Di tanti pulpiti.

Episodiche esternazioni sulla musica lirica e amenità varie. Sempre tra il serio e il faceto, naturalmente. #verybullo

La Fura dels Baus dà spettacolo al Festival di Lubiana: foto inedite (mie) di un viaggio nel tempo.

Con un giorno di ritardo sulla tabella di marcia prevista, a causa delle avverse condizioni meteo, si è aperto il sessantaseiesimo Festival di Lubiana, ed è stata un’inaugurazione col botto.FuraLubiana_00023.jpg


Come l’anno scorso il vernissage è stato affidato alle spettacolari cure della Fura dels Baus, che per l’occasione ha presentato una produzione nuova di zecca: Sfera Mundi – Un viaggio intorno al mondo che è stato rappresentato e pensato per gli spazi aperti della bellissima Kongresni trg nella capitale slovena.
Lo spettacolo mi è sembrato del tutto congruo con lo spirito che anima la manifestazione slovena: disinvolto, ironico, popolare e allo stesso tempo colto, coinvolgente e capace di far riflettere.

Carlus Padrissa, deus ex machina della Fura, firma direttamente questa fantasmagorica istantanea teatrale che ricorda la spedizione di Ferdinando Magellano nel 1519, il quale per primo circumnavigò la Terra (anche se purtroppo ci lasciò la pelle, probabilmente nelle Filippine). Il viaggio è paragonato, non senza qualche forzatura ma tutto sommato in modo coerente, al famoso piccolo passo per un uomo, un grande passo per l’umanità dello sbarco sulla Luna del 1969.
Ovviamente, fuori dagli angusti ambiti di un teatro tradizionale Padrissa ha sfoggiato, come fosse un catalogo leporelliano, tutti i Leitmotiv che caratterizzano le produzioni della Fura.
Perciò in un’ora circa di spettacolo si sono susseguiti uomini meccanici giganti, astronavi spaziali, enormi galeoni stilizzati, le onnipresenti vasche d’acqua in cui i mimi attori si contorcono, acrobati e proiezioni; il tutto mentre alcuni droni sorvolavano la piazza e con il pubblico, numerosissimo, che a sua volta diventava parte dello spettacolo in una sorta di peculiare e anarchico metateatro, in quanto gli artisti sostanzialmente si esibivano tra le file di spettatori. A inizio e fine serata dal Castello di Lubiana, che domina dall’alto la città, si sono levati splendidi fuochi d’artificio che hanno contribuito ulteriormente a rallegrare la kermesse.
La musica, nella fattispecie, faceva da colonna sonora all’evento e, per quanto l’indispensabile amplificazione appiattisse le dinamiche, il direttore Josep Vicent ha ben guidato la compagine dell’Orchestra Filarmonica Slovena in alcuni brani del Novecento. Apprezzabili anche gli interventi del mezzosoprano Irena Parlov e del Corpo di Ballo del Teatro nazionale sloveno.

Annunci

4 risposte a “La Fura dels Baus dà spettacolo al Festival di Lubiana: foto inedite (mie) di un viaggio nel tempo.

  1. MARIA LUISA RUNTI 1 luglio 2018 alle 10:46 am

    Bellissime foto, complimenti ed una cordiale saluto, Maria Luisa Runti

    Mi piace

  2. Pingback:Grande concerto a Lubiana con Paavo Järvi. A Trieste ci accontentiamo di Dante. | Di tanti pulpiti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: