Di tanti pulpiti.

Episodiche esternazioni sulla musica lirica e amenità varie. Sempre tra il serio e il faceto, naturalmente. #verybullo

Tutto chiuso: Intervallo 44 (elucubrazioni gioconde tra cielo e mare)

Ne La Gioconda di Amilcare Ponchielli, c’è nel secondo atto una romanza molto bella. Tutti i tenori più importanti ne hanno data interpretazione nei recital: si intitola Cielo e mar e comincia così:

Cielo e mar! L’etereo velo
splende come un santo altar.
L’angiol mio verra dal cielo?
L’angiol mio verra dal mare?

Insomma, il protagonista, che si chiama Enzo, non sa da dove arriveranno gli angeli.
Cielo e mare hanno qualcosa in comune? Certo, se ne potrebbe discutere a lungo. Quando si fotografano i tramonti, per esempio, il cielo si specchia nel mare, spesso con effetti molto coreografici.
In certe condizioni di luce non si capisce dove finisca uno e cominci l’altro, o viceversa. Ma ci sono anche condizioni meteo particolari che confondono acque e nubi. Basta avere pazienza, magari ascoltando, per passare il tempo, La danza delle ore.

 

6 risposte a “Tutto chiuso: Intervallo 44 (elucubrazioni gioconde tra cielo e mare)

  1. Pier 16 aprile 2020 alle 9:20 PM

    Ponchielli non so. Pagliacci al Verdi per oggi, perso. Mi consolo su Rai 5 con la Traviata alla Scala: dirige Muti regia Cavani scene Ferretti cantano Fabbricini e l’inquieto Alagna (uno dei miei preferiti). Per quanto mi riguarda l’ascolterei sempre.
    Un caro saluto

    "Mi piace"

  2. Amfortas 17 aprile 2020 alle 7:51 am

    Ciao Pier, quella Traviata è molto dibattuta da sempre. Mi fa specie che siano passati ben 30 anni! La Fabbricini fu o esaltata o martoriata dalla critica, per esempio, e stessa cosa per Muti. A me piaceva tantissimo Paolo Coni che aveva potenzialità straordinarie poi naufragate anche per problemi di salute. Alagna era pure splendido, la parte gli si confaceva. La Fabbricini tentò, piuttosto bene anche se in modo alterno, di rifare la Violetta della Callas, con la quale però condivideva solo il naso pronunciato. Però fu brava. Muti è Muti, sempre lui, nel bene e nel male.
    A Trieste sarà dura, come in tanti altri teatri italiani. Complimenti per l’ennesima “avvelenata” sul Piccolo, sono completamente d’accordo con te.
    Ciao, Paolo

    "Mi piace"

  3. CASSANDRO 17 aprile 2020 alle 6:20 PM

    E chi meglio di te, Amfortas, può saperlo che “quando si fotografano i tramonti il cielo si specchia nel mare, spesso con effetti molto coreografici”?

    E infatti ce ne hai dato un saggio con il tuo suggestivo bianco e nero.

    Guardare mare e cielo al tramonto rasserena, e si ha coscienza che forse al ritmo della Danza delle ore il tempo passa inesorabilmente in tutti i sensi, e può portare alla considerazione a volte che . . .

    BELLO E’ CHE AMOR . . .

    Bello è che amor finisca in questo modo
    con levità di brezza a primavera,
    come quando si tira il filo a un nodo
    a fiocco: or non c’è più e prima c’era.

    Tutto finisce nel ricordo di
    cose ben fatte e cose male fatte
    . . . (poche) . . . nate dal giorno . . . un lunedì…
    quando . . . mano al tuo seno bianco latte…

    la bocca io ti schiusi all’improvviso,
    ma senza lotta . . . era aperta già . . .
    e, come in Dante, “il disiato riso”
    potei baciare . . . Ed ora eccoci qua

    al tavolo di un noto ristorante,
    a prendere però solo una pizza
    . . .così . . . in una giornata come tante,
    per dirci senza alcun moto di stizza

    tu: “C’est la vie”, ed io: “Tutto finisce
    . . . però è stato bello, amica mia,
    ancor di più perché non ci intristisce
    questo lasciarci, questo ‘E così sia’!”

    Ognuno seguirà or nuova strada
    sapendo che se mai si girerà
    . . . dovunque stia e dovunque vada . . .
    del suo “passato” . . . eh, sì . . . sorriderà

    senza rimorso e senza rimpianto,
    senza nostalgia e senza attrito,
    coscienti che ci siamo amati tanto
    ma che il tutto poi si è diluito,

    fino a sparire, lieve come piuma,
    come il tramonto a fine dell’estate
    davanti al mare calmo senza schiuma,
    o il passo vellutato delle fate.

    Le guance adesso . . . “Ciao” . . . ci sfioriamo
    e tu: “Di vista . . . uhè! . . . non ci perdiamo!”
    ed io: Okkei, senz’altro! . . . Promettiamo!”

    (Cassandro)

    "Mi piace"

  4. Amfortas 18 aprile 2020 alle 8:16 am

    Caro Cassandro, la immagini al tramonto hanno soprattutto una cosa di bello e cioè che è una fotografia lenta, rilassante. Ti metti lì ad aspettare la luce giusta e se non c’è magari ci torni il giorno dopo, senza fretta. È proprio il contrario della vita di tutti i giorni, frenetica al limite dell’alienazione. Del resto, per me, la fotografia è un hobby. Chi lo fa per lavoro non ha tempo di aspettare i tramonti.
    Ciao, Paolo

    "Mi piace"

  5. fabiana stranich 18 aprile 2020 alle 8:31 am

    Ho capito, hai rinunciato definitivamente alla mostra. Mi dispiace

    "Mi piace"

  6. Amfortas 18 aprile 2020 alle 12:07 PM

    Ciao Fabiana, si vede che era destino.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: