Di tanti pulpiti.

Episodiche esternazioni sulla musica lirica e amenità varie. Sempre tra il serio e il faceto, naturalmente. #verybullo

Archivi Categorie: coronavirus

Adele D’Aronzo ci accompagna in un viaggio musicale nella musica degli anni 2000, che rispecchia le contraddizioni del nostro tempo, ma ha salde radici nel passato.

La contingenza è tale che ascoltare dischi diventerà un’abitudine, purtroppo.
Al momento non me sento d’aggiungere altro, abbiate pazienza, neanche qualcosa di spiritoso che mi costringa a usare il tag umorismo.

Leggi il resto dell’articolo

Trionfo per Sergej Krylov nel secondo concerto della stagione autunnale al Teatro Verdi di Trieste.

Sergej Krylov e l’Orchestra del Teatro Verdi trionfano a Trieste in un emozionante concerto. Teatro esaurito per la seconda volta consecutiva. Il Covid-19 resta a casa (strasmile). Leggi il resto dell’articolo

È ripresa con un concerto lirico l’attività al Teatro Verdi di Trieste: è subito sold out!

Sold out, appunto, ed è già un’ottima notizia. Per il momento va bene così, a seguire la cronaca della serata con le bellissime immagini dell’amico Fabio Parenzan.
Leggi il resto dell’articolo

Presentata l’attività artistica del Teatro Verdi di Trieste.

Presentata questa mattina la “stagione autunnale” del Teatro Verdi di Trieste. Quello che leggerete è il comunicato stampa del teatro e non farina del mio sacco, perché ritengo che nella contingenza sia già miracoloso che il teatro riapra e non me la sento di aggiungere altro. E speriamo che si riesca a portare a termine la stagione senza inconvenienti! Leggi il resto dell’articolo

Chiusa la stagione estiva del Teatro Verdi di Trieste. Il futuro è incerto, ma si può sperare bene per i prossimi mesi.

Proprio mentre stavo scrivendo la recensione, è arrivato un comunicato stampa del teatro che recita così:

La programmazione della prossima Stagione concertistica 2020 è in via di definizione e verrà presentata in ogni dettaglio alla riapertura del Teatro. L’inaugurazione avverrà domenica 13 settembre 2020, con un grande concerto lirico sinfonico.

Insomma, non perdiamo la speranza!

Leggi il resto dell’articolo

Cronaca di una resurrezione annunciata: torna la musica “vera” al Teatro Verdi di Trieste

Finalmente, dopo tre mesi di chiusura obbligata, il Teatro Verdi di Trieste ha riaperto le porte al pubblico.
Leggi il resto dell’articolo

La Fase Arrangiatevi (di cupi versi di uccelli del malaugurio, superstiziosi disagi e sconci gesti apotropaici).

Dunque si chiude oggi la Fase di Schrödinger e domani si passa a quella successiva, che non so come definire. Forse un buon compromesso è Fase Arrangiatevi, ché noi abbiamo cercato di pararci il culo in ogni modo: ci chiedono di essere responsabili, che vuol dire cosa esattamente? Niente. Però non voglio entrare in polemiche assurde, speriamo solo che vada tutto per il meglio, coscienti che se sarà così non avremo alcun merito e se, invece, andrà male, la colpa sarà nostra.
Tutti noi siamo stati già responsabili perché abbiamo affrontato e superato un periodo lunghissimo di isolamento, durante il quale le nostre libertà personali sono state duramente ristrette, spesso con norme anticostituzionali. Del resto, sull’argomento mi sono già espresso in modo chiaro.

Domani anch’io riprendo a lavorare, ammesso che essere d’ostacolo all’attività commerciale di Ex Ripley sia un lavoro e non un atto di sabotaggio deliberato.
Per la musica dal vivo, invece, e relative recensioni semiserie dovrò aspettare ancora parecchio. Ho la speranza (che, lo ricordo, delude sempre) di poter tornare a teatro in occasione del prossimo Festival di Lubiana che inizia in luglio; ci sono però ancora molte incognite. Pensare positivo non è la mia cup of tea.
Dai primi di marzo a oggi ho imparato, anzi, toccato con mano come mai nella mia vita, che la Natura fa il suo corso a prescindere dalle nostre vicissitudini. Per questo motivo oggi pubblico un po’ di foto – forse qualcuna l’ho già messa – di ciò che in questo periodo succedeva nel mio giardino.
Fotografare mi è stato di aiuto e mi ha insegnato molto sulle abitudini di alcuni di questi uccellini e animaletti. Un uccello, l’upupa, mi è sfuggito ma non dispero: ne sto imparando il verso.
Credo che l’immagine agghiacciante di un vecchio rincoglionito che fa il verso dell’upupa con una reflex in mano sia la degna conclusione di questo post di transizione che, mi rendo conto, molti leggeranno con superstizioso disagio e facendo sconvenienti gesti apotropaici.
In bocca all’upupa a tutti.

Fase2: (della fase di Schrödinger, paradossi e certezze)

Dopo la serie di intervalli di questi due ultimi mesi, siamo finalmente al sipario.
Non mi aspetto applausi, tranquilli. È solo la cosiddetta Fase2 e anch’io, per smuovermi un po’, faccio qualche cambiamento.
I post non saranno più giornalieri, ma non ne sono sicuro. Forse sì, forse no. Non c’è certezza di niente, ne abbiamo parlato nei post e nei commenti più volte. Abbiamo anche evocato spesso il paradosso del Gatto di Schrödinger e mi pare che l’ampia discrezionalità di interpretazione delle nuove regole imposte vada in quella direzione.
Una cosa è certa, non voglio mettermi a fare calcoli per sapere chi siano i miei cugini di sesto grado. Mi vanno stretti già i parenti stretti, non ho intenzione di aggiungere alcun buco alla cintura della mia parentela.
Buona fase due a tutti, restate vigili, ché ne abbiamo bisogno perché l’unica certezza è che siamo messi così: un po’ di pizza (magari per asporto), una spruzzata di mandolino e niente davvero a fuoco. Intanto dietro le quinte, sempre confusamente, si baciano mani!

Tutto chiuso: Intervallo 60 (di persone irregolari e grandi direttori d’orchestra)

Oggi devo festeggiare un compleanno. Non il mio, ma quello di Valerij Abisalovič Gergiev il quale, a mio modestissimo parere, è uno dei più grandi direttori d’orchestra del panorama odierno.
È un musicista originale, estremamente spumeggiante nelle sue interpretazioni sia operistiche sia sinfoniche. Con Gergiev sul podio non ci si annoia di certo e spesso riesce a rendere interessanti pagine musicali che do per scontate. Dirette da lui, invece, scopro qualche particolare che m’era sfuggito in tanti ascolti live o discografici.
Ma a me piace soprattutto perché lo considero un irregolare dal punto di vista umano; non si sa mai cosa aspettarsi, non è scontato ed è palesemente fuori dalle righe e dagli schemi (forse un po’ logori) sia dell’artista genio e sregolatezza sia di quello che dedica la vita all’Arte. Gergiev sta in una specie di terra di mezzo in cui tutto può accadere, quando lo vedo dirigere mi chiedo sempre “Chissà cosa s’inventerà, ora”.
Per certi versi mi ricorda Charles Bukowski col quale condivide un certo gusto per l’eccesso.
Credo che oggi più che mai abbiamo bisogno di persone irregolari, che ci facciano riflettere e non ci diano risposte certe.
Un po’ come questa mia foto, che potrebbe essere tante cose.

Tutto chiuso: Intervallo 59 (di primi maggi forieri di catastrofi e di giustificati pessimismi)

Beh, oggi non si può parlare altro che di lavoro, soprattutto di quello che non c’è, e anche di quando riusciremo a condividere (per chi interessa) e a riprendere una vita sociale.

Vi dico come la vedo io e non potrà essere altro che una visione funerea per tanti motivi.
Sarò sintetico, in ordine sparso.

  • Nella sostanza, di come combattere il maledetto COVID-19 non sappiamo ancora nulla o quasi. I provvedimenti presi dal governo sono stati utili? Sembra di sì.
  • Le misure sino a ora adottate hanno un prevalente carattere di restrizione arbitraria delle libertà individuali. Sono, dal mio punto di vista, ampiamente anticostituzionali e altrettanto grossolanamente pericolose per il futuro.
  • La situazione economica – parlo per l’Italia – , già drammatica prima di questa crisi, è destinata a peggiorare in modo spaventoso.
  • In Italia c’è da molti anni quota parte degli elettori che esprime una spiccata xenofobia, un evidente razzismo, una pericolosa tendenza all’autoritarismo.
  • La crisi dovuta alla pandemia ha dato dignità di comportamento virtuoso alla delazione più becera.
  • Una quantità enorme di persone, tra qualche mese, dovrà fare i conti con le banche. Cosa potrà andare storto, secondo voi, a qualcuno che si è indebitato sino al collo perché ha aperto un’attività legata al turismo? A quel turismo di massa promosso da una classe politica deficiente che ha reso le nostre città dei divertimentifici?
  • Sinora, diciamo negli ultimi trent’anni tutto (?) è andato liscio perché la stragrande maggioranza delle persone è riuscita a mettere insieme il pranzo con la cena. Non sarà più così tra sei mesi.
  • Già oggi, c’è un clamoroso deprezzamento etico del lavoro, con persone che pur di poter portare a casa qualche euro svendono professionalità preziose in aste al ribasso online, fornendo gratis et amore servizi che hanno, anzi devono avere, un costo. Lo faccio anch’io, non sto a dirvi come, mentre il perché è evidente.
  • Il lavoro da casa, in linea di massima, conviene al capitalismo in senso stretto, non sicuramente a chi lavora. La cosiddetta flessibilità sarà un’ulteriore arma in mano ai grandi potentati economici e alle multinazionali.
  • Storicamente, in queste situazioni, la malavita organizzata cresce. Lo fa perché ha rappresentanti nella politica e perché ha inimmaginabile disponibilità di mezzi. Gli usurai faranno affari d’oro.
  • La disparità economica sociale allargherà ancora di più la sua forbice e molti sceglieranno la via più facile dell’illegalità di tutti i tipi.
  • Scoppieranno disordini nelle piazze e le persone chiederanno che sia ristabilito l’ordine. L’ordine non sarà ristabilito, ma l’esperienza fatta durante la fase acuta della pandemia da COVID-19 sarà utile. Le restrizioni alla libertà personale saranno un gioco da ragazzi, e si chiuderà il cerchio.

Aggiungo che ho scritto di getto, senza premeditazione e di proposito non ho messo nell’elenco puntato che per i teatri, per i lavoratori del teatro e per la cultura non si è fatto nulla.
Buona fortuna a tutti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: