Di tanti pulpiti.

Dal 2006, episodiche esternazioni sulla musica lirica e amenità varie. Sempre tra il serio e il faceto, naturalmente. #verybullo

Macbeth di Giuseppe Verdi a Lubiana: il troppo stroppia, anche nelle regie operistiche.

I registi d’opera sono croce e delizia (croce, molto spesso, stasmile) dei melomani e della critica ed è una tendenza transnazionale ormai radicata. In questo caso c’erano troppe idee, alcune anche apprezzabili, ma è mancata la capacità di canalizzarle in uno sviluppo coerente dal punto di vista drammaturgico. Eppure un drammaturgo c’era in locandina, come da tradizione tedesca.
Resta il fatto che, a mio parere personale, un teatro così desta curiosità ai vivi, al contrario di certi allestimenti nati vecchi e spesso già morti. Ah vista ah vista orribile (strasmile)!

Il Teatro dell’opera di Lubiana ha un cartellone impostato allo stesso modo di molte altre capitali europee e alterna nuove produzioni alla ripresa di allestimenti già collaudati. La presenza di un buon numero di artisti residenti, di complessivo discreto livello, e di un’orchestra e un coro stabili fa sì che in pochi giorni sul palco si possano vedere balletti e opere diverse. In queste settimane, per quanto riguarda le opere, si susseguono le recite di Macbeth, La Cenerentola e Madama Butterfly.
Ieri sera, 19 maggio, era il turno del Macbeth di Verdi proposto in un allestimento di Jernej Lorenci il quale, attingendo alle ampie possibilità creative ed espressive del metateatro, firma uno spettacolo interessante per certi versi ma sostanzialmente irrisolto perché – per dirla in modo chiaro – mette troppa carne al fuoco.
La recitazione sui singoli personaggi è curata, le scene di Branko Hojnik sono efficaci nel loro stranito e contemporaneamente ricco minimalismo, i costumi di Belinda Radulović appropriati e financo divertenti e allo stesso modo sono ben congegnate le luci di Andrej Hajdinjak che danno profondità alla scena e screziano di cromatismi suggestivi la vicenda.
Il regista evidentemente vuole sottolineare come i giochi di potere siano senza tempo e, soprattutto oggi, si tendano a prendere decisioni anche gravi con troppa leggerezza, non pensando alle conseguenze. Così la Lady più che diabolica calcolatrice appare come una bambina viziata e capricciosa, alla quale tutto è dovuto. Macbeth è succube non solo di lei ma di tutta la corte e delle streghe – bella la scena delle apparizioni – e sembra completamente incapace di prendere una decisione autonoma. Solo Banco e Macduff paiono mantenere un contatto con la realtà, mentre Malcolm, sempre in costume settecentesco, sembra una specie di chosen one il cui destino prescinde dalle macchinazioni ordite.

Lo spettacolo è appesantito da troppi simboli e simbolismi: bicchieri pieni di sangue, ventagli colorati, pugnali, spade, lampadari. Allo stesso modo le frivole movenze del coro in alcune occasioni sembrano inspiegabili mentre addirittura esecrabili mi sono sembrati gli applausi durante la musica. La narrazione teatrale prosegue a strappi, come se mancasse un chiaro filo conduttore e la sovrabbondanza di elementi sul palco – presenti anche alcuni mimi –  fa pensare più che altro a una specie di horror vacui intellettuale.
Dal punto di vista musicale la produzione si giova della buona direzione di Jaroslav Kyzlink il quale, pur un po’ troppo sbilanciato nelle dinamiche verso un mezzoforte non clangoroso ma monotono, accompagna con intelligenza i cantanti e riesce a trovare qualche bella atmosfera da un’Orchestra di Lubiana capace di bel suono compatto, con gli archi in particolare evidenza. Eccellente tout court il rendimento del Coro, molto impegnato anche dal lato scenico.
Iveta Jiříková ha voce adatta alla parte e anche presenza scenica e temperamento per tratteggiare la Lady verdiana. Forse le agilità non sono troppo fluide ma il peso vocale è da soprano drammatico (sarà anche Butterfly nei prossimi giorni), gli acuti sicuri e se anche il re bemolle del sonnambulismo non è stato preso in pianissimo la sua prova è da considerarsi convincente per accento e fraseggio.
Qualità, queste ultime, che invece latitano in Marko Kobal (Macbeth) che, se è da lodare per l’incisività scenica, è parso troppo dimesso dal lato vocale per risultare davvero eloquente in una parte che necessita anche di uno strumento naturale più importante per cavata e volume.
Molto bravo Peter Martinčič, Banquo di aristocratica presenza scenica e voce imponente ben governata da un’emissione sana e pulita.
Vigoroso e squillante il Macduff di Branko Robinšak, che ha cantato con grande partecipazione la sua famosa aria e buono anche l’apporto di Edvard Strah nella parte di Malcolm.
Tutto il resto del cast, che trovate in locandina, è stato all’altezza della situazione.
Il pubblico, non numerosissimo, ha tributato un grande successo a tutta la compagnia artistica e ha reclamato più volte tutti gli artisti al proscenio.

Macbeth Marko Kobal
Lady Macbeth Iveta Jiříková
Banquo Peter Martinčič
Macduff Branko Robinšak
Malcolm Edvard Strah
Duncan Bratislav Ristić
Un medico Janko Volčanšek
Un servo Robert Brezovar
Un assassino Silvo Škvarč
Dama di Lady Macbeth Zala Hodnik
Direttore Jaroslav Kyzlink
Regia Jernej Lorenci
Scene Branko Hojnik
Costumi Belinda Radulović
Luci Andrej Hajdinjak
Coreografie Gregor Luštek
Drammaturgia Matic Starina
Maestro del coro Željka Ulčnik Remic
Orchestra e Coro del Teatro dell’opera di Lubiana
Pubblicità

Una risposta a “Macbeth di Giuseppe Verdi a Lubiana: il troppo stroppia, anche nelle regie operistiche.

  1. Pingback:La Cenerentola di Rossini al Teatro dell’opera di Lubiana: un ritorno agli anni Cinquanta del secolo scorso. | Di tanti pulpiti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: