Di tanti pulpiti.

Episodiche esternazioni sulla musica lirica e amenità varie. Sempre tra il serio e il faceto, naturalmente. #verybullo

Grande prova di Daniele Gatti in un Tristan und Isolde che soffre una regia (Pierre Audi) non del tutto convincente.

Come sanno bene gli happy few che mi seguono in queste terre desolate, sono un perfect wagnerite e cioè un wagneriano fradicio (strasmile). Inoltre Tristan und Isolde è una delle mie opere da isola deserta, perciò recensire questo DVD è stato davvero un piacere.

Dopo l’esordio a Parigi, questo allestimento di Tristan und Isolde di Richard Wagner è transitato al Teatro dell’opera di Roma, nel novembre del 2016. Da quelle serate è stato tratto un DVD poi commercializzato dalla Unitel e proprio a questa registrazione si riferisce la recensione.
Da qualche anno, magari non in modo continuativo ma sempre più spesso, i responsabili della regia televisiva sono più attenti a valorizzare gli spettacoli, limitando i primi piani troppo ravvicinati e cercando, invece, di dare un’idea complessiva di ciò che avviene sul palco. Da questo lato Annalisa Buttò, responsabile delle riprese video, ha fatto un buon lavoro perché restituisce piuttosto bene pregi e difetti dell’allestimento di Pierre Audi.
Le scene di Christof Hetzer, che firma anche gli algidi costumi, sono improntate a un geometrico e simbolico minimalismo non privo di fascino, in cui gli spazi assumono una bella tridimensionalità grazie alle splendide luci di Jean Kalman. Il lavoro di regia vera e propria si concentra sulla simbolica caratterizzazione di Melot e sulle poche – troppo poche, forse – interazioni tra i personaggi. Credo che la scelta di rappresentare l’amore tra i protagonisti in modo così anodino sia pensata per evidenziare l’atemporalità ultraterrena della vicenda e, in questo senso, trovo che l’allestimento sia riuscito.
Il problema, e non è cosa da poco, è che la straordinaria direzione di Daniele Gatti va in senso opposto alla regia. Il direttore infatti connota di sensualità e vitalità la formidabile partitura wagneriana sin dal Preludio, grazie a dinamiche orchestrali anche violente ma allo stesso tempo misurate, espressive, efficaci. Il duetto del secondo atto è al calor bianco, vibrante e palpitante, ricco di pathos e sensualità. Emozionante il finale che, francamente, poche volte ho ascoltato – certo, solo in teatro “si ascolta” davvero un’opera – così vicino a quel senso di annullamento cosmico sul quale si continua a dibattere da un secolo e mezzo.
Ottima la prova dell’Orchestra e del Coro del Teatro dell’opera, quasi ad anticipare i brillanti risultati degli impegni successivi di Gatti a Roma. Il cast è complessivamente di buon livello ma, dal mio punto di vista, solo il basso Jean Relyea (Re Marke) e il mezzosoprano Michelle Breedt (Brangäne) risultano pienamente convincenti.
Il Tristan di Andreas Schager, ormai veterano della parte, è solido ma punta soprattutto ad arrivare alla fine senza danni a scapito di quella febbrile e ansiogena tensione che dovrebbe esprimere. Rachel Nicholls è il classico esempio di soprano wagneriano che sfodera acuti poderosi, ma una Isolde per essere pienamente risolta dovrebbe esprimere anche qualcosa di meno superficiale.
Il resto del cast, che trovate in locandina, è funzionale allo spettacolo e si colloca in una routine di discreto livello. Tutti i cantanti, peraltro, se la cavano piuttosto bene dal lato attoriale.
Daniele Gatti über alles, insomma, la sua direzione vale l’acquisto del DVD.

Tristan Andreas Scahager
Isolde Rachel Nicholls
Brangane Michelle Breedt
Kurwenal Brett Polegato
Re Marke John Relyea
Melot Andrew Rees
Un pastore Gregory Bonfatti
Un timoniere Gianfranco Montresor
Voce di un giovane marinaio Rainer Trost
Direttore Daniele Gatti
Regia Pierre Audi
Scene e costumi Christof Hetzer
Luci Jean Kalman
Video Anna Bertsch
Regia televisiva Annalisa Buttò
Orchestra e coro del Teatro dell’opera di Roma

2 risposte a “Grande prova di Daniele Gatti in un Tristan und Isolde che soffre una regia (Pierre Audi) non del tutto convincente.

  1. Roberto Mastrosimone 1 febbraio 2020 alle 11:05 am

    Fu trasmesso in diretta tv da Rai 5, nientemeno, una domenica pomeriggio e su RaiPlay dovrebbe essere ancora disponibile.

    "Mi piace"

  2. Amfortas 1 febbraio 2020 alle 11:17 am

    Ciao Roberto, certo, me lo ricordo bene perché lo vidi e ne rimasi favorevolmente colpito. Le impressioni vedendo a distanza di 3 anni il DVD sostanzialmente non sono cambiate. Grande Gatti, il resto non male ma nulla di eccezionale. Dal lato vocale ho ascoltato live Tristan più convincenti, da quello scenico idem. Resta la musica di Wagner, qui, a parer mio, al Top dei Top.
    Ciao e grazie!

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: