Di tanti pulpiti.

Episodiche esternazioni sulla musica lirica e amenità varie. Sempre tra il serio e il faceto, naturalmente. #verybullo

Archivi Mensili: Maggio 2021

Il Teatro Verdi di Trieste riapre con lo Stabat Mater di Rossini, dedicato alle vittime della pandemia.

L’INIZIATIVA: Il Teatro Verdi di Trieste inaugura l’attività artistica 2021-2022 con un appuntamento speciale, un concerto in memoria delle vittime della pandemia, riservato alle categorie che durante l’emergenza sanitaria hanno lavorato in prima fila. 

L’EVENTO: lo Stabat Mater, di Gioacchino Rossini, sarà eseguito il 12 giugno, al Teatro Verdi di Trieste, con inizio alle ore 20. Il concerto sarà diretto da Valerio Galli, soprano Anastasia Bartoli, mezzosoprano Cecilia Molinari, tenore Matteo Macchioni, basso Gabriele Sagona. Maestro del Coro Francesca Tosi. Orchestra e Coro della Fondazione Teatro Lirico Giuseppe Verdi. 

Sarà una serata molto importante per il teatro e per la città, perché segnerà la ripresa dell’attività con il pubblico in presenza.

LE MODALITA’ DI ADESIONE: Saranno messi a disposizione una serie di biglietti, contingentati, per medici, infermieri, operatori sanitari, Forze dell’Ordine e i lavoratori della grande distribuzione (supermercati). Chi appartiene a queste categorie, per richiedere il biglietto, dovrà inviare una email dal 1 al 6 giugno, a sovrintendenza@teatroverdi-trieste.com. Ogni persona, nell’email, dovrà indicare nome, cognome, numero di telefono (necessari ai fini delle misure di sicurezza e del tracciamento) e allegare una foto del cartellino/badge che attesta l’appartenenza a una delle categorie indicate

Ogni persona potrà indicare al massimo un accompagnatore, per il quale dovrà scrivere, sempre nella email, nome, cognome e numero telefonico.

Le email che non conterranno i dati sopra richiesti, o che arriveranno in date diverse da quelle previste, non verranno prese in considerazione. 

Nell’assegnazione dei biglietti, si procederà tenendo conto dell’ordine di arrivo delle email e fino ad esaurimento dei posti disponibili. 

Chi rientrerà nel numero di biglietti a disposizione, riceverà una email con tutte le istruzioni sul ritiro dei ticket, presso la biglietteria del Teatro Verdi.

Solo per la Polizia Locale il contingente di biglietti verrà gestito direttamente dal Comune di Trieste, secondo modalità e tempi già predisposti. 

Lo spettacolo avrà una durata di circa un’ora.

Attenzione, per accedere al teatro sarà obbligatorio indossare la mascherina FFP2 o FFP3.

​ 

Presentata la stagione della Società dei Concerti di Trieste: si comincia con Salvatore Accardo e l’Orchestra da camera italiana .

LA SOCIETA’ DEI CONCERTI TRIESTE RIPARTE IN PRESENZA CON SALVATORE ACCARDO NELL’AMBITO DI FALESIE IN MUSICA
OLTRE 40 GLI APPUNTAMENTI PREVISTI  IN ESTATE TRA RASSEGNE, IL RECUPERO DEI CONCERTI DELLA STAGIONE 2020-2021 E LA PROSSIMA STAGIONE CONCERTISTICA (LA 90^!)

Dopo il successo dell’anteprima mondiale “Invitation to the Dance FantaC”, firmata Società dei Concerti Trieste, con la viola di Hsin-Yun Huang e la coreografia di Alessandra Ashkenazy per la rassegna “Silenzio in sala a tempo di Musica”, la storica realtà musicale di Trieste ritorna, questa volta in presenza, a partire dal 27 maggio con oltre 40 appuntamenti tra l’estate 2021 e la primavera 2022.

 Ad aprire le danze sarà proprio Salvatore Accardo con l’Orchestra da Camera Italiana nell’ambito della seconda edizione di “Falesie in Musica” la rassegna che si svolge nella scenografica piazzetta di Portopiccolo. I successivi concerti spazieranno dal jazz con il famoso pianista vincitore del Grammy Award 2019 Kevin Hays il 29 luglio, a musiche tanguere con l’appuntamento dedicato ad Astor Piazzolla insieme al violino di Martin Panteleev e Nikola Milo al bandoneon, il 26 agosto, al più ravvicinato, il 17 giugno, con i finalisti del Premio Internazionale dedicato ad Antonio Mormone organizzato dalla Fondazione la Società dei Concerti di Milano.

La Società dei Concerti Trieste in questi mesi ha delineato il programma estivo e la prossima stagione che prevedono insieme ben oltre 40 appuntamenti, un’esplosione di musica con rassegne in luoghi mozzafiato e concerti davvero unici.

«Questa pandemia ci ha portato via un grande amico, un grande uomo – spiega Piero Lugnani, Presidente della Società dei Concerti Trieste – il nostro direttore artistico Derek Han. Insieme al lui avevamo organizzato gran parte dei prossimi appuntamenti, per recuperare i concerti perduti durante l’anno ma non solo: ritorniamo a proporre rassegne che già l’estate scorsa avevano riscosso gran successo di pubblico, prediligendo i luoghi all’aperto. Quest’anno Derek Han ci aveva preparato un’estate e una 90^ stagione di grandi nomi. Oltre al concerto di Accardo, in collaborazione con Portopiccolo, ci sarà un altro evento speciale, questa volta nel cartellone di Trieste Estate, un appuntamento con la musica sinfonica che per ora non possiamo rivelare».

E così, in attesa della nuova stagione che si aprirà a novembre al Teatro Verdi di Trieste, insieme alla rassegna Falesie in Musica si riconfermano questa estate gli appuntamenti “Concerti al chiaro di luna” a fine agosto in collaborazione con il Museo Storico e il Parco del Castello di Miramare, così come la rassegna nazionale “Musica con vista” organizzata dal Comitato Amur – di cui la SdC è socio fondatore – dalle Dimore del Quartetto e dall’Associazione Dimore Storiche Italiane. Due gli appuntamenti in Friuli Venezia Giulia, tra i 37 concerti dislocati in Italia, che si terranno in luoghi davvero mozzafiato: il Castello di Buttrio in provincia di Udine il 27 giugno con il Quartetto Indaco, e a Palazzo Lantieri di Gorizia con il Trio Rigamonti, il 24 luglio. 

La Società dei Concerti recupera in estate anche le date della 89^ stagione 2020-21 che quest’anno a causa della pandemia non si è potuta svolgere interamente. I primi appuntamenti si terranno al Teatro Verdi di Trieste il 14 giugno con il leggendario violoncellista brasiliano Antonio Meneses e il 28 giugno con il violoncello di Mario Brunello insieme all’Accademia della Annunciata.
http://www.societadeiconcerti.it

Finalmente al via il Teatro Verdi di Trieste: presentata la nuova stagione artistica.

È stata presentata oggi alla stampa, al Teatro Verdi di Trieste, la stagione artistica 2021/2022.
Di solito ho sempre commentato le scelte e i titoli in programmazione, ma quest’anno mi astengo felicemente perché l’unica cosa che conta è che il teatro riapra il prima possibile.
Ci sarà tempo nelle prossime settimane per altre considerazioni anche critiche che, in ogni caso, possono trovare posto nei commenti.
Per ora vi comunico solo che stamattina ero emozionato come nelle grandi occasioni; mi sono persino messo – per un criminale dell’outfit come me – una cravatta (strasmile).
A seguire il comunicato stampa del teatro, a presto!


Trieste, 12 maggio 2021: un programma che abbraccia un periodo lungo, da giugno 2021 fino a luglio 2022, diviso in tre momenti. Le grandi opere amate dal pubblico, come “La Traviata”, ma anche il ritorno dell’operetta, con “La Vedova Allegra”. E poi eventi speciali, come quello dedicato alle vittime della pandemia, e ancora balletti, concerti con artisti internazionali e l’avvio della stagione lirica con “Amorosa Presenza”, la prima opera scritta dal Premio Oscar Nicola Piovani. Sono alcuni degli elementi principali dell’attività artistica 2021-2022 del Teatro Verdi di Trieste, illustrata nel corso di un evento mercoledì 12 maggio. Una presentazione che segna la ripartenza insieme al pubblico e che rappresenta un impegno importante per la Fondazione, frutto di un intesto lavoro svolto nei mesi scorsi.

Presentazione/concerto: l’attività è stata annunciata nel corso di una presentazione che ha visto i saluti del sindaco e presidente della Fondazione Teatro Lirico Giuseppe Verdi, Roberto Dipiazza, dell’assessore regionale alla Cultura Tiziana Gibelli, che ha partecipato con un video messaggio, e con gli interventi del Sovrintendente Stefano Pace, del Direttore Generale Antonio Tasca e del Direttore Artistico Paolo Rodda. E con la partecipazione anche del Maestro Piovani. Sul palco la musica di Coro e Orchestra della Fondazione, diretti da Yuri Yamasaki.

Sovrintendente Stefano Pace: «È una presentazione a distanza dal nostro pubblico ma con la consapevolezza, e la gioia, che presto potremo accogliere tutti nuovamente a teatro.  La programmazione presentata guarda al futuro con positività, con la voglia di ricominciare e con un rinnovato entusiasmo.  Naturalmente dovremo continuare a monitorare nei prossimi mesi l’andamento della situazione sanitaria, ma l’auspicio è che si possa andare verso un quadro sempre migliore, per tornare a quella normalità che tutti attendiamo con trepidazione, per ritrovare il nostro pubblico e per trasformare nuovamente il teatro in quel luogo privilegiato per incontrarsi, per stare insieme, un luogo di intrattenimento, di cultura, e soprattutto di socialità, tanto più fondamentale dopo un anno all’insegna delle limitazioni».

Direttore Generale Antonio Tasca: «In un momento come quello che stiamo vivendo, presentare un’attività così lunga è per noi motivo di grande orgoglio. E ci vuole grande coraggio. Abbiamo scelto di dividere il programma in una prima attività estiva, intitolata “Verdi estate”, seguirà l’attività autunnale, che si concluderà a fine dicembre, per lasciare posto poi alla stagione lirica, per gli abbonati, che si aprirà con “Amorosa Presenza”, la prima opera del Maestro Nicola Piovani, che proprio in queste settimane sta lavorando qui a teatro. Il programma coinvolge un arco temporale fino a luglio 2022 e deriva da un lavoro portato avanti negli ultimi mesi insieme al Direttore Artistico Paolo Rodda, e allo staff di Direzione con Daniela Astolfi, Stefano Hauser e Paolo Vitale, e che punta a riprendere l’attività operistica con il nostro pubblico, e ad ampliarla ulteriormente, con diverse novità. Penso al ritorno dell’operetta, al balletto, al tango, ma anche a grandi eventi come il concerto in memoria delle vittime della pandemia, primo appuntamento in calendario, o quello che chiuderà la programmazione estiva, che vedrà protagonisti artisti di fama internazionale». E sul fronte dei ticket ha anticipato: «La biglietteria riaprirà il 31 maggio, per chi vuole acquistare i biglietti per seguire gli spettacoli e per chi deve recuperare i titoli persi nella prima o nella seconda ondata di chiusure, attraverso i voucher. Ma già dal 24 maggio saranno attivi i canali, per richiedere informazioni. C’è poi la volontà  di riprendere appena possibile anche gli appuntamenti con le scuole e le visite guidate a teatro, aperte al pubblico».

Direttore Artistico Paolo Rodda: «Da un lato il pubblico ritroverà la grande tradizione operistica, con titoli emblematici, come Tosca, Il Rigoletto o Don Pasquale, dall’altra assisterà a una novità importante, l’opera di Piovani, che si inserisce in un percorso che il Verdi ha intrapreso da anni, con la volontà di proporre un’attività innovativa. Credo che nel panorama nazionale delle Fondazioni, nella storia recente in particolare, sia una rarità e un segnale molto forte del desiderio di presentarsi al pubblico in modo diverso. In tal senso penso anche ad alcune scelte inusuali che abbiamo adottato, come il dittico inedito Al Mulino/Pagliacci, che rappresenta una prima assoluta e che dimostra, anche in questo caso, la voglia di seguire il solco della tradizione, pensando sempre a proposte nuove e in grado di stupire favorevolmente il pubblico. E lo facciamo con grande passione, nonostante la battuta d’arresto dovuta al Covid. Riprendiamo da dove ci eravamo fermati e con un programma articolato. Ci vuole coraggio, in questo particolare frangente storico, a pianificare a un periodo così lungo. Ma vogliamo farlo per riprendere quello slancio, quella spinta, che prima della pandemia ci aveva contraddistinti: un teatro proiettato verso il futuro, ora più che mai»

L’attività artistica:Si comincia il 12 giugno con “Stabat Mater”, concerto in memoria delle vittime della pandemia. Dal 25 al 29 giugno e poi il 2 e il 3 luglio, torna “La Traviata”, diretta da Michelangelo Mazza, con gli interpreti principali Ruth Iniesta, Marco Ciaponi, Angelo Veccia. “Il Lago dei Cigni” sarà in programma dal 13 al 18 luglio, con la direzione di Yuriy Bervetsky, e con i solisti Natalia Matsak, Denis Nedak. “La Vedova Allegra” riporterà sul palco l’operetta dal 23 al 27 luglio, mentre i ballerini di tango che già si sono esibiti di recente al Teatro Verdi, torneranno in scena con “Tango e dintorni”, il 31 luglio. Gran finale per la prima parte dell’attività con Viva “Il” Verdi, l’8 agosto, un concerto che sarà presentato nel dettaglio a luglio.

Si proseguirà dal 3 all’11 dicembre con “Il Barbiere di Siviglia”, diretto da Francesco Quattrocchi, con gli interpreti principali Antonino Siragusa, Mario Cassi, Paola Gardina. Seguiranno due eventi tradizionali, il Concerto di Natale, il 18 dicembre, con Orchestra e Coro della Fondazione, impegnati il 31 dicembre anche nel Concerto di Fine Anno.

La stagione lirica e di balletto, per gli abbonati, inizierà con “Amorosa Presenza”, di Nicola Piovani, dal 21 al 29 gennaio, diretta dal Maestro, con gli interpreti principali Maria Rita Combattelli, Giuseppe Tommaso, Aloisa Aisemberg, William Hernandez. Si continuerà con Schehrazade/Carmen, spettacolo di balletto, dall’8 al 12 febbraio, con Orchestra e tecnici della Fondazione. E poi Tosca, dal 4 al 12 marzo, con il direttore Christopher Franklin e gli interpreti principali Maria Josè Siri, Mikheil Sheshaberidze, Ernesto Petti, Don Pasquale, dall’1 al 9 aprile, con il direttore Roberto Gianola e gli interpreti principali Antonino Siragusa, Nina Muho, Pablo Ruiz, Rigoletto, dal 6 al 14 maggio, diretto da Valentina Peleggi, con gli interpreti principali Devid Cecconi, Ruth Iniesta, Iván Ayón Rivas. E infine l’atteso Al Mulino/Pagliacci, dal 10 al 18 giugno, con i direttori Fabrizio Da Ros/Fabrizio Maria Carminati e con Afag  Abbasova-Budagova Nurahmed, Domenico Balzani, Zi Zhao Guo/ Amadi Lhaga, Valeria Sepe, Devid Cecconi.

Il concerto di apertura, il 12 giugno, che ricorderà le vittime della pandemia, sarà esclusivamente su invito, rivolto a medici, infermieri, operatori sanitari, forze dell’ordine e a tutte le categorie che durante l’emergenza sanitaria hanno lavorato in prima fila.  L’acquisto dei biglietti per il pubblico invece inizierà con il secondo spettacolo in cartellone, La Traviata.

Amorosa Presenza: Il Maestro Nicola Piovani ha scelto Trieste per la sua prima opera lirica, che sta prendendo vita in questi giorni a teatro, con un percorso a stretto contatto con il Verdi e con tutti i professionisti coinvolti, che sarà anche raccontato attraverso un documentario. Un progetto nato su volontà del Direttore Generale Antonio Tasca. “Amorosa presenza” porterà in scena la storia di due ragazzi degli anni Settanta innamorati dell’amore, una trama caratterizzata da imprevisti e colpi di scena. Un’opera ispirata dal romanzo di Vincenzo Cerami e rimasta a lungo in un cassetto, prima di vedere la luce a Trieste.

Telequattro: la presentazione dell’attività artistica 2021-2022, in onda mercoledì 12 maggio alle 20.05 su Telequattro, sarà trasmessa in replica giovedì 13 maggio alle 13.40.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: