti dirò, hanno anch’esse una discreta importanza nella auspicabile realizzazione di quella scritta da murales in Porto Vecchio a Trieste. Ma credo tu lo sappia già 🙂
      Grazie anche a te per i tanti contributi in versi e augurissimi per l’anno nuovo.

      "Mi piace"

  3. Paolo Locatelli 1 gennaio 2018 alle 6:52 PM

    Quello di “Paolo Bullo lurido bastardo” probabilmente ero io :). Ciao e buon anno anche qui, a presto.

    "Mi piace"

  4. lapodelapis 2 gennaio 2018 alle 10:41 am

    lo sai che amo la musica, ma forse non sai che non sopporto l’opera, eppure ti leggo da infiniti lustri. qui dentro trovo passione, attenzione, ricerca, cultura, e tramite queste un giorno spero di apprezzare anche quegli infelici che disturbano la musica con le loro voci sgraziate. grazie a te Paolo, e auguri.

    "Mi piace"

  5. Alucard 20 gennaio 2018 alle 8:40 PM

    Vergognosamente mi ero perso questo post di fine anno, che è sempre uno dei miei preferiti. Tanti auguri in ritardo!
    P.S. La foto di Superman mi ha fatto tornare alla mente una bellissima Serva padrona vista a Gorizia: pochi mezzi e tantissime idee.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: