Di tanti pulpiti.

Episodiche esternazioni sulla musica lirica e amenità varie. Sempre tra il serio e il faceto, naturalmente. #verybullo

Archivi delle etichette: Balzani

Recensione ponderata di Les Pêcheurs de Perles di Georges Bizet al Teatro Verdi di Trieste.

Che dire? Questo allestimento non mi aveva convinto nel 2008 e contrariamente a certi vini il tempo non l’ha migliorato, anzi, se non siamo all’aceto ci manca poco (strasmile). Inoltre, se la volta scorsa c’era un grande obeso tra i ballerini questa volta il corpo di ballo – ricordo che quello del Verdi è stato asfaltato dalla crisi economica – ha fornito una prestazione che definirei volenterosa e nulla più. Per fortuna c’era una buona compagnia artistica e un buon direttore.
A seguire gli esiti della serata, un saluto a tutti! Leggi il resto dell’articolo

Annunci

Recensione abbastanza seria di Falstaff al Teatro Verdi di Trieste: stupisce l’uomo castoro.

Di questo Falstaff mi resterà per sempre nella memoria una scena straordinaria, che però non ha nulla a che fare con l’opera. Al primo intervallo un giovanotto mi ha colpito per la sua acconciatura pazzesca: sembrava avesse in testa un castoro. Ora, probabilmente è stata solo una mia sensazione, ma il fatto che il ragazzo sia stato trascinato da una forza arcana a rodere i tavolini di un bar in Piazza Verdi mi fa pensare che forse non è stata un’allucinazione. E certo, anche il fatto che dopo un po’ sia comparsa una diga vicino a Pep’s ecco, mi insinua il dubbio che proprio di un castoro si dovesse trattare e pure piuttosto vivace.
Serata sorprendente anche per altri motivi, perché alla fine dello spettacolo ho incontrato dopo soli 45 anni un mio compagno d’infanzia e di scuola. Il fatto che ci siamo riconosciuti subito, senza troppe esitazioni, depone a favore del nostro stato di conservazione, bisogna dirlo. Poi, se qualcuno volesse chiosare che gli enormi cartelloni appesi al collo con i cognomi scritti in stampatello possano essere stati d’aiuto, beh, è libero di insinuarlo. Ciao Pier (strasmile). Leggi il resto dell’articolo

Recensione abbastanza seria dell’Occasione fa il ladro di Gioachino Rossini al Teatro Verdi di Trieste: de minimis non curat Rossini.

Trieste. palazzo della regione Friuli Venezia Giulia

Trieste. palazzo della regione Friuli Venezia Giulia

Nei giorni scorsi pensavo a come il termine burletta fosse l’ideale per definire con sferzante proprietà molte delle vicende politiche ed economiche della disastrata città di Trieste, per non parlare delle considerazioni che potrebbero scaturire dal titolo di questo lavoro di Rossini, L’occasione fa il ladro.
Peraltro, anche se l’attualità incalza e nello specifico la regia di Elisabetta Brusa suggerisce continuità tra il dentro e il fuori del teatro è meglio soprassedere: il genio del compositore pesarese non merita questo tipo di accostamenti e anzi è proprio in queste circostanze che la funzione di sospensione della realtà di una serata a teatro deve essere particolarmente apprezzata. Leggi il resto dell’articolo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: