Di tanti pulpiti.

Episodiche esternazioni sulla musica lirica e amenità varie. Sempre tra il serio e il faceto, naturalmente. #verybullo

Tutto chiuso: Intervallo 20 (di montagne incantate e di prolungate malattie).

A un certo punto del romanzo La montagna incantata di Thomas Mann, Hans Castorp, ufficialmente guarito, si rifuta di tornare alla normalità*. Meglio l’isolamento tra le montagne, incantate o meno che siano*. Del resto, quando si decide di tornare lo aspetta la guerra, e del giovane Hans Castorp non sapremo più nulla.
Boh, pensateci.

* Ogni riferimento a persone esistenti o a fatti realmente accaduti è puramente casuale.

4 risposte a “Tutto chiuso: Intervallo 20 (di montagne incantate e di prolungate malattie).

  1. Letizia Colombo 24 marzo 2020 alle 5:24 PM

    Grazie per i “tutto chiuso” non me ne lascio scappare uno. Buona salute e forza da un Ticino messo malaccio, Letizia

    "Mi piace"

  2. Amfortas 24 marzo 2020 alle 6:52 PM

    Ciao Letizia, grazie del passaggio. Come puoi immaginare non vedo l’ora di smettere di scrivere questi post ma temo che dovrò pensarci ancora per un bel po’ di tempo. Sapere che sono di conforto, anche minimo, mi dà molta soddisfazione.
    Ti auguro ogni bene, un saluto a tutta la tua bellissima terra. Ciao, Paolo

    "Mi piace"

  3. CASSANDRO 26 marzo 2020 alle 10:17 PM

    De “La montagna incantata” mi ha sempre affascinato il titolo, perché come una “Montagna incantata” ho sempre immaginato che fosse l’Amore.

    TUTTO SI ESAURISCE
    (La montagna incantata)

    Al mondo tutto si esaurisce
    … alberi… fiumi… vita… anche l’amore
    per quanto grande sia un dì finisce,
    come il freddo d’inverno ed il calore

    d’estate, che ci hanno tormentato
    … che abbiamo ritenuto senza fine,
    ma poi l’autunno fresco è arrivato…
    e primavera, e via calura e brine.

    Così l’amore nasce, vive, cresce,
    sembra montagna che s’innalza al cielo,
    oltre le nubi va, fuori ne esce
    e al sole arriva quasi, finchè un velo

    avvolge tutto quanto all’improvviso,
    ma senza una ragione… e cade giù
    la montagna incantata, ed il sorriso
    di chi amò si spegne sempre più,

    fin tanto che scompare totalmente,
    che sembra solo un sogno ciò ch’è stato,
    si fa tabula rasa la sua mente
    su quell’amore che se ne è andato,

    che è scomparso, non ostante i baci,
    gli abbracci, le carezze, la passione
    che non temeva ostacoli… le braci
    restano fredde ormai nel calderone.

    Eros arriva a gran velocità,
    e a gran velocità poi se ne va.

    E non c’è manco cattiveria qui.
    Accade… E’ così perché è cosi!

    (Cassandro)

    "Mi piace"

    • Amfortas 27 marzo 2020 alle 9:32 am

      Ciao Cassandro, io invece considero La montagna incantata uno dei miei romanzi di formazione. A proposito del titolo la traduzione dovrebbe essere “La montagna magica”, più correttamente. Un po’ come “Il flauto magico” di Mozart, per quel prefisso Zauber. Vabbè niente in confronto di quanto mi successe ormai una 20ina di anni fa in una libreria triestina. Cercavo una copia del romanzo di Mann per fare un regalo, ma era difficile trovare una copia. Su suggerimento di un’amica andai in una libreria che non conoscevo, dove “avevano tutto”. Chiesi se avessero una copia di “La montagna incantata” e la commessa mi rispose che no, non ne avevano, ma che però potevano procurarmi facilmente “La bellezza delle Dolomiti” o qualcosa di simile.
      Ciao, Paolo

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: