Di tanti pulpiti.

Episodiche esternazioni sulla musica lirica e amenità varie. Sempre tra il serio e il faceto, naturalmente. #verybullo

Archivi Mensili: gennaio 2021

Sintetica presentazione del concerto al Teatro Verdi, visibile stasera e domani su TeleQuattro.

Del progetto “Giovani talenti” programmato dal Verdi di Trieste ho già riportato nel post precedente.
Il teatro non ha previsto la presenza de visu né di pubblico né di critica: capisco le motivazioni, ma proprio perché si tratta di giovani interpreti mi asterrò dallo scrivere una recensione dei concerti che dovrei ricavare da un ascolto televisivo. Leggi il resto dell’articolo

Il nuovo progetto “Giovani talenti” al Teatro Verdi di Trieste

Il Comune di Trieste – Assessorato ai Teatri promuove e sovvenziona la nuova rassegna concertistica Giovani Talenti, ideata e organizzata dalla Fondazione Teatro Lirico Giuseppe Verdi di Trieste, realizzata in collaborazione con il Conservatorio di Musica Giuseppe Tartini di Trieste: un ciclo di sei concerti che insieme alle compagini artistiche e ai tecnici del Teatro coinvolge, quali protagonisti, giovani musicisti allievi del Conservatorio e futuri professionisti della musica.  La rassegna è predisposta per la divulgazione televisiva, in questo particolare momento di emergenza sanitaria che non permette l’attività musicale in presenza di pubblico.

La Fondazione Teatro Lirico Giuseppe Verdi di Trieste, realtà unica della Regione Friuli Venezia Giulia, in quanto unico teatro di produzione musicale, anche in questo periodo di emergenza sanitaria non è venuta meno al suo dettato statutario di diffusione, sviluppo e conoscenza dell’arte musicale con una particolare responsabilità per l’educazione musicale della collettività e, per quanto di competenza, per la formazione professionale dei quadri artistici.

In quest’ottica la Fondazione ha progettato e sottoscritto, d’intesa con il Conservatorio di Musica Giuseppe Tartini di Trieste, la nuova Convenzione Quadro di durata triennale che amplia gli accordi avviati nel 2009. La Convenzione è finalizzata anche alla realizzazione di progetti congiunti, primo fra questi e calibrato nel particolare frangente dell’emergenza sanitaria, il Progetto Giovani Talenti, articolato in una rassegna di sei concerti, ciascuno dei quali con un programma che prevede la presenza di uno o più solisti individuati principalmente fra giovani promettenti musicisti, tutti studenti del Conservatorio Tartini, selezionati dalla Fondazione e dal Conservatorio. La collaborazione si concretizzerà altresì nella realizzazione della ripresa audiovisiva della esecuzione dei concerti a cura di studenti del Conservatorio della classe di Musica e Nuove Tecnologie, quale tirocinio curriculare previsto nei piani di studio. I concerti saranno trasmessi dall’emittente televisiva TELEQUATTRO e quindi liberamente accessibili al più ampio pubblico del Triveneto. Ogni concerto sarà trasmesso in doppia serata, a partire sabato 30 gennaio fino al 18 aprile 2021.

Protagonisti della rassegna l’Orchestra e il Coro della Fondazione Teatro Lirico Giuseppe Verdi di Trieste, con programmi musicali che prevedono un ampio ventaglio di composizioni che spaziano dalla musica barocca, – cui è completamente dedicato il quarto concerto con brani di Monteverdi, Charpentier, Bach e Lully – al classiscismo di Mozart e Haydn, agli autori più romantici come Dvořák, Brahms, Chopin, fino alla musica contemporanea con un brano del compositore olandese Anders Koppel. Ampio anche lo spazio riservato alla musica corale con brani di altissimo livello: Schicksalslied di Johannes Brahms, forse la più amata e perfetta fra tutte le composizioni corali di Brahms; i brani Domine ad adiuvandum e Dixit Dominus dal monumentale Vespro della Beata Vergine di Claudio Monteverdi; il Psaume 150 di César Franck, dalle audaci armonie e cromatismi.

I programmi prevedono in ciascun concerto una composizione per orchestra e strumento solista, eseguito da un giovane artista.

Nel primo appuntamento il Concerto per pianoforte e orchestra K 449 di Mozart da sempre considerato una delle composizioni più riuscite del genio salisburghese. Al pianoforte Alberto Olivo di Fiumicello (UD), laureato con il massimo dei voti, la Lode e Menzione Speciale, al Conservatorio Tartini nel 2020, con numerose esperienze di studio presso prestigiose istituzioni musicale europee. Primo premio al Concorso Pianistico “Città di Albenga”, nel 2016 ha vinto il Premio Pianistico “Filippo Trevisan” al Concorso Musicale “Città di Palmanova”.

Nel secondo appuntamento il brano Toccata per marimba, vibrafono e orchestra di Anders Koppel, singolare composizione che propone l’antica forma della Toccata in chiave moderna con influenze pop e jazz. Il duo di percussioni formato da Marco Viel (marimba) e Ivan Boaro (vibrafono) si è formato al Conservatorio Tartini e ha vinto il XIV ‘’Premio Nazionale delle Arti’’ promosso dal Ministero dell’Istruzione nell’anno accademico 2018/19 (categoria Musica da Camera). Si ègià esibito in cartelloni di riferimento per lo spettacolo dal vivo, come Mittelfest a Cividale del Friuli.

Il terzo appuntamento propone di Frédéric Chopin il Concerto per pianoforte e orchestra op. 11, fin dal suo debutto sempre molto amato dal pubblico. È interpretato da Kostandin Tashko, pianista albanese e studente al Tartini, già vincitore di oltre 30 premi internazionali in tutta Europa e che vanta già un ampio curriculum di significative esibizioni. Ha vinto, fra gli altri, il Grand Prix “Premio Antonio Salieri 2017”, il 10th Young Pianist of the North (Newcastle), il Premio Stefano Marizza 2019  e si è aggiudicato la piazza d’onore al Premio Delle Arti 2018 organizzato dal MIUR. É stato solista con le orchestre della RTSO, dell’ARTEVE, e con i Virtuosi Italiani diretti dal Maestro Alberto Martini.

Nel quarto appuntamento il violino della triestina Sofia De Martis, giovanissima e già pluripremiata allieva del Conservatorio Tartini, che eseguirà il virtuosistico Concerto per violino e orchestra n. 1 BWV 1041 di Johann Sebastian Bach. Classe 2005, Sofia De Martis si è aggiudicata il I° Premio al Concorso Internazionale per giovani musicisti Diapason D’Oro a Pordenone 2015 e 2019, nonché il I° Premio Assoluto al Concorso Internazionale Giovani Talenti Città di Gorizia 2018.

Ancora il violino nel quinto appuntamento con alcuni movimenti della celebre e affascinate Symphonie Espagnole di Édouard Lalo; solista un’altra giovanissima allieva del Conservatorio Tartini, Alida Shahrazad Igbaria, triestina, vera e propria enfant prodige, già vincitrice e finalista di rinomati concorsi internazionali: fra questi l’edizione 2019 del concorso “Ars Nova International Competition”, nel quale si è aggiudicata il 1° premio assoluto della sua categoria. Nel 2020 è risultata finalista della “International Anton Rubinstein Competition” ed è stata ammessa alla rinomata Menhuin School di Londra.

La rassegna si chiude con un altro giovanissimo interprete, il fisarmonicista triestino Luca Bello che ha recentemente vinto l’International Open Trophy per la categoria under 14 di fisarmonica, il primo premio del mondiale di fisarmonica nella categoria dedicata agli esecutori di musica classica dai 5 ai 14 anni. Il giovane artista, che studia alla scuola InMusic di Sežana (Slovenia) e che si è formato come fisarmonicista al Conservatorio Tartini,si esibirà su musiche di Astor Piazzolla e Vaclav Trojan.

Il progetto affianca ai giovani talenti la direzione d’orchestra di prestigiosi Maestri di fama internazionale, quali:

Roberto Gianola, che ha già diretto al Teatro Verdi di Trieste Lucrezia Borgia di Donizetti e Mozartiade nel gennaio 2020, reduce di importanti successi in particolare in Nord America e in Estremo Oriente in particolare Gippone, Cina e Corea ma anche in Europa e in Italia a Cagliari, Verona, Palermo, Milano e attualmente Direttore Stabile al Teatro dell’Opera di Istanbul.

Michele Spotti, appena ventisettenne, è tra i più brillanti direttori d’orchestra della sua generazione, sia nel repertorio sinfonico che in quello operistico. Fra i sui impegni trascorsi si segnalano Il barbiere di Siviglia per As.li.co. , Il viaggio a Reims al Festival di Pesaro e nei teatri del circuito lombardo, in Francia Barbiere di Siviglia a Saint-Étienne e Don Pasquale a Montpellier, il Concerto di Natale 2019 e quello di Capodanno 2020 (con la Nona di Beethoven) alla Staatsoper di Hannover.

Federico Maria Sardelli, artista ad ampio raggio (oltre che musicista, è pittore, incisore, autore satirico e scrittore) è un protagonista della rinascita del teatro musicale di Antonio Vivaldi di cui ha diretto numerose opere e riscoperte, prime rappresentazioni, incisioni ed edizioni critiche, cultore della musica antica e in particolare del repertorio barocco che ha diretto in prestigiose occasioni e istituzioni (Concertgebouw di Amsterdam, Théâtre des Champs-Elysées di Parigi, Tchaikovsky Concert Hall di Mosca, Auditorium Parco della Musica a Roma) fra cui anche al Verdi di Trieste in occasione del Concerto di Natale 2020 con Der Messias di Händel. Michele Gamba,  giovane pianista e direttore d’orchestra è stato assistente di Antonio Pappano a Londra e di Daniel Barenboim a Berlino, ha debuttato nel 2016 al Teatro alla Scala, con I due Foscari ed è successivamente ritornato per dirigere Die Entführung aus dem Serail, Le nozze di Figaro ed Elisir d’amore; fra il teatri più importati e le orchestre più prestigiose dove ha diretto si segnalano la Staatsoper di Amburgo e di Stoccarda, l’Opéra National de Montpellier, La Fenice di Venezia, il Petruzzelli di Bari, l’Opera di Roma, la Tokyo Symphony Orchestra, Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai, Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino, Orchestra Sinfonica di Milano “G. Verdi”,  Staatskapelle di Berlino, le Orchestre di Montpellier e di Toulouse.

Christopher Franklin, direttore che vanta una carriera di lungo corso e di successo, noto e apprezzato dal pubblico del Teatro Verdi dove ha diretto numerosi concerti e opere liriche, fra queste, le ultime, sono state Tristan und Isolde di Wagner  eNabucco di Verdi.

Tutti i concerti saranno eseguiti sul palcoscenico del Teatro Verdi, recentemente ampliato e predisposto in conformità al rispetto di tutte le normative anti Covid. Tutte le modifiche del palcoscenico con i necessari adattamenti illuminotecnici, scenografici, audio e logistici in generale sono a cura dei reparti tecnici del Teatro Verdi che forniranno anche tutto il proprio supporto di esperienze e conoscenze agli studenti impegnati nel tirocinio di registrazione dei concerti.

Il pubblico potrà godere della visione e ascolto dei concerti grazie alla messa in onda su canale televisivo TELEQUATTRO nella serata di sabato alle ore 21 e in replica nella giornata della seguente domenica alle ore 23.30, secondo il calendario riportato nel programma qui di seguito.

GIOVANI TALENTI

PRIMO CONCERTO

TELEQUATTRO

Sabato 30 gennaio ore 21.00

Domenica 31 gennaio ore 23.30

DIRETTORE   Roberto Gianola

PIANOFORTE   Alberto Olivo

Orchestra della Fondazione Teatro Lirico Giuseppe Verdi di Trieste

Programma

Antonio Vivaldi

Sinfonia daLa verità in cimento

Wolfgang Amadeus Mozart

Concerto per Pianoforte e Orchestra in Mi bemolle maggiore K 449

Antonín Dvořák

Sinfonia n. 9 in mi minore op. 95 Dal Nuovo Mondo

SECONDO CONCERTO

TELEQUATTRO

Sabato 6 febbraio ore 21.00

Domenica 7 febbraio ore 23.30

DIRETTORE   Roberto Gianola

MARIMBA   Marco Viel

VIBRAFONO   Ivan Boaro

MAESTRO DEL CORO   Alberto Macrì

Orchestra e Coro della Fondazione Teatro Lirico Giuseppe Verdi di Trieste

Programma

Anders Koppel 

Toccata per marimba, vibrafono e orchestra

Johannes Brahms

Sinfonia n. 1 in do minore op. 68

Schicksalslied op. 54 per coro e orchestra

TERZO CONCERTO

TELEQUATTRO

Sabato 13 febbraio ore 21.00

Domenica 14 febbraio ore 23.30

DIRETTORE   Michele Spotti

PIANOFORTE   Kostandin Tashko

Orchestra della Fondazione Teatro Lirico Giuseppe Verdi di Trieste

Programma

Frédéric Chopin   

Concerto per pianoforte e orchestra in mi minore op. 11

Antonín Dvořák

Sinfonia n. 7 in re minore op. 70

QUARTO CONCERTO

TELEQUATTRO

Sabato 20 febbraio ore 21.00

Domenica 21 febbraio ore 23.30

DIRETTORE   Federico Maria Sardelli

VIOLINO   Sofia De Martis

MAESTRO DEL CORO   Paolo Longo

Orchestra e Coro della Fondazione Teatro Lirico Giuseppe Verdi di Trieste

Programma

Claudio Monteverdi

Domine ad adiuvandume Dixit Dominus da Vespro della Beata Vergine

Marc-Antoine Charpentier

Ouvertureda Le malade imaginaire

Johann Sebastian Bach

Concerto per violino e orchestra n. 1 in la minore BWV 1041

Jean-Baptiste Lully

Passacaille da Armide

Franz Joseph Haydn

Sinfonia n. 100 in sol maggiore (Miltary)

QUINTO CONCERTO

TELEQUATTRO

Sabato 20 marzo ore 21.00

Domenica 21 marzo ore 23.30

DIRETTORE Michele Gamba

VIOLINO    Alida Shahrazad Igbaria

Orchestra e Coro della Fondazione Teatro Lirico Giuseppe Verdi di Trieste

Programma

César Franck

Psaume 150

Édouard Lalo

1° 3° e 5° movimento dalla Symphonie Espagnole op. 21

Camille Saint –Saëns

Sinfonia n. 3 in do minore op. 78

SESTO CONCERTO

TELEQUATTRO

Sabato 17 aprile ore 21.00

Domenica 18 aprile ore 23.30

DIRETTORE   Christopher Franklin

FISARMONICA   Luca Bello

Orchestra e Coro della Fondazione Teatro Lirico Giuseppe Verdi di Trieste

Programma

Musiche di Astor Piazzolla e Vaclav Trojan

Daniele Gatti in concerto con i Berliner Philharmoniker.

Come detto precedentemente, visto il perdurare dell’impossibilità di andare in teatro, quest’anno pubblico qualche selezionato comunicato stampa tra i tanti che m’arrivano ogni giorno.
Daniele Gatti è, oggi, uno dei pochi direttori per i quali mi sposterei volentieri da casa. L’ho fatto in passato e lo ribadisco.
I programmi delle sue esibizioni non sono mai scontati e le interpretazioni sempre elettrizzanti e scevre di banalità. Insomma è un direttore emozionante, che si vuole di più? E poi ci sono i Berliner, Stravinskij e Šostakovič!

ph. Monika Rittershaus

Leggi il resto dell’articolo

Tra Gaber e il Covid-19: gli uomini che perdono i pezzi (e non per loro colpa).

Leggi il resto dell’articolo

Anno nuovo, vita nuova (mah).

Dunque, siccome perdura l’impossibilità di andare a teatro, per tenere viva l’attenzione sull’opera e dintorni ho deciso che da oggi pubblicherò alcuni comunicati stampa, selezionati tra i tanti che m’arrivano ogni giorno.
Avrò un occhio di riguardo per gli streaming e gli eventi trasmessi in televisione; alla fine anche questo è un modo di fare informazione e di sostenere il teatro. Se non lo facciamo noi “del mestiere” o gli appassionati, non lo fa nessuno. Non apro polemiche, per il momento.
Ma c’è dell’altro e cioè che oltre ai prefati comunicati pubblicherò qualche foto o serie di foto (portfolio, per esempio): uno ce l’ho già bello pronto.
Chissà che un giorno non riesca addirittura a capire come funziona il nuovo editor di WordPress, che mi sta facendo uscire pazzo (strasmile).
Detto questo, ecco il primo comunicato stampa, che riguarda la programmazione di RAI5:

Il Teatro Verdi di Trieste

RAI5: UNA SETTIMANA DI OPERE FIRMATE

DA DAMIANO MICHIELETTO

Dall’11 al 15 gennaio la mattina alle 10 e mercoledì 13 anche in prima serata

È dedicata al regista veneto Damiano Michieletto la programmazione operistica della settimana dall’11 al 15 gennaio che Rai Cultura propone sul suo canale Rai5 tutte le mattine alle 10 e il mercoledì anche in prima serata.

Si inizia lunedì 11 gennaio con L’elisir d’amore di Gaetano Donizetti, andato in scena al Macerata Opera Festival nell’estate del 2018. Protagonisti Mariangela Sicilia, John Osborn, Iurii Samoilov, Alex Esposito e Francesca Benitez. Sul podio Francesco Lanzillotta. Regia tv a cura di Francesca Nesler.

Segue, martedì 12 gennaio, il Sigismondo di Gioachino Rossini, andato in scena al Rossini Opera Festival di Pesaro nel 2010 con la direzione musicale di Michele Mariotti. Protagonisti sul palco Daniela Barcellona, Andrea Concetti, Olga Peretyatko, Antonino Siragusa, Manuela Bisceglie ed Enea Scala. Regia tv a cura di Tiziano Mancini.

Mercoledì 13 gennaio l’appuntamento è doppio: la mattina alle 10 va in onda Il viaggio a Reims di Rossini, andato in scena al Teatro dell’Opera di Roma nel 2017 con Stefano Montanari sul podio. Nel cast Mariangela Sicilia, Anna Goryachova, Maria Grazia Schiavo, Francesca Dotto, Juan Francisco Gatell, Adrian Sâmpetrean, Nicola Ulivieri. Regia tv di Carlo Gallucci. In prima serata alle 21.15 invece, sempre dell’Opera di Roma e sempre del 2017, è proposta La damnation de Faust di Hector Berlioz, che si è aggiudicata il Premio “Abbiati” della Critica Musicale Italiana. Sul podio è protagonista Daniele Gatti. Nel cast Pavel Černoch, Alex Esposito, Veronica Simeoni e Goran Jurić. Regia tv di Claudia De Toma.

Giovedì 14 gennaio è la volta della Vedova allegra di Franz Lehár, ancora dell’Opera di Roma, andata in scena al Teatro Costanzi nel 2019. Nel cast Nadja Mchantaf, Paulo Szot, Anthony Michaels- Moore, Adriana Ferfecka, Peter Sonn, Marcello Nardis. Regia tv di Claudia De Toma.

Chiude il ciclo, venerdì 15 gennaioMadama Butterfly di Giacomo Puccini, prodotta dal Teatro Regio di Torino nel 2014. Interpreti principali: Amarilli Nizza, Massimiliano Pisapia, Alberto Mastromarino, Giovanna Lanza. Sul podio Pinchas Steinberg. Regia televisiva a cura di Francesca Nesler.

La successiva settimana operistica, dal 18 al 22 gennaio, sarà dedicata a Emma Dante.

Foto spettacoli Michieletto: https://www.dropbox.com/sh/r2cfjyp98ldnr12/AAAbZgXG1v8WMX_6o_-KUMW7a?dl=0

Comunicato stampa

RAI5: UNA SETTIMANA DI OPERE FIRMATE

DA EMMA DANTE

Dal 18 al 22 gennaio la mattina alle 10

È dedicata alla regista siciliana Emma Dante la programmazione operistica della settimana dal 18 al 22 gennaio che Rai Cultura propone sul suo canale Rai5 tutte le mattine alle 10 ad esclusione del martedì ma con un doppio titolo il giovedì.

Si inizia lunedì 18 gennaio con la Carmen di Georges Bizet, spettacolo inaugurale della stagione 2009/2010 del Teatro alla Scala, che segna inoltre il debutto di Emma Dante nella regia operistica. Protagonisti sul palco Jonas Kaufmann, Erwin Schrotte e Anita Rachvelishvili. Sul podio Daniel Barenboim. Regia tv di Lorena Sardi.

Mercoledì 20 gennaio l’appuntamento è con L’angelo di fuoco di Sergej Prokof’ev, andato in scena al Teatro dell’Opera di Roma nel 2019 con Alejo Pérez sul podio Nel cast Ewa Vesin, Leigh Melrose, Anna Victorova e Mairam Sokolova. Regia tv di Carlo Gallucci.

Giovedì 21 gennaio è la volta del dittico La voix humaine, tragédie lyrique di Francis Poulenc tratta dalla pièce omonima di Jean Cocteau – con protagonista Anna Caterina Antonacci – e Cavalleria rusticana di Pietro Mascagni – con Marco Berti, Carmen Topciu e Gezim Myshketa tra gli interpreti principali –, andato in scena al Teatro Comunale di Bologna nel 2017. Sul podio Michele Mariotti. Regia tv di Arnalda Canali.

Chiude il ciclo, venerdì 22 gennaioLa Cenerentola di Gioachino Rossini, andata in scena nel 2016 al Teatro dell’Opera di Roma con la direzione musicale di Alejo Pérez. Protagonisti sul palco Serena Malfi, Juan Francisco Gatell, Vito Priante, Alessandro Corbelli, Damiana Mizzi, Annunziata Vestri, Ugo Guagliardo. Regia tv a cura di Francesca Nesler.

La successiva settimana operistica, dal 25 al 29 gennaio, sarà dedicata a Davide Livermore.

Foto spettacoli Dante: https://www.dropbox.com/sh/0j131o62ovvh9sm/AAC1r-wFpl7ExFvOX7xiFxO-a?dl=0

Comunicato stampa

RAI5: UNA SETTIMANA DI OPERE FIRMATE

DA DAVIDE LIVERMORE

Dal 25 al 29 gennaio la mattina alle 10 e mercoledì 27 anche in prima serata

È dedicata al regista torinese Davide Livermore la programmazione operistica della settimana dal 25 al 29 gennaio che Rai Cultura propone sul suo canale Rai5 tutte le mattine alle 10 e il mercoledì anche in prima serata.

Si inizia lunedì 25 gennaio con Il barbiere di Siviglia di Gioachino Rossini, andato in scena al Teatro dell’Opera di Roma nel 2016. Protagonisti Chiara Amarù, Edgardo Rocha, Florian Sempey e Ildebrando D’arcangelo. Sul podio Donato Renzetti. Regia tv a cura di Carlo Gallucci.

Segue, martedì 26 gennaioDemetrio e Polibio prima opera lirica di Gioachino Rossini, andata in scena al Rossini Opera Festival di Pesaro nel 2010 con la direzione musicale di Corrado Rovaris. Protagonisti sul palco Maria José Moreno, Victoria Zaytseva, Yijie Shi, Mirco Palazzi. Regia tv a cura di Tiziano Mancini.

Mercoledì 27 gennaio l’appuntamento è doppio: la mattina alle 10 va in onda Ciro in Babilonia di Rossini, andato in scena al Teatro Rossini di Pesaro con Will Crutchfield sul podio. Nel cast Ewa Podleś, Michael Spyres e Jessica Pratt. Regia tv di Daniele Biggiero. In prima serata alle 21.15 invece è proposto il Don Pasquale di Gaetano Donizetti andato in scena al Teatro alla Scala nel 2018. Sul podio Riccardo Chailly. Nel cast Ambrogio Maestri, Rosa Feola, René Barbera, Mattia Olivieri e Andrea Porta. Regia tv di Patrizia Carmine.

Giovedì 28 gennaio è la volta dell’Attila di Giuseppe Verdi ancora del Teatro alla Scala e ancora andato in scena nel 2018 con la direzione musicale di Riccardo Chailly. Nel cast Ildar Abdrazakov, Saioa Hernández, George Petean, Fabio Sartori, Francesco Pittari e Gianluca Buratto. Regia tv di Patrizia Carmine.

Chiudono il ciclo, venerdì 29 gennaio, I vespri siciliani di Verdi, prodotti dal Teatro Regio di Torino nella versione andata in scena nel 2011 per celebrare i 150 anni dell’Unità d’Italia. Sul podio Gianandrea Noseda. Interpreti: Maria Agresta, Gregory Kunde, Ildar Abdrazakov e Franco Vassallo. Regia tv di Arnalda Canali.

Foto spettacoli Livermore: https://www.dropbox.com/sh/ri5n0ajeq408kqk/AAAAkuV1lVR3apR2xciJMvh0a?dl=0

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: